Valutazione della reazione tissutale locale dopo l’applicazione di un nuovo dispositivo Holdfast stampato in 3D per l’esclusione dell’appendice atriale sinistra

Ricercatori polacchi Stampa 3D Nuovi dispositivi Holdfast per procedura atriale

Nella ” Valutazione della reazione tissutale locale dopo l’applicazione di un nuovo dispositivo Holdfast stampato in 3D per l’esclusione dell’appendice atriale sinistra”, i ricercatori polacchi iniziano a sperimentare ulteriormente con dispositivi stampati in 3D per assistenza nelle procedure cardiache. Qui, sperimentano l’uso di un nuovo dispositivo holdfast destinato in definitiva ad aiutare a eliminare le possibilità di ictus ischemico. Sfruttando i vantaggi della stampa 3D SLS, con la capacità di utilizzare materiali versatili con una convenienza ancora maggiore, i ricercatori hanno valutato i risultati del loro nuovo dispositivo, impiantando i dispositivi in ​​un gruppo di 30 suini.

Un’estensione a forma di dito dell’atrio sinistro, l’appendice atriale sinistra è una parte non funzionale dell’atrio sinistro. Capita di essere un “sito cardiaco primario” per la formazione di trombi, che colpisce più comunemente i pazienti con fibrillazione atriale. E mentre il trattamento con il trattamento antitrombotico è molto diffuso, qui i ricercatori studiano un approccio più completo nel “cancellare la LAA”. L’uso di dispositivi holdfast, sebbene efficace, è stato irto di svantaggi, da problemi con perdite di sangue a regolazioni post-inserimento e mancanza di flessibilità per le modifiche.

“Considerando i vantaggi e gli svantaggi dei dispositivi di chiusura LAA disponibili, abbiamo progettato un nuovo dispositivo holdfast per l’abolizione della LAA privo di queste carenze”, hanno affermato i ricercatori.

Lo studio ha permesso ai ricercatori di testare ulteriormente la biocompatibilità, osservando i problemi post-implementazione. Il dispositivo è stato creato in collaborazione con l’Università tecnica di Danzica, in Polonia, composta da due tubi collegati con un arco elastico.

“Il concetto di funzionamento del dispositivo si basava sull’idea che i tubi avrebbero pressato la base LAA, il che avrebbe portato alla sua chiusura e occluderebbe la connessione tra LAA e atrio sinistro”, hanno affermato i ricercatori. “Inoltre, l’intenzione era che il dispositivo potesse essere posizionato liberamente attorno al LAA e potesse essere facilmente regolato dopo l’impianto.”

Il loro obiettivo era quello di creare una molla a bassa rigidità con una “caratteristica altamente degressiva del dispositivo”. Sono stati in grado di farlo attraverso la loro scelta del materiale e spostando l’asse trasversale dell’arco, con i dispositivi impiantati nei due gruppi suini. Sono stati osservati sicurezza e biocompatibilità, insieme alla biofunzionalità.

Non ci sono stati decessi perioperatori e si sono verificate occlusioni LAA in tutti i suini.

“La reazione da corpo estraneo del dispositivo di ritenuta LAA fatto di polvere di poliammide è risultata essere a un livello statisticamente insignificante ed era inferiore rispetto all’innesto di poliestere. Il nostro dispositivo soddisfa i criteri di biocompatibilità al massimo grado, il che lo rende un materiale adatto per la produzione di dispositivi di tenuta LAA ”, hanno concluso i ricercatori. “Questo studio dimostra che la nostra tecnologia può essere applicata per una produzione rapida, innovativa e personalizzata di impianti medici. “

Be the first to comment on "Valutazione della reazione tissutale locale dopo l’applicazione di un nuovo dispositivo Holdfast stampato in 3D per l’esclusione dell’appendice atriale sinistra"

Leave a comment