WASP Gaia la piccola casa stampata in 3d

WASP realizza un modello di una casa piccola dai rifiuti stampati in 3D

Seguiamo WASP da anni, oltre a tenere sotto controllo i progressi nel villaggio di Shamballa , una piccola ed estremamente progressiva comunità italiana che ospita case fabbricate con impressionanti stampanti 3D di grandi dimensioni. Se vuoi dare uno sguardo a quello che ci si può aspettare, guarda Gaia , un modello con un guscio esterno e travi costruite con materiali organici come il suolo e i rifiuti agricoli. La casa misura 30 metri quadrati e si trova a Massa Lombarda, a Shamballa, in Emilia-Romagna.

Gaia è stata stampata in 3D utilizzando materiali naturali in Italia.

Sebbene la stampa 3D sia stata un enorme vantaggio per una miriade di industrie che producono parti e prototipi creati da una gamma in continua espansione di materie plastiche e metalli, molti utenti hanno approfondito lo studio delle scienze dei materiali e i modi per usare la tecnologia rispettosa dell’ambiente. I materiali di stampa 3D per Gaia sono stati creati da una ricetta biodegradabile di fango nel sito di Shamballa, oltre a rifiuti da agricoltura del riso come paglia e gusci utilizzati per le loro qualità isolanti naturali.

“Gaia è il risultato di un utilizzo limitato e ottimizzato delle risorse agricole, che attraverso la tecnologia sono state convertite in un edificio complesso con un impatto ambientale minimo”, ha spiegato il team di sviluppo WASP in una recente intervista .

“Se l’edificio non viene mantenuto, si trasformerà in terreno”, ha detto WASP per quanto riguarda la piccola casa.

La tecnica e l’intraprendenza utilizzate in questo progetto dimostrano il potenziale per l’uso diversificato dei materiali nella stampa 3D e nella costruzione complessiva; infatti, i materiali di scarto di un prodotto ampiamente prodotto come il riso possono essere trasformati in isolanti così efficaci da ridurre o eliminare l’uso di altri metodi di riscaldamento durante i mesi più freddi in Italia.

“È possibile concepire uno scenario futuro in cui un ettaro di campo coltivato può diventare 100 metri quadrati di ambiente costruito”, ha affermato WASP.

Le tasche vuote vengono create all’interno delle pareti consentendo ventilazione ed efficienza nel complesso. Le bucce sono state utilizzate anche nei materiali di copertura per ulteriore calore e protezione. I vantaggi più intrinsechi della stampa 3D in edilizia sono in mostra con questo modello di casa che costa meno di mille sterline e che è stato completato in soli dieci giorni. E mentre il beneficio di ‘fare meno sprechi’ è altamente pubblicizzato, qui il team sta usando i rifiuti; inoltre, il team WASP crede che numerosi altri materiali di scarto naturale potrebbero diventare utili nella costruzione di tutto il mondo.

L’uso di materiali naturali come lo spreco di riso era parte integrante della produzione di Gaia.

“Gaia è una struttura altamente performante in termini di energia, con quasi nessun impatto ambientale”, ha affermato il team di sviluppo di WASP.

La stampa 3D in edilizia è un argomento che entusiasma i costruttori, gli sviluppatori e i consumatori ad ogni livello a causa del vero potenziale che ha per modificare quasi tutti i processi dell’edificio e persino i processi di vendita; infatti, in alcuni casi, la costruzione di una casa tramite la stampa 3D può diventare un processo DIY poco costoso che porta non solo a opportunità per chiunque sia in grado di assemblare una piccola costruzione, ma anche di continuare ad aggiungere opzioni ai paesi in via di sviluppo e alle aree che necessitano di alloggio durante il disastro. I costruttori di oggi hanno già utilizzato la stampa 3D per case intelligenti fuori dalla rete , abitazioni minuscole , pod e altre strutture protettive, compresi i rifugi di fermata dell’autobus . Scopri di più su WASP e i loro progetti di stampa 3D in corso qui.

Be the first to comment on "WASP Gaia la piccola casa stampata in 3d"

Leave a comment