WASP annuncia “3D Printing for Sustainable Living”

Dopo la costruzione di Gaia, il primo modulo architettonico a base di terra cruda stampato con Crane WASP, l’azienda avvia una nuova fase di applicazione tecnologica in vista di Expo 2020.

A settembre, WASP , o World’s Advanced Saving Project, ha presentato la sua nuova stampante 3D per la costruzione di gru , in Italia. In realtà è un sistema di stampa 3D modulare, o “stampante 3D infinita”, con diverse configurazioni tra cui scegliere, ed è stato presentato al pubblico a Massa Lombarda, dove viene costruito il villaggio stampato in 3D di Shamballa .

In ottobre, si è tenuto un programma di due giorni, a partire da una conferenza intitolata “Un appello per salvare il mondo”, che circonda l’introduzione della stampante Crane 3D di WASP e del suo innovativo modulo Gaia stampato in 3D. La vivibile, minuscola casa stampata in 3D è la prima struttura stampata dalla WASP Crane 3D, ed è stata realizzata con la vera terra cruda, con paglia e gusci di riso aggiunti all’interno per l’isolamento.

“Tutti nel mondo avranno una casa bella, sana, sostenibile, autosufficiente ed ecologica per diritto di nascita”, ha scritto WASP in un comunicato stampa. “La terra è la nostra testimonianza, ha preso forma in Gaia”.

Ora che il modello architettonico Gaia stampato in 3D è completo, WASP sta avviando una nuova fase tecnologica “in vista di Expo 2020” e ha iniziato nel 2019 con un programma a lungo termine chiamato “Stampa 3D per una vita sostenibile”.

GAIA rappresenta un caso di studio importante per comprendere esattamente ciò che è possibile quando si utilizza la stampa 3D nel settore delle costruzioni. Il modulo Terra stampato in 3D è una parte importante del nuovo programma di WASP, che si concentra sullo sviluppo del processo di costruzione utilizzando la fabbricazione digitale e la stampa 3D nel tentativo di spostarsi verso un concetto completamente nuovo di costruire case.

“Come già annunciato nel convegno” Un appello per salvare il mondo “, WASP è alla ricerca di una collaborazione con partner appartenenti a tutti i settori, dalla progettazione architettonica alla ricerca universitaria, dalle associazioni umanitarie ai ministeri nazionali, in grado di condividere pienamente il progetto, “La società ha scritto. “Propone un programma strategico di attività costruttive, espressamente progettato per la stampa 3D in loco e sviluppato attraverso l’uso di materie prime locali.”

Il programma è incentrato su un modello di costruzione avanzato ed eco-sostenibile, in particolare grazie al minor costo e al maggiore comfort interno che le pareti del modello Gaia forniscono con la loro combinazione di terra grezza e rifiuti naturali come materiali da costruzione.

Alcuni dei partner che dovrebbero lavorare con WASP nel suo nuovo progetto includono alcune università, associazioni umanitarie, istituti bancari e fondazioni, autorità pubbliche e private e diversi ministeri, tra cui Istruzione, salute, ambiente e protezione di terra e mare, Infrastrutture e trasporti, politiche del lavoro e sociali, affari esteri e cooperazione internazionale, politica agricola e forestale dell’alimentazione e delle foreste e sviluppo economico.

Il progetto si basa su sei macro-aree principali, a partire dalla promozione delle risorse umane e materiali dal territorio. Quest’area presenta la capitalizzazione delle conoscenze umane, l’uso di fonti di energia rinnovabile e materiali trovati sul posto, la democratizzazione della tecnologia ai fini della produzione e l’utilizzo di manodopera locale, piuttosto che persone con una formazione avanzata.

La seconda area del progetto è costituita da processi di costruzione sostenibili a basso impatto ambientale, compresi elementi quali riduzione dei costi di costruzione, emissioni di CO2, uso del calcestruzzo e operazioni di trasporto, nonché utilizzo di rifiuti naturali e pianificazione migliore del ciclo di vita della costruzione. I materiali riciclati, come i rifiuti naturali della catena agricola e le macerie, costituiscono la terza area, mentre il quarto è incentrato sulla digitalizzazione del sito di costruzione attraverso funzionalità come l’acquisizione di dati digitali tramite scansione 3D, monitoraggio del sito, utilizzando misurazioni sul posto ridurre la quantità di errori e definire costantemente le coordinate spaziali corrette.

La multi-purpose construction è la quinta macroarea del progetto, che comprende il coordinamento dell’uso di più metodi di fabbricazione digitale come la tecnologia CNC, incorporando le strutture di rifornimento durante la costruzione iniziale piuttosto che dopo, aggiungendo ventilazione naturale e isolamento termico direttamente sulle pareti e utilizzando deposizione di materiale controllato per ottenere una costruzione ad alte prestazioni. Il design digitale è l’area del progetto finale e si concentrerà su funzionalità quali la progettazione integrata con il software BIM, la condivisione di contenuti digitali disponibili su Internet, l’utilizzo di un algoritmo di ottimizzazione dei materiali per la costruzione e la realizzazione di progetti di costruzione completamente digitali.

Con questo nuovo progetto, WASP spera di diventare un leader nel mercato immobiliare, grazie anche alla sua rete di collaboratori che contribuiranno a promuovere e condividere il progetto. L’azienda sa che ci sono alcune reali opportunità in futuro per la bioedilizia e progetta anche di sviluppare un nuovo eco-distretto per implementare gli obiettivi del progetto “Stampa 3D per una vita sostenibile” e creare nuove strategie costruttive che possano essere replicate in ambienti multipli.

Be the first to comment on "WASP annuncia “3D Printing for Sustainable Living”"

Leave a comment