Uso della regressione per studiare l’effetto dei parametri del tessuto sull’adesione del polimero PLA stampato in 3D sui tessuti

Ricercatori del Kenya e dello Zimbabwe studiano polimero / PLA stampati in 3D su tessuto

I ricercatori del Kenya e dello Zimbabwe stanno affrontando argomenti più complessi relativi all’adesione alla stampa 3D e ai materiali nel loro recente pubblicazione, ” Uso della regressione per studiare l’effetto dei parametri del tessuto sull’adesione del polimero PLA stampato in 3D sui tessuti “. Familiarità con i vantaggi della stampa 3D e il suo potenziale utilizzo con una vasta gamma di materiali e tessuti, gli autori Nonsikelelo Sheron Mpofu, Josphat Igadwa Mwasiagi, Londiwe C. Nkiwane e David Njuguna sperimentano ulteriormente il polimero dell’acido polilattico (PLA) su un polimero varietà di tessuti, tra cui cotone, poliestere e acrilico.

La stampa 3D FDM nei tessuti, mentre in precedenza estesa alla creazione di strutture tessuto-polimero, ha messo in discussione i ricercatori, principalmente in termini di adesione dovuta alla trama della superficie. Il miglioramento di tali problemi potrebbe aprire la porta a una gamma molto più ampia di combinazioni tessuto-polimero. In questa ricerca, gli scienziati hanno creato 15 campioni di tessuto, personalizzati con SolidWorks , tagliati con Cura e quindi stampati in 3D con PLA. Il team ha quindi testato i campioni per quanto segue:

Densità areale del tessuto secondo ASTM D3776.
Estremità del tessuto / pollice secondo ASTM D3775.
Puntali in tessuto / pollice secondo ASTM D3775.
Conteggio di ordito e trama secondo ASTM D1059-01.
Spessore del tessuto secondo ASTM D1777.
Tipo di fibra secondo l’American Association of Textile Chemists and Colourists (AATCC) 20.
Le valutazioni si basavano su come la consistenza si sentiva sulla mano umana, sia liscia che ruvida, dura o liscia, rigida o molle. È stato scelto un gruppo di studenti per testare le superfici con gli occhi coperti per garantire un giudizio basato esclusivamente sulla trama e non sulla grafica. È stato chiesto di classificare il tessuto su una scala da uno a cinque, con uno più liscio e cinque più ruvido.

I ricercatori hanno notato punteggi medi per i campioni, documentando un chiaro effetto sulla forza di adesione. Poiché tutte le proprietà in esame (densità dell’area del tessuto, ordito e conteggio della trama, spessore del tessuto e rugosità del tessuto) sono state aumentate, anche la forza di adesione è aumentata, con il contrario notato per le estremità / pollice e le scelte / pollice che erano negativamente correlate a forza di adesione.

“Considerando i tipi di fibra utilizzati per fabbricare i tessuti (acrilico, cotone, misto poliestere / cotone e poliestere), i test hanno dimostrato che i tessuti a base acrilica hanno mostrato la massima forza di adesione al PLA con tessuti a base di poliestere che mostrano la più bassa forza di adesione”, ha concluso il ricercatori.

Mentre la stampa 3D e i processi di produzione additiva hanno già offerto enormi contributi a quasi tutti i settori, perfezionare la tecnologia è diventato fondamentale per molti utenti, a tutti i livelli, dallo studio dei problemi tipici e apportare miglioramenti nella stampa di costruzioni alla sperimentazione di vibrazioni ultrasoniche e la creazione di nuovi filamenti , insieme all’utilizzo di materiali di stampa 3D nella moda, spesso come applicazioni aggiuntive per accessori e oggetti come le borse .

Be the first to comment on "Uso della regressione per studiare l’effetto dei parametri del tessuto sull’adesione del polimero PLA stampato in 3D sui tessuti"

Leave a comment