Volume Graphics aderisce al progetto “Rapid Tooling” del Kunststoff-Institut

VOLUME GRAPHICS SI UNISCE AL KUNSTSTOFF-INSTITUT NEL PROGETTO “RAPID TOOLING” STAMPATO IN 3D

Volume Graphics , un fornitore di software per CT industriale con sede a Heidelberg, ha aderito al progetto “Rapid Tooling” del Kunststoff-Institut , che mira a sviluppare stampi e inserti stampati in 3D convenienti ed economici.

Come parte del consorzio Kunststoff-Institut , Volume Graphics offrirà garanzia di qualità e ottimizzazione dei processi per gli strumenti stampati in 3D. Christof Reinhart, CEO di Volume Graphics, ha dichiarato:

“Lavorare a questo progetto con Kunststoff-Institut e partner è molto importante per noi perché siamo convinti che la tomografia computerizzata industriale possa far progredire il futuro degli utensili rapidi.”

“STIAMO SEGUENDO L’ARGOMENTO DELLA PRODUZIONE ADDITIVA IN GENERALE E DEGLI UTENSILI RAPIDI IN PARTICOLARE DA QUALCHE TEMPO E STIAMO LAVORANDO A SOLUZIONI PER AUMENTARE I VOLUMI DEI PROTOTIPI, LA VELOCITÀ DI PROGETTAZIONE E LA QUALITÀ GLOBALE DI PARTI E PROCESSI.”

Il Kunststoff-Institut è una società di servizi di ricerca tedesca associata alla Fachhochschule Südwestfalen University of Applied Sciences . Con una rete di oltre 340 aziende, questo istituto facilita gli studi che coinvolgono materie plastiche e stampaggio ad iniezione. Uno dei suoi ultimi progetti, Rapid Tooling, è stato lanciato all’inizio di quest’anno per “aumentare il volume di produzione raggiungibile degli inserti in plastica stampata in 3D”. I membri del progetto includono ebm-papst , Fritz Schäfer , Günther Spelsberg , Habasit , Montblanc-Simplo , Quarzwerke , RPM, SimpaTec, DMG Digital Enterprises , Faurecia ,Parker Hannifin , V-ZUG e Sonova .

Gli inserti per stampi sono l’obiettivo scelto di Rapid Tooling in quanto sono considerati fondamentali nel rafforzamento di parti e / o incapsulamento di componenti fabbricati. I componenti stampati in 3D creati dovrebbero consentire una produzione efficace e sicura di grandi quantità di pezzi stampati di alta qualità. Nel fare ciò, è in corso un’indagine sul comportamento di restringimento di tali parti per fornire informazioni sulla corretta progettazione degli inserti in plastica.

Secondo Volume Graphics, la fase di sviluppo della creazione di parti e inserti stampati ad iniezione richiede comunemente la produzione di prototipi di piccole quantità. Ciò comporta la modellizzazione dei componenti di “presentazione” del campione utilizzando un processo rapido di fascia bassa o un metodo più complesso di utilizzo di uno strumento di stampaggio in alluminio. Quest’ultimo crea la parte finale con una pressa ad iniezione. Gli stampi stampati in 3D offrono una soluzione di utensili economica per entrambe le opzioni.

Volume Graphics utilizzerà il suo software, VGSTUDIO MAX e VGMETROLOGY, per ispezionare stampi e inserti, riducendo difetti e deformazioni. Reinhart ha aggiunto: “Con il nostro modulo di correzione della geometria di produzione abbiamo gettato le basi per molte nuove applicazioni nella costruzione di utensili e stampi che possono trarre vantaggio dal miglioramento degli sviluppi di velocità e qualità nella produzione di additivi”.

“QUESTI DATI POSSONO ESSERE DI GRANDE UTILITÀ PER I PROGETTISTI DI UTENSILI, PER MIGLIORARE SIA LA PROGETTAZIONE DELLO STRUMENTO STESSO SIA LA STRATEGIA DI STAMPA 3D UTILIZZATA PER PRODURLO.”

Be the first to comment on "Volume Graphics aderisce al progetto “Rapid Tooling” del Kunststoff-Institut"

Leave a comment