stampa 3D e videogiochi VR per i medici il futuro visto da GE Healtcare

Il futuro dell’assistenza sanitaria: la stampa 3D e videogiochi VR per i medici
GE Healthcare ha identificato nella stampa 3D e nei “videogiochi” immersivi della realtà virtuale come alcuni dei progressi tecnologici che stanno cambiando l’assistenza sanitaria moderna. I medici possono ora utilizzare visori VR come Oculus Rift per vedere “dentro” il corpo di un paziente.

GE Healthcare, la sussidiaria medica con sede a Chicago della General Electric, conosce una o due cose sulle tecnologie moderne nel settore sanitario. Abbiamo già visto molti dei suoi sforzi di stampa 3D in ambito sanitario, ma GE Healthcare ha ora rivolto lo sguardo verso l’esterno in quanto identifica cinque nuove tecnologie che stanno cambiando l’assistenza sanitaria in tutto il mondo.

È interessante notare che tre di queste cinque tecnologie una è la produzione additiva, mentre un’altra fa un uso radicalmente nuovo dei visori per realtà virtuale come Oculus Rift.

Prima vediamo la stampa 3D. GE Healthcare ha grandi speranze nella tecnologia di produzione additiva, come dovrebbe: General Electric gestisce anche GE Additive, un’intera divisione commerciale di stampa 3D dedicata allo sviluppo di nuove tecnologie di stampa 3D.

Nell’ambito del settore sanitario, GE afferma che la stampa 3D è molto promettente per applicazioni come feti stampati in 3D per genitori ciechi e la creazione di laboratori di stampa 3D medicali sul posto.

Un altro interessante utilizzo della stampa 3D in ambito sanitario riguarda lo sviluppo di colonne per cromatografia, che possono essere utilizzate per sviluppare farmaci biostampati, usati per il trattamento di malattie, tra cui il cancro e le malattie immunitarie.

Ma forse la più insolita nuova tecnologia identificata da GE Healthcare è quella che riguarda un altro tipo di creazione 3D. Non la stampa 3D, ma ambienti immersivi di realtà virtuale creati per assistere i chirurghi.

Quando il designer di GE Healthcare Ludovic Avot e l’ingegnere delle immagini mediche Yannick Le Berre stavano giocando al popolare videogioco Fallout 4 , sono rimasti colpiti da un’idea: perché non creare un ambiente in stile videogioco,  dettagliato come Fallout , che permetterebbe ai medici di vedere da vicino e personalmente  il corpo di un paziente? Meglio ancora, perché non farlo in VR?

“Siamo stati ispirati dalle tecniche di rendering fotorealistiche dei giochi di alta qualità”, afferma Avot. “Abbiamo cercato di sfruttare il grande potenziale grafico e interattivo delle più moderne tecnologie di gioco per mostrare in dettaglio le immagini ottenute con i test medici”.

Con il loro strumento di realtà virtuale, presentato alla conferenza Journées Francophones de Radiologie a Parigi lo scorso anno, i medici possono utilizzare un visore VR come Oculus Rift per entrare nel corpo di un paziente, avvicinandoli e mettendosi in contatto con lesioni, polipi, tumori, e lesioni

“Questo strumento può essere un nuovo modo per i radiologi di osservare immagini cliniche complesse”, afferma Avot. “Consente loro di manipolare e interagire con le immagini e offre uno zoom più esteso, che può rivelarsi utile in casi specifici, come lo studio del cuore dei bambini. L’ombra e il lampo aiutano molto a capire le forme delle strutture anatomiche. ”

Scommettiamo che gli sviluppatori di Fallout non si aspettavano che la loro creazione avesse un effetto così profondo sulla vita moderna.

Be the first to comment on "stampa 3D e videogiochi VR per i medici il futuro visto da GE Healtcare"

Leave a comment