Volkswagen convinta che userà la stampa 3d metal per produrre le auto di serie

Volkswagen prevede di utilizzare la stampa 3D di metalli per la produzione di massa
Volkswagen è il primo produttore automobilistico che utilizza la più recente tecnologia di stampa 3D: il processo ” HP Metal Jet ” semplifica e velocizza la stampa 3D metallica. La più grande casa automobilistica del mondo ha svelato i piani di martedì per iniziare a utilizzare la stampa 3D per produrre in serie pezzi di automobili , compresi i pomelli del cambio e le scritte del portellone posteriore personalizzate.

La Volkswagen ID R Pikes Peak è stata sviluppata utilizzando un modello composto da 2.000 pezzi rotondi realizzati con stampa 3D. Credito: Volkswagen AG

Insieme al produttore di stampanti HP e al produttore di componenti GKN Powder Metallurgy, Volkswagen sta quindi accelerando lo sviluppo della tecnologia per la produzione di massa.

Il dott. Martin Goede, responsabile della pianificazione e dello sviluppo tecnologico, Volkswagen, ha dichiarato: “La produzione automobilistica sta affrontando sfide importanti: i nostri clienti si aspettano sempre più opzioni di personalizzazione. Allo stesso tempo, la complessità sta aumentando con il numero di nuovi modelli. Ecco perché ci affidiamo a tecnologie all’avanguardia per garantire una produzione rapida e senza intoppi. La stampa 3D svolge un ruolo particolarmente importante nella produzione di singole parti. ”

Un veicolo Volkswagen è prodotto da 6.000 a 8.000 parti diverse. Volkswagen ha già 90 stampanti 3D nei suoi impianti, che vengono utilizzati per la produzione speciale di singole parti o prototipi. Con la tecnologia additiva 3D Metal Jet di HP, la produttività migliora di cinquanta volte rispetto ad altri metodi di stampa 3D. Consente la produzione di un gran numero di parti utilizzando la stampa 3D per la prima volta e riduce significativamente il tempo necessario per la produzione di parti.

In collaborazione con HP e GKN, Volkswagen sta sviluppando ulteriormente la tecnologia in modo che parti di design individualizzate come scritte sul portellone posteriore, speciali pomelli del cambio o chiavi con scritte personalizzate per i clienti possano essere stampate inizialmente in una piccola serie. Il piano è di essere in grado di offrire questo tipo di proposta di individualizzazione ai clienti il ​​prima possibile.

Robert Stache e il suo collega Sven Crull esaminano una parte realizzata da una stampante metallica 3D. Credito: Volkswagen AG

Già nel prossimo anno, GKN Powder Metallurgy intende stabilire una catena di processi orientata alla produzione automobilistica in collaborazione con Volkswagen. Volkswagen ha affermato che i primi componenti strutturali per i veicoli di produzione di massa possono essere stampati in due o tre anni.

“Un veicolo completo probabilmente non verrà prodotto da una stampante 3D in tempi brevi, ma il numero e le dimensioni delle parti della stampante 3D aumenteranno in modo significativo”, ha spiegato il dott. Goede. L’obiettivo è di integrare le parti strutturali stampate nella prossima generazione di veicoli, ha osservato Goede. “A lungo termine, ci aspettiamo un aumento continuo dei numeri delle unità, delle dimensioni delle parti e dei requisiti tecnici – fino alle dimensioni delle dimensioni del calcio di oltre 100.000 unità all’anno”.

HP ha dichiarato che il suo nuovo servizio di stampa su metallo non sarà limitato alle parti di automobili.

“Le implicazioni sono enormi: solo i settori automobilistico, industriale e medico producono miliardi di parti in metallo ogni anno”, ha dichiarato in una nota l’amministratore delegato di HP, Dion Weisler.

prevede di utilizzare la stampa 3D di metalli per la produzione di massa
Volkswagen è il primo produttore automobilistico che utilizza la più recente tecnologia di stampa 3D: il processo ” HP Metal Jet ” semplifica e velocizza la stampa 3D metallica. La più grande casa automobilistica del mondo ha svelato i piani di martedì per iniziare a utilizzare la stampa 3D per produrre in serie pezzi di automobili , compresi i pomelli del cambio e le scritte del portellone posteriore personalizzate.

La Volkswagen ID R Pikes Peak è stata sviluppata utilizzando un modello composto da 2.000 pezzi rotondi realizzati con stampa 3D. Credito: Volkswagen AG

Insieme al produttore di stampanti HP e al produttore di componenti GKN Powder Metallurgy, Volkswagen sta quindi accelerando lo sviluppo della tecnologia per la produzione di massa.

Il dott. Martin Goede, responsabile della pianificazione e dello sviluppo tecnologico, Volkswagen, ha dichiarato: “La produzione automobilistica sta affrontando sfide importanti: i nostri clienti si aspettano sempre più opzioni di personalizzazione. Allo stesso tempo, la complessità sta aumentando con il numero di nuovi modelli. Ecco perché ci affidiamo a tecnologie all’avanguardia per garantire una produzione rapida e senza intoppi. La stampa 3D svolge un ruolo particolarmente importante nella produzione di singole parti. ”

Un veicolo Volkswagen è prodotto da 6.000 a 8.000 parti diverse. Volkswagen ha già 90 stampanti 3D nei suoi impianti, che vengono utilizzati per la produzione speciale di singole parti o prototipi. Con la tecnologia additiva 3D Metal Jet di HP, la produttività migliora di cinquanta volte rispetto ad altri metodi di stampa 3D. Consente la produzione di un gran numero di parti utilizzando la stampa 3D per la prima volta e riduce significativamente il tempo necessario per la produzione di parti.

In collaborazione con HP e GKN, Volkswagen sta sviluppando ulteriormente la tecnologia in modo che parti di design individualizzate come scritte sul portellone posteriore, speciali pomelli del cambio o chiavi con scritte personalizzate per i clienti possano essere stampate inizialmente in una piccola serie. Il piano è di essere in grado di offrire questo tipo di proposta di individualizzazione ai clienti il ​​prima possibile.

Robert Stache e il suo collega Sven Crull esaminano una parte realizzata da una stampante metallica 3D. Credito: Volkswagen AG

Già nel prossimo anno, GKN Powder Metallurgy intende stabilire una catena di processi orientata alla produzione automobilistica in collaborazione con Volkswagen. Volkswagen ha affermato che i primi componenti strutturali per i veicoli di produzione di massa possono essere stampati in due o tre anni.

“Un veicolo completo probabilmente non verrà prodotto da una stampante 3D in tempi brevi, ma il numero e le dimensioni delle parti della stampante 3D aumenteranno in modo significativo”, ha spiegato il dott. Goede. L’obiettivo è di integrare le parti strutturali stampate nella prossima generazione di veicoli, ha osservato Goede. “A lungo termine, ci aspettiamo un aumento continuo dei numeri delle unità, delle dimensioni delle parti e dei requisiti tecnici – fino alle dimensioni delle dimensioni del calcio di oltre 100.000 unità all’anno”.

HP ha dichiarato che il suo nuovo servizio di stampa su metallo non sarà limitato alle parti di automobili.

“Le implicazioni sono enormi: solo i settori automobilistico, industriale e medico producono miliardi di parti in metallo ogni anno”, ha dichiarato in una nota l’amministratore delegato di HP, Dion Weisler.

Be the first to comment on "Volkswagen convinta che userà la stampa 3d metal per produrre le auto di serie"

Leave a comment