T&R Biofab e la ricerca sulle cellule staminali

Corea del Sud: T&R Biofab utilizzerà la tecnologia di bioprinting delle cellule 3D per la nuova ricerca sulle cellule staminali

Una delle principali società di ingegneria biomedica sudcoreana è stata selezionata dal Ministero della salute e del benessere di quel paese per sviluppare la tecnologia di maturazione cellulare per i cardiomiociti pluripotenti derivati ​​dalle cellule staminali, combinando e integrando la tecnologia di bioprinting delle cellule 3D e di controllo ambientale della microcoltura.

T&R Biofab produce principalmente scaffold bioriassorbibili che aiutano nella rigenerazione e nella ricostruzione di tessuti e organi utilizzando l’innovativa tecnologia di stampa 3D. La società è stata fondata nel 2013 sfruttando 10 anni di ricerca accumulata e competenza presso la Pohang University of Science and Technology (POSTECH) e negli ultimi anni ha registrato una crescita significativa.

Ora è stato selezionato come istituto di ricerca generale per un progetto di commercializzazione di cellule staminali e medicina rigenerativa che cerca di stabilire informazioni caratteristiche di risposta ai farmaci dei cardiomiociti derivati ​​da linee di cellule staminali potenti di amido utilizzando risorse della banca nazionale di cellule staminali.

Come riportato dalla Korea Biomedical Review , T&R Biofab combinerà vari elementi e tecnologie di stampa cellulare 3D per sviluppare, promuovere e produrre in serie un prodotto di promozione della maturazione dei cardiomiociti che può funzionare come cellule miocardiche adulte umane. Le cellule cardiomiocitiche compongono il muscolo cardiaco e sono principalmente coinvolte nella funzione contrattile del cuore che consente il pompaggio del sangue in tutto il corpo. L’obiettivo finale dell’azienda è quello di commercializzare il prodotto finale, come fa con la maggior parte delle loro altre invenzioni, come il bioink derivato da tessuto idrogel deCelluid o la bioprinter ibrida, che secondo l’azienda ha la tecnologia di base per sviluppare organi artificiali come come pelle, cuore e fegato.

I cardiomiociti umani sono una risorsa chiave nel campo della valutazione della tossicità cardiaca e della terapia cellulare per malattie cardiache nello sviluppo di nuovi farmaci. La cardiotossicità è un noto effetto collaterale di numerosi farmaci citotossici e può portare alla morte. Il termine è generalmente usato per indicare la disfunzione e l’insufficienza cardiaca, tuttavia sono note anche nuove terapie per il cancro che aumentano l’insorgenza di ischemia miocardica (quando il miocardio viene ostruito) e hanno effetti cardiotossici indiretti attraverso lo sviluppo dell’ipertensione. Anche la radioterapia è stata determinata per provocare ampi effetti cardiotossici.

La società ha suggerito che, finora, i cardiomiociti derivati ​​da cellule staminali pluripotenti erano immaturi e noti per causare diversi problemi nello sviluppo della terapia cellulare, come l’aritmia negli esperimenti preclinici sugli animali. Infatti, secondo una recensione recentemente pubblicata sull’uso di cardiomiociti derivati ​​da cellule staminali pluripotenti indotte dall’uomo nei test preclinici di cardiotossicità dei farmaci antitumorali, i test suggeriscono che la ricerca, in generale, “è ostacolata dall’affidarsi a modelli di cardiotossicità su animali interi che possono non riescono a riflettere la biologia fondamentale o le risposte cardiotossiche del miocardio umano ”e che“ l’emergenza di cardiomiociti pluripotenti indotti dall’uomo in vitro come un in vitro lo strumento di ricerca è molto promettente per comprendere la cardiotossicità indotta da farmaci “.

La bioprinting 3D dei tessuti e degli organi umani ha rivoluzionato l’ingegneria dei tessuti da diversi anni, aiutando i ricercatori a superare i modelli animali. In effetti, molti scienziati hanno utilizzato la tecnologia per studiare modelli di tessuto cardiaco in vitro di cellule cardiache, anche alcuni già utilizzando cardiomiociti derivati ​​da cellule staminali embrionali umane .

Facendo un ulteriore passo avanti e utilizzando la tecnologia di bioprinting 3D come base della loro nuova indagine, l’impresa di venture venture condurrà studi in collaborazione con ricercatori del Dipartimento di Scienze biomediche , presso il Seoul University University of Medicine , fino a dicembre 2022, con un governo concessione di 825 milioni di sudcoreani vinti, stimati in 682.718 dollari.

Incentrati sull’esplorazione della tecnologia ottimale di maturazione delle cellule del miocardio, i ricercatori cercheranno di valutare l’efficacia di una tecnica di induzione per la maturazione delle cellule del miocardio; stabilire un metodo di valutazione per la maturazione e infine sviluppare un prototipo per promuovere la maturazione delle cellule del miocardio.

Una volta che il loro compito è stato completato con successo e fornisce utili dati di riferimento sulle risorse cellulari che possono essere utilizzati per la valutazione della tossicità dello sviluppo di nuovi farmaci, possono continuare a sviluppare e commercializzare i prodotti che promuovono la maturazione dei cardiomiociti per funzionare in modo simile a quello degli adulti umani.

Sung-Hwan Moon, un dirigente del Biofab di T&R, ha affermato che “se possiamo sviluppare una tecnica per indurre la maturazione dei cardiomiociti, saremo anche in grado di sviluppare un trattamento con cellule staminali altamente funzionale che supera i limiti dei trattamenti di terapia con cellule staminali esistenti che finora ebbe scarsi effetti terapeutici. ” Ha anche suggerito che la ricerca “porterà allo sviluppo di una piattaforma di valutazione tossicologica per i farmaci a base di cardiomiociti maturi e la modellizzazione delle malattie in vitro , nonché per gli organi bioartificiali”.

T&R Biofab ha rivendicato pubblicamente il desiderio di essere la migliore azienda di ingegneria biomedica al mondo, in grado di stampare organi e tessuti umani in vitro per i trapianti clinici. Questo è l’obiettivo della maggior parte delle aziende di bioprinting in tutto il mondo, tuttavia, T&R Biofab si sta muovendo rapidamente . Fondata da Yun Wonsoo, professore di ingegneria meccanica presso il Politecnico della Corea , l’azienda ha già otto brevetti relativi alla bioprinting e oltre 35 brevetti per la stampa 3D, spostando la tecnologia in nuove fasi di ricerca. La domanda per i loro prodotti nel mercato asiatico dei modelli di celle 3D ha guadagnato loro il riconoscimento nella regione. Inoltre, con questo nuovo sviluppo, abbiamo potuto vedere come si avvicinano al loro obiettivo originale.

Be the first to comment on "T&R Biofab e la ricerca sulle cellule staminali"

Leave a comment