Stampa 3D ed edilizia residenziale: qual è il potenziale odierno ?

Poiché la stampa 3D ha iniziato a infiltrarsi negli ambienti mainstream negli ultimi anni e in tutto il mondo, ricercatori, progettisti, ingegneri e creatori di quasi tutti i settori hanno trovato un modo per abbracciare la tecnologia, attratti da infinite opportunità di creazione e molti dei quali non è stato possibile in precedenza.

Forse ti sei trovato inizialmente a scherzare sul fatto che presto tutto ciò che ci circonda sarebbe stato stampato in 3D, immaginando la famiglia perfetta che vive nella loro casa stampata in 3D con un’auto stampata in 3D, e la possibilità di stampare in 3D tutto dall’interno! E, vero, non ci volle molto perché gli sforzi prendessero piede nell’industria delle costruzioni (o dell’industria automobilistica), con case, uffici e altre strutture stampati in 3D dai Paesi Bassi alla Cina , e in molti altri posti nel mezzo; infatti, un intero villaggio viene stampato in 3D in Italia.

Man mano che l’interesse cresce nella stampa 3D di una varietà di strutture residenziali diverse, c’è una curiosità da parte di molti su come questo influenzerà il futuro del settore delle costruzioni, fino al lavoro di ricerca di Jeffrey Hammond, ‘ 3D Printing Homes Impact sull’edilizia residenziale . ‘ Un ricercatore nella gestione delle costruzioni della California Polytechnic State University di San Luis Obispo, Hammond, discute su come le nuove tecnologie come la stampa 3D possano aiutare le imprese di costruzione a diventare più efficienti.

Il facile assemblaggio sul posto di pezzi fabbricati è un vantaggio nella stampa 3D di costruzioni. Sia una stampante basata su traccia (un sistema di tracciamento è incorporato nella fondazione) che una stampante radio (che si trova nel mezzo della casa e stampa verso l’alto e verso l’esterno) vengono attualmente utilizzate per la maggior parte dei progetti di costruzione 3D. Queste macchine non solo riducono lo spreco di materiale, ma eliminano anche la necessità di manodopera:

“L’unica fatica necessaria è il lavoro necessario per costruire le fondamenta, il tetto e qualsiasi lavoro necessario per costruire blocchi per finestre e porte”, afferma Hammond. “Il lavoro viene eliminato in larga misura, ma visti i suoi limiti attuali e il suo metodo di costruzione strato per strato, le finestre e le porte necessitano di blocchi per consentire il proseguimento del processo a meno che non si desideri una struttura completamente chiusa senza luce naturale”.

“Uno dei più grandi limiti alla tecnologia attualmente è l’incapacità di stampare il tetto, il che garantisce che sarà necessario un costo aggiuntivo per costruire il tetto attraverso gli attuali metodi e metodi tipici”.
Un’immagine d’artista delle cinque case in cemento stampate in 3D che saranno realizzate a Eindhoven. [Immagine: Houben / Van Mierlo architects]
Mentre ci sono altre sfide come il costo iniziale di avvio per l’acquisto di attrezzature di stampa 3D per la costruzione, problemi con l’estetica della casa, e altri fattori inevitabilmente da scoprire, i benefici sono notevoli, per includere:

Rapida inversione di tendenza per i progetti di costruzione di case – consentendo agli appaltatori di svolgere un lavoro considerevolmente maggiore ogni anno, creando molto più profitto
Maggiore efficienza grazie al processo di produzione additiva, rispetto ai processi sottrattivi che impiegano più tempo e creano più sprechi
Costi esponenzialmente inferiori a causa della minore necessità di manodopera e materiali come il legno
Meno difficoltà nell’avere consegnato materiali ai cantieri
Dall’impatto delle case di stampa 3D sull’industria delle costruzioni residenziali.
Hammond continua a esaminare ulteriori potenziali per le residenze di stampa 3D nelle aree a basso reddito:

“Questa tecnologia ha un enorme potenziale di impatto su coloro che non hanno bisogno di nulla oltre a un tetto sopra le loro teste e alla sicurezza durante la notte. Nessun costruttore può girarsi e costruire case stampate in 3D per un profitto basato su ciò che può essere appreso attraverso la ricerca, ma non dovrebbe fermarsi a coloro che non intendono realizzare un profitto e stanno solo cercando di aiutare il mondo e creare un grande quantità di buona volontà. ”

“Ci sono luoghi in tutto il mondo dove le restrizioni costruttive sono più basse e la capacità di produrre in massa queste case per coloro che sono impoveriti è un lavoro umanitario vitale. Le case stampate in 3D possono anche essere praticabili negli Stati Uniti se un programma è stato istituito dal governo sia per gli alloggi per coloro che sono in condizioni di estrema povertà o per coloro che hanno bisogno di assistenza dopo un grave disastro. Queste case possono fornire rifugi molto migliori di quelli attualmente forniti dalle squadre di soccorso in caso di catastrofe “.
Oggi, con la tecnologia di stampa 3D, Hammond vede i suoi benefici come meglio adatti a progetti umanitari in cui i direttori di costruzione non si preoccupano degli obiettivi di business o di fare un dollaro.

“Le case stampate in 3D non sono adatte al settore dell’edilizia residenziale degli Stati Uniti, ma col tempo possono essere una forza per l’industria che cambia il modo in cui sono costruite le case”, conclude Hammond.

Be the first to comment on "Stampa 3D ed edilizia residenziale: qual è il potenziale odierno ?"

Leave a comment