UPMun nuovo materiale stampabile 3D a base di cellulosa e nanodiamanti, con Carbodeon

L’azienda finlandese di energia alternativa e materiale UPM e la sua controllata UPM Biocomposites hanno dimostrato il potenziale della stampa 3D su larga scala. In collaborazione con il produttore di robot ABB e FFF, produttore di stampanti 3D Prenta Oy , UPM ha creato componenti e mobili di grandi dimensioni utilizzando il materiale riciclabile UPM Formi 3D.

Eve Saarikoski, Responsabile delle applicazioni presso UPM Biocomposites, commenta: “Insieme ai nostri partner, stiamo esplorando le nuove possibilità nel campo della stampa 3D su larga scala. La tecnologia di stampa 3D su larga scala è in rapida evoluzione e siamo parte dell’evoluzione con la nostra tecnologia di biocomposito che offre nuovi materiali a base di legno per i mercati “.

Inoltre, la società ha annunciato che avrebbe lavorato su un nuovo materiale stampabile 3D a base di cellulosa e nanodiamanto, con Carbodeon, fornitore di additivi nanodiamond .

Saarikoski aggiunge: “Il nostro obiettivo è quello di portare alternative biocomposite sostenibili al campo dei polimeri tecnici con riempimento a fibra corta”.

Con sede a Helsinki e fondata nel 1996, UPM è una società che promuove e sostiene la sostenibilità nel settore forestale. Produce cellulosa, carta, compensato, bioenergia, biocarburanti, biochimici e altri bioprodotti derivati ​​dal legno.

Per la stampa 3D, l’azienda ha la sua gamma di materiali UPM Formi 3D, disponibili sia in granuli che in filamenti. I materiali UPM Formi 3D sono realizzati con una combinazione di fibre di cellulosa e PLA. Sono certificati FSC® e PEFC ™, ritenendoli forestali responsabili e una materia prima riciclata avanzata verificata.

Nei recenti progetti su larga scala di UPM, granulato UPM Formi 3D è stato utilizzato per creare componenti riciclabili su larga scala utilizzando PrentaRobo di Prenta Oy. Pasi Kukkonen, Product Manager di ABB Oy Robotics, spiega: “Questa è un’innovazione tecnologica pioneristica che rappresenta il livello successivo nella stampa 3D industriale su larga scala. Abbiamo reso possibile l’uso di una testa di estrusione nel nostro robot a 6 assi IRB6700 per creare un sistema di stampa 3D ideale per la produzione di additivi molto precisa e su larga scala. “

“Assi esterni e trackmotion sono stati aggiunti per ottenere un’area di lavoro ancora più grande. Gli utenti possono quindi controllare la testa di estrusione e creare percorsi di stampa con il nostro programma di simulazione 3D RobotStudio, la soluzione leader nel settore basata su PC per la programmazione offline, la configurazione e la messa in servizio virtuale. “

In collaborazione con Carbodeon, UPM sta migliorando i suoi materiali UPM Formi 3D per rigidità, resistenza e maggiore deflessione del calore. A base di PLA, questi materiali saranno rinforzati con contenuto di cellulosa e di nanodiamond.

“Combinando insieme le tecnologie in fibra di nanodiamio e fibra di cellulosa, possiamo avere un composito in fibra naturale con un maggiore flusso di fusione rispetto alle materie plastiche standard”, afferma Saarikoski.

Precedentemente, Carbodeon ha lavorato con VTT Finlandia per sviluppare il filamento in UDiamond rinforzato con nanodiametro .

Vesa Myllymäki, CEO di Carbodeon, conclude: “Le partnership per lo sviluppo del prodotto con aziende innovative come UPM sono una parte fondamentale della strategia di crescita globale di Carbodeon”.

Be the first to comment on "UPMun nuovo materiale stampabile 3D a base di cellulosa e nanodiamanti, con Carbodeon"

Leave a comment