Starfish presenta un prototipo di dispositivo di imaging che aiuta i chirurghi ad evitare i problemi con l’arteria del palato

La stampa 3D aiuta a mappare le arterie e migliorare i risultati della chirurgia orale

Una start-up affiliata alla Purdue University ha recentemente sviluppato una nuova tecnica che potrebbe rivoluzionare il campo della chirurgia orale. Starfish Engineering LLC sta ora cercando finanziamenti per costruire un prototipo di dispositivo di imaging che utilizzerà la luce per costruire un’immagine dettagliata delle arterie e delle lesioni nel tessuto nel palato della bocca. La società ha fatto uso della stampa 3D per costruire una bocca  che simula il tessuto biologico.

Quando si eseguono operazioni chirurgiche, i chirurghi che lavorano nella bocca di un paziente useranno la maggiore arteria palatina come una sorta di punto di riferimento per spostarsi, e hanno bisogno di sapere dove è per evitare di danneggiarla o danneggiare i suoi nervi circostanti. Gli studi hanno dimostrato, tuttavia, che spesso ci può essere una discrepanza fino a 4 millimetri tra dove i chirurghi credono che l’arteria sia e dove sia effettivamente. Questa disparità apparentemente minore può portare a errori che possono causare una serie di complicazioni e lesioni, aggravando la sofferenza del paziente e persino peggiorando le cose.

Oltre a tempi di intervento, visite e disagio del paziente aumentati, i problemi più gravi includono il rischio di gravi emorragie. Danneggiare o recidere l’arteria causerà una grave perdita di sangue che può essere difficile da fermare, specialmente nel caso in cui l’arteria si ritrae nel canale osseo superiore della bocca, rendendo estremamente difficile l’accesso. I chirurghi tendono ad evitare l’area in cui la maggiore arteria palatina potrebbe essere del tutto, ma la gamma di possibili luoghi in cui può essere varia a seconda del paziente.

Il nuovo metodo di start-up utilizzerà una sorgente luminosa e una tecnologia di imaging ottico per creare una mappa 3D dettagliata della bocca, che consentirà una maggiore precisione durante l’intervento chirurgico. Permetterà ai chirurghi di localizzare in tempo reale la posizione dell’arteria palatina maggiore durante l’operazione. Non solo, mostrerà anche lesioni che potrebbero essere invisibili a occhio nudo.

“Questo approccio ha il potenziale per ridurre le complicazioni durante l’intervento chirurgico”, ha dichiarato Brian Bentz, amministratore delegato di Starfish. “Può aiutare a migliorare l’accuratezza delle incisioni … L’arteria palatina maggiore è piena di sangue, quindi assorbirà più fotoni. Puoi usare quel contrasto nell’assorbimento per determinare la posizione di quell’arteria “”.

Un fantasma della bocca stampato in 3D è stato utilizzato per testare e calibrare la tecnica di imaging, con una texture che simulava il tessuto biologico morbido. Dopo studi di successo, l’approccio ora ha il potenziale per essere utilizzato in una vasta gamma di interventi chirurgici orali, così come le aumenti del seno e della cresta, le operazioni sul blocco del nervo palatale maggiore e le biopsie dei tessuti molli. Si rivelerà utile anche per i chirurghi dentisti che svolgono lavori come l’installazione di impianti dentali o la rimozione dei denti del giudizio.

La tecnologia è stata creata da Bentz e Kevin Webb, professore di ingegneria elettrica e informatica presso Purdue, insieme a Vaibhav Gaind e Timothy C. Wu. Ora sperano di costruire un prototipo funzionante da utilizzare su pazienti reali. La loro compagnia, Starfish Engineering LLC, ha ricevuto il sostegno della Purdue Foundry , un acceleratore di imprenditorialità e commercializzazione nel Burton D. Morgan Centre for Entrepreneurship di Discovery Park. I professionisti della Fonderia aiutano gli innovatori Purdue a creare start-up.

 

Be the first to comment on "Starfish presenta un prototipo di dispositivo di imaging che aiuta i chirurghi ad evitare i problemi con l’arteria del palato"

Leave a comment