Sculpteo la relazione sullo stato della stampa 3d 2017

La relazione di Sculpteo sullo stato della stampa 3D 2017 appena rilasciata mostra un mercato in maturazione
La società francese di stampa 3D Sculpteo ha appena pubblicato la terza edizione del suo rapporto “Stato della  stampa 3D”. La recente edizione (che è per il 2017) si espande e aggiorna lo stato originale della stampa 3D della società, pubblicato nel 2015.

La relazione annuale condotta da Sculpteo affronta un certo numero di fattori relativi all’industria della stampa 3D e all’adozione della tecnologia come processo produttivo. I suoi risultati sono derivati ​​da risposte fornite da quasi 1.000 intervistati provenienti da tutto il mondo.

“Il nostro report annuale sulla stampa 3D è un’opportunità per Sculpteo di raccogliere dati sull’industria manifatturiera additiva. Nell’edizione di quest’anno, il nostro obiettivo principale è quello di dare le chiavi per capire cosa ci sia in gioco in questo settore dinamico e in rapida evoluzione “, afferma il rapporto.

Secondo il documento, i responsabili sono stati divisi per settore, con il 17% da beni di consumo, il 17% da beni industriali, il 13% dall’industria high tech, il 9% dall’industria dei servizi e il 7% dal settore sanitario . È interessante notare che, contrariamente al rapporto del 2016 in cui più responsabili si sono  identificati come proprietari / amministratori delegati, la maggior parte dei partecipanti si sono identificati come ingegneri (il 29%), mentre il 28% erano amministratori delegati, il 10% erano liberi professionisti e il 7% designer.

Alcuni dei punti notevoli del rapporto del 2017 sono che il 47% dei partecipanti ha visto un maggiore ritorno sui loro investimenti rispetto agli anni precedenti, mentre le aziende che utilizzano la tecnologia vedono regolarmente rendimenti significativi. Le spese di stampa 3D dovrebbero aumentare del 55% quest’anno, dal momento che il mercato delle tecnologie cresce rapidamente e che la riduzione dei costi influenzerà notevolmente l’industria della stampa 3D (rendendo la tecnologia più accessibile e quindi più diffusa).

Un’altra emozionante statistica da parte del rapporto è che il 90% degli intervistati crede che la stampa 3D abbia dato al loro business un vantaggio competitivo e la maggior parte di essi considera la tecnologia come parte vitale della loro attività commerciale e di produzione. La conclusione disegnata da Sculpteo in base a queste cifre è che il mercato della stampa 3D sta infatti maturando.

In termini di applicazioni di stampa 3D, molti intervistati (28%) hanno dichiarato che la tecnologia è stata utilizzata per accelerare lo sviluppo del prodotto, mentre il 16% ha affermato di usarlo per creare prodotti personalizzati e il 13% ha sostenuto che contribuisce ad aumentare la flessibilità della produzione. Complessivamente, la prototipazione e la prova delle applicazioni di concetto erano gli usi più comuni per la stampa 3D, rispettivamente al 34% e al 23%.

È interessante notare che il rapporto dimostra che il numero di aziende e le persone interessate a comprare effettivamente una stampante 3D è diminuito, con maggiore interesse per i servizi di stampa esterna 3D.

Per i materiali di stampa 3D, Sculpteo ha scoperto che la plastica era ancora il materiale più comune (con l’88% degli intervistati che lo usavano), seguiti da resine (35%), metalli (28%), arenaria multicolore (15%), cera (11%), Ceramica (8%) e altri (4%). In linea con questi risultati, la stampa 3D FDM è rimasta la più utilizzata (36%), seguita dalla sinterizzazione laser selettiva, stereolitografia, multi / polyjet, sinterizzazione laser diretta del metallo e così via.

Per la relazione di quest’anno, la società francese di stampa 3D ha fatto un po ‘di ricerca supplementare per compilare un “Business Case” sulla stampa in metallo 3D. I risultati di questa parte del rapporto hanno mostrato che l’alluminio è il materiale più consigliato (62%), seguito dall’acciaio inossidabile (22%). I principali punti forti della stampa in metallo 3D sono stati la riduzione dei costi, la capacità di produrre piccoli lotti e disegni complessi.

Un’altra nuova sezione del rapporto si è concentrata sul livello di abilità degli intervistati, chiedendole se si trattasse di principiante, intermedio o esperto e chiedendo quanto tempo abbiano usato la stampa 3D. Sui 1.000 interrogati, il 40% si è identificato come principiante, il 40% si è identificato come intermedio e il 20% come esperto. La maggior parte dei partecipanti utilizzano la tecnologia dai  3 ai 5 anni.

Guardando al futuro, gli intervistati sono stati invitati a identificare le parole chiave che credevano avessero un impatto significativo sul settore della stampa 3D. Come accennato, il calo dei costi è stato il primo punto, con il 17% di quelli che lo hanno chiesto di avere il più grande impatto potenziale. Altri trigger notevoli sono stati l’ “innovazione”, la stampa 3D in metallo, la tecnologia CLIP, la velocità della tecnologia e nuovi materiali di stampa.

Naturalmente, c’è ancora molto da vedere nel rapporto di 32 pagine di Sculpteo, in quanto continua ad accumulare alcuni fattori  anno su anno, fornendo preziose informazioni settoriali. “La stampa 3D è un settore molto innovativo in cui le tecnologie cambiano rapidamente. Il confronto tra le tendenze di quest’anno con i risultati dello scorso anno è un buon modo per capire i cambiamenti che questa industria sta attraversando “, afferma il rapporto.

Be the first to comment on "Sculpteo la relazione sullo stato della stampa 3d 2017"

Leave a comment