Stampa 3d bioprinting in situ per terapia riparativa e rigenerativa con robot

Scienziati stampa 3D in situ per la rigenerazione dei tessuti

La stampa 3D consiste nel tagliare fuori l’intermediario e offrire maggiore autosostenibilità ad alcuni utenti molto felici, godendo dei benefici della stampa 3D dalla fabbrica, dalla casa o dall’ufficio, quando lo desiderano, e spesso come preferiscono. Ora, questo beneficio viene trasferito alla bioprinting in laboratorio mentre i ricercatori stanno imparando a tagliare la fase intermedia di crescita delle cellule in laboratorio ( in vitro ) e semplicemente impiantando le cellule direttamente nel corpo per la crescita ( in situ ). Questa è la stampa 3D – e autosostenibilità – nella sua forma più estrema, e in astratto per ” Stampa tridimensionale in situ per terapia riparativa e rigenerativa “, i ricercatori affermano, e molto probabilmente abbastanza correttamente, che questo studio potrebbe raccogliere significativi Attenzione.

L’idea di bioprinting in situ sembrerà rivoluzionaria alla maggior parte di noi, ma come affermano gli autori, è stato tentato prima con un certo successo, ma le sfide ancora necessarie per superare, dal trattamento delle ferite alla guarigione di significativi difetti della pelle. Uno dei maggiori vantaggi di essere in grado di applicare il tessuto naturale nel sito naturale è che molti degli svantaggi dell’impianto o dei trapianti artificiali vengono eliminati con la possibilità di utilizzare elementi biologici dal paziente stesso. Ciò significa evitare l’infezione e il potenziale di rifiuto da parte dell’organismo.

” Rispetto ad altre terapie rigenerative cutanee basate su cellule, come la spruzzatura di cheratinociti o di cheratinociti, la stampa in situ mostra il potenziale più elevato nell’affrontare ferite più profonde (cioè in profondità nello strato basale) combinando sistemi di stampa multi-materiale”, hanno affermato i ricercatori. “Inoltre, la stampa in situ può eseguire una deposizione precisa delle cellule per un uso più efficiente dei cheratinociti poiché è difficile da coltivare per la produzione su larga scala”.

I tessuti bioprintesi devono essere coltivati ​​con bioreattori nell’ambiente in vitro e gli autori sottolineano che la personalizzazione e le modifiche possono essere necessarie in quanto le dimensioni e la forma potrebbero non essere inizialmente favorevoli all’impianto. Stampando i tessuti direttamente in vivo , è possibile superare molte sfide comuni.

I ricercatori sottolineano che la bioprinting offre un enorme potenziale per la rigenerazione e la riparazione dei tessuti. Come con molti altri tipi di bioprinting, numerose applicazioni potrebbero portare a una migliore qualità della vita per i pazienti e, in alcuni casi, persino a salvare le loro vite. Questo studio potrebbe diffondersi anche ad altri tipi di tecnologia, come quelli che combinano la microfluidica, un’area di studio che è fortemente influenzata dalla stampa 3D e dalla bioprinting al momento, come abbiamo visto in studi che includono la stampa liquido-liquido , scaffold fabbricati con zucchero e miniaturizzazione .

Questo tipo di tecnologia è talmente meno invasiva che offre grandi vantaggi ai pazienti, con meno dolore, meno tempo di recupero, meno possibilità di infezione e meno tempo trascorso in ospedale. I ricercatori prevedono la possibilità di sviluppo e utilizzo di stampanti portatili e unità mobili anche per situazioni di emergenza, nonché l’uso in paesi in via di sviluppo e aree remote. La bioprinting in situ potrebbe anche essere utilizzata con la robotica per una varietà di procedure chirurgiche.

“Questo nuovo campo di ricerca offre un grande potenziale per l’ingegneria dei tessuti e le applicazioni di medicina rigenerativa in cui la pianificazione preoperatoria delle dimensioni e della forma del costrutto è difficile o impossibile da prevedere”, hanno concluso i ricercatori. “I progressi nella chirurgia robotica, nell’imaging fusa e negli interventi medici assistiti dal computer dovrebbero essere integrati per sviluppare futuri processi di bioprinting in situ clinici 3D, che possono essere tradotti in prodotti per una varietà di applicazioni chirurgiche”.

Be the first to comment on "Stampa 3d bioprinting in situ per terapia riparativa e rigenerativa con robot"

Leave a comment