Studenti propongono alla Nasa uno strumento stampato in 3D che potrebbe aiutare gli astronauti a esplorare sotto le superfici coperte di ghiaccio come quelle su Europa di Giove e Encelado di Saturno

La NASA non solo utilizza frequentemente la stampa 3D , ma incoraggia gli altri a farlo, in particolare gli studenti, con programmi come CubeSat Launch Initiative , ad esempio. In cambio del suo supporto agli esperimenti tecnologici degli studenti, la NASA viene spesso premiata con nuovi strumenti per l’esplorazione dello spazio. Di recente, un team di studenti della Embry-Riddle Aeronautical University ha  sviluppato uno strumento stampato in 3D che potrebbe aiutare gli astronauti a esplorare sotto le superfici coperte di ghiaccio come quelle su Europa di Giove e Encelado di Saturno. Secondo la NASA, la vita microbica potrebbe potenzialmente sopravvivere al di sotto di queste superfici.

Lo strumento è stato sviluppato nell’ambito del Micro-g Neutral Buoyancy Experiment Design Teams Challenge ( Micro-g NExt ), che ha come compito studenti universitari di sviluppare uno strumento che affronta una vera sfida di esplorazione spaziale attuale. Il progetto è progettato per incoraggiare gli studenti a ricercare, esplorare e sviluppare nuove tecnologie e coinvolgerli in concetti di ingegneria e soluzione dei problemi nel mondo reale.

“Il progetto NASA Microgravity offre un’esperienza di apprendimento fuori dalla classe per i nostri studenti che si occupano dell’ambiente aerospaziale”, ha affermato Sathya Gangadharan, Ph.D., professore di ingegneria meccanica e co-advisor del progetto insieme a Pedro Llanos, Ph. .D., Assistant Professor of Spaceflight Operations e Payload and Integration Lab Supervisor.
L’Under Ice Sampling Device era una delle quattro sfide, gli altri erano un sistema di riparazione di perdite del modulo, rilevamento di bordi affilati e rimozione / copertura e taglierine per cerniere. L’ Embry-Riddle Microgravity Club ha scelto di affrontare la sfida del dispositivo del ghiaccio, che ha richiesto la creazione di uno strumento che raccogliesse, sigillasse e conservasse almeno un campione e si interfacciava con un veicolo sommergibile progettato dalla NASA per ottenere un campione di ghiaccio sotto la superficie un ambiente sottomarino.

“Il dispositivo doveva essere conservato in un cilindro da 3” x 6 “, esclusa la piastra di montaggio in alluminio,” ha affermato Cory White, Presidente del Microgravity Club e Aerospace Engineering major. “Lo scopo del dispositivo è quello di estendere la punta del trapano 5 pollici dalla sua configurazione memorizzata alla superficie del ghiaccio e poi altri 3 pollici nel ghiaccio per raccogliere un campione di mezzo pollice”.
Il 3D Printing Club di Embry-Riddle ha aiutato con la struttura di supporto interna del dispositivo, e la società Embry-Riddle Future Space Explorers e Developers Society ha creato il cilindro in fibra di vetro che contiene la punta in acciaio inossidabile.

I dispositivi sono stati testati presso il Neutral Buoyancy Laboratory della Johnson Space Center della NASA, che comprende una piscina coperta da 6,2 milioni di litri utilizzata per addestrare gli astronauti per le passeggiate nello spazio. Sfortunatamente, il team non è stato in grado di raccogliere un campione principale a causa di un corto elettrico durante i test, ma White ha detto che il progetto era ancora valido per l’esperienza del mondo reale che offriva agli studenti.

“L’opportunità di usare queste abilità al di fuori della classe è un vantaggio supplementare e incredibilmente utile per il nostro apprendimento qui a Embry-Riddle”, ha detto White. “Spero che il nostro contributo alla sfida si sia rivelato utile per la NASA nel fornire loro una prospettiva di studenti”.
Oltre a sviluppare una proposta di successo e progettare, fabbricare, integrare e testare la loro idea, il team degli studenti doveva anche scrivere un rapporto professionale alla NASA con i risultati del loro progetto, partecipare a una campagna di raccolta fondi di successo e lavorare con gli studenti K-12 aumentare la consapevolezza dell’istruzione STEM in quanto si applica all’industria aerospaziale. Nonostante l’incidente elettrico, Llanos definisce l’esperimento un successo e spera che un giorno la NASA usi una tecnologia simile a quella progettata dagli studenti.

“Sapere che i nostri studenti sono stati in grado di testare il loro esperimento nel Neutral Buoyancy Laboratory presso il Johnson Space Center della NASA è stata una grande soddisfazione”, ha detto.

Be the first to comment on "Studenti propongono alla Nasa uno strumento stampato in 3D che potrebbe aiutare gli astronauti a esplorare sotto le superfici coperte di ghiaccio come quelle su Europa di Giove e Encelado di Saturno"

Leave a comment