Unitika il filamento che può essere rielaborato dopo la stampa a temperatura ambiente e col calore della mano

Il materiale termico sensibile di Unitika che può essere rielaborato dopo la stampa
 Unitika, società di materiali avanzati giapponesi, sta sviluppando un filamento per la  stampa 3D termoresistente. Gli oggetti  stampati in 3d con questo filamento possono essere deformati a mano, poiché la temperatura corporea provoca l’ammorbidimento del polimero.

In genere non va bene se stampi qualcosa che si deforma se lo prendi in mano, ma in alcuni casi può essere una caratteristica vantaggiosa.

I produttori di dispositivi medici come Torc2 stanno esplorando l’uso di filamenti a bassa temperatura per speciali stampi  , che potrebbero essere modellati da un medico su un corpo del paziente e molte altre aziende stanno esplorando tecnologie simili.

Unitika non menziona applicazioni mediche per il suo nuovo materiale, sottolinea la versatilità del suo filamento polimerico, nonché il fatto che i produttori possono applicare dopo la stampa “regolazioni fini, precisione e delicata finitura a mano”.

Anche questa è una caratteristica interessante. Non si  stamperanno parti meccaniche con un filamento come questo, ma la modellabilità apre opportunità davvero fantastiche per modelli e opere d’arte. Ad esempio, se la stampante non è in grado di gestire risoluzioni superfini c’è la possibilità di eseguire piccole incisioni, torsioni e marcature su un oggetto stampato in 3D.

Ma il filamento ha anche un’altra caratteristica formidabile , come spiega  Unitika infatti la forma dei modelli può essere permanentemente fissata con le alte temperature, cioè con dell’acqua bollente o un forno elettrico. Questo non vale per le applicazioni mediche, naturalmente, ma per le opere d’arte e le sculture, hanno un indubbio vantaggio. Forse qualcuno cercherà anche di fare parti meccaniche con esso dopo tutto!

I maker potrebbero avere dubbi sul fatto che ad una bassa temperatura si possa stampare correttamente su una macchina standard. Vorremmo anche vedere prove reali (e immaginiamo che alcune stampe di esempio saranno rilasciate più vicine al lancio del filamento), ma la società afferma che il filamento viene alimentato senza intoppi “senza rompersi o diventare morbido”.

Il filamento di Unitika  sarà disponibile con 1,75 mm di diametro e dovrà  essere stampato tra i 190 e i 220 ° Centigradi su un letto di stampa riscaldato non superiore ai 45 ° C . (Letti di stampa non riscaldati sono pure soddisfacenti).

Va notato che Unitika non è la prima azienda a produrre un filamento che funziona in questo modo. L’anno scorso, ad esempio, Adam Beane Industries ha lanciato il suo filamento di stampa 3D sculptable Cx5 su Kickstarter. Il materiale viene commercializzato agli scultori perché può essere riformato dopo la stampa.

Questi tipi di filamenti sono senza dubbio interessanti, ma ci sono altri modi in cui puoi anche rendere oggetti stampati in 3D lavorabili dopo le stampe.

All’inizio di quest’anno, i ricercatori dell’Università Saarland in Germania hanno sviluppato qualcosa chiamato Hotflex , una struttura compatta di stampa stampata a calcolatore, che consente agli oggetti stampati 3D di essere piegati e deformati dopo la stampa. La struttura contiene uno strato interno che può essere riscaldato da una scheda  Arduino, un processo che fa sì che la struttura si pieghi in una direzione specifica.

 

Be the first to comment on "Unitika il filamento che può essere rielaborato dopo la stampa a temperatura ambiente e col calore della mano"

Leave a comment