Simulatori per la formazione infermieristica grazie alla stampa 3d per addestrare medici ed infermieri

Un dilemma nei programmi di formazione medica è come addestrare gli studenti a eseguire procedure mediche difficili prima di doverli provare su un paziente. Nessun paziente vuole essere una cavia, ma l’esperienza pratica è di vitale importanza se uno studente sta seguendo una procedura. I programmi medici useranno simulatori per gli studenti con cui fare pratica, ma è difficile imitare l’esperienza di lavorare su un paziente reale. Le sofisticate proprietà dei materiali di stampa 3D, tuttavia, e la capacità della stampa 3D di creare facilmente modelli personalizzati, significa che la tecnologia ha aperto la possibilità di creare simulatori realistici basati su pazienti reali .

Professore assistente clinico presso il College of Nursing dell’Università di Alabama a Huntsville Ildott. Lori Lioce, che ricopre anche il ruolo di direttore esecutivo del Centro risorse per l’ apprendimento e la tecnologia del college  , ha iniziato a parlare di questi simulatori stampati in 3D a conferenze sulla simulazione sanitaria e volevo provarli con i suoi studenti. Chiese a Norven Goddard, uno scienziato ricercatore presso il centro SMAP (Systems Management and Production) diUAH  ,  se potesse aiutare a sviluppare nuovi simulatori per il programma di cura.

“Norven ha detto che il Centro SMAP ha sei stampanti 3D”, afferma Dr Lioce. “Così gli ho dato una lunga lista di ciò di cui avevamo bisogno e una borsa di campioni, e abbiamo collaborato su ciò che lui e i suoi studenti potevano stampare”.
Hanno iniziato con un simulatore di cricotirotomia. Una cricotirotomia è una procedura che viene utilizzata per liberare le vie aeree quando altri metodi sono inefficaci e, anche se in genere non fa parte di un curriculum infermieristico universitario, i file per il simulatore sono disponibili sul Thingiverse,  quindi sono andati avanti e stampati in 3D uno.

“Questi modelli costano più di mille dollari, ma volevamo qualcosa che potesse risparmiare denaro, essere redditizio e utilizzare le risorse dell’università”, ha detto Goddard. “Ci siamo chiesti, quanto possiamo farlo a buon mercato?”
Stagisti studenti del Centro SMAP James Tovar, Marchese Myler, Nicholas “Gage” Swinford, Martavia Lucious, Matthew Daigle e Andrew Farris
Abbastanza a buon mercato, a quanto pare. La Dott.ssa Lioce ha lavorato con diversi specialisti di stampa 3D stagisti presso lo SMAP Center: i maestri di ingegneria James Tovar, Marquis Myler, Nicholas “Gage” Swinford, Martavia Lucious e Andrew Farris e l’informatico maggiore Matthew Daigle per stampare in 3D il simulatore di cricotirotomia e modificarlo per ottenere la giusta consistenza e forza. Dopo tre prototipi, erano soddisfatti e il costo totale era stato di soli $ 15.

“Ora ne stiamo utilizzando quattro nella nostra classe, con un risparmio di $ 6.000”, ha affermato il dott. Lioce.
Il prossimo sarà un simulatore per una onicectomia, una procedura che induce alla rabbia in cui viene rimossa la miniatura – sicuramente qualcosa che gli infermieri vorranno essere ben addestrati prima di eseguirlo su un paziente. Il simulatore stampato in 3D farà risparmiare $ 33 per ogni studente coinvolto nel programma di cura. Progettano anche di creare un cuscinetto per iniezione.

“Con ciò stiamo facendo un ulteriore passo avanti – stiamo guardando lo stampaggio a iniezione”, ha detto Goddard. “Stiamo cercando di eseguire l’impollinazione incrociata in modo che tutti sappiano come stampare in 3-D, stampi a iniezione, saldare, utilizzare il software e fare qualsiasi altra cosa sia necessaria”.
Il Dr. Lioce utilizza anche cercatori di vene in 3D , che sono dispositivi portatili che utilizzano luci a LED per aiutare gli infermieri a individuare le vene difficili da trovare. Questi in genere costano centinaia di dollari, ma il team degli studenti è stato in grado di stamparli in 3D per $ 6 ciascuno. Possono anche stampare modelli chirurgici in 3D da scansioni MRI. Successivamente, la dott.ssa Lioce spera che la collaborazione tra il College of Nursing e il Centro SMAP possa essere formalizzata e ampliata – non solo per i risparmi sui costi che hanno raggiunto insieme, ma perché espone gli studenti in entrambe le aree a temi e preziose abilità che potrebbero non imparare nei propri programmi.

“Siamo stati in grado di dimostrare significativi risparmi sui costi”, ha affermato il dott. Lioce. “La diversità di pensiero e scienza stimola la crescita e le soluzioni necessarie. È proprio perché pensiamo in modo diverso che siamo innovativi insieme “.

Be the first to comment on "Simulatori per la formazione infermieristica grazie alla stampa 3d per addestrare medici ed infermieri"

Leave a comment