Stecche e bretelle stampate 3D sono altrettanto efficaci e comode, ma più economiche e più veloci da realizzare

Stecche e bretelle stampate 3D: altrettanto efficaci e comode, più economiche e più veloci da realizzare

James Pierce, ricercatore dell’Università del Nebraska , ha approfondito il potenziale dei dispositivi assistiti stampati in 3D in ” Efficacia dei dispositivi assistivi prodotti con la produzione additiva “. Comincia affermando che è sorprendente che non ci siano state altre iniziative precedenti nell’uso di dispositivi come stecche e gessi stampati in 3D, nonostante l’ovvia necessità – e un’enorme quantità di feriti ogni anno con conseguenti distorsioni e rotture.

L’obiettivo è eliminare metodi convenzionali più vecchi che possono promuovere la guarigione ma impiegare più tempo nella produzione, sono costosi e spesso si traducono in dispositivi scomodi e inadeguati. Se hai sopportato di indossare una stecca o un cast o hai visto qualcun altro provare a occupartene, allora è probabile che tu stia annuendo con la testa in questo momento e sei piuttosto interessato a sentire cosa può fare la stampa 3D in modo diverso per i pazienti ortopedici.

Pierce esplora come tutti i vantaggi più intrinsechi della stampa 3D potrebbero essere utilizzati nella creazione di dispositivi medici personalizzati, a cominciare dalla convenienza: dopo tutto, l’assistenza sanitaria è costosa e il costo guida molte delle nostre scelte, per non parlare della copertura assicurativa. In termini di design, il ricercatore sperava di trovare un modo per fabbricare dispositivi parametrici di assistenza che potrebbero essere fatti rapidamente. Questo è importante in quasi tutti gli scenari di consumo, ma soprattutto quando viene creato qualcosa per adattarsi a un paziente che potrebbe essere nel dolore, sia acuto o cronico.

Ancora più interessante di questa ricerca è il potenziale che Pierce vede per le applicazioni nello spazio:

“La conoscenza acquisita da questo studio convaliderà i nuovi dispositivi di assistenza che potrebbero essere utilizzati nel trattamento delle lesioni muscoloscheletriche per gli astronauti” sia durante il volo spaziale che dopo il ritorno sulla Terra “, ha detto Pierce. “Queste nuove soluzioni richiederanno meno interventi da parte di esperti e meno modifiche sul posto per l’adattamento”.

Pierce afferma che è già stato notato in studi precedenti che la stampa 3D per questi tipi di dispositivi è significativamente più veloce, ma ancora non ci sono stati dispositivi parametrici di questo specifico tipo effettivamente prodotti usando i metodi AM, che dovrebbero creare un modo per recuperare i pazienti più rapidamente, evitare ulteriori lesioni e consentire un migliore uso di sforzi e materiali. I dati iniziali relativi a un uomo di 26 anni che indossava un’ortesi del polso hanno mostrato risultati “non significativamente differenti” da un dispositivo convenzionale.

A) Modello 3D di un progetto di esoscheletro manuale parametrico, adattato per adattarsi a un partecipante in CAD prima della produzione di parti. B) Modello 3D di un’ortesi da polso, che viene stampata piatta e termoformata sui
contorni della parte superiore degli utenti.

Il paziente ha detto che il modello stampato in 3D era più comodo e Pierce lo attribuisce alla traspirabilità del design. La versione stampata in 3D è stata anche preferita a causa dell’estetica, con uno stile più snello, colori brillanti e un design migliore in generale.

Uno degli aspetti più entusiasmanti della stampa 3D è che consente agli utenti di sfidare i metodi convenzionali e promuovere cambiamenti positivi per i consumatori, nonché una vasta gamma di pazienti medici che oggi beneficiano dell’uso di modelli medici stampati in 3D , una varietà di dispositivi e un vasto numero di incursioni nella bioprinting .

Per i pazienti che guariscono da distorsioni e fratture, la solita visita dal medico per i raggi X e un calco in gesso potrebbero presto diventare un’esperienza completamente diversa. Scopri di più sulla produzione additiva per dispositivi parametrici qui , e controlla indietro per un’analisi completa dello studio nell’aprile 2019.

Be the first to comment on "Stecche e bretelle stampate 3D sono altrettanto efficaci e comode, ma più economiche e più veloci da realizzare"

Leave a comment