Sandwaves e Pixel Gate in Arabia Saudita

Gli studi di progettazione architettonica Precht e Mamou-Mani Architects hanno realizzato una coppia di installazioni in Arabia Saudita utilizzando la stampa 3D.

La prima installazione, denominata Sandwaves, utilizza un metodo di stampa 3D sand e presenta strutture reticolari intrecciate a forma di nastro. Il secondo pezzo comprende una serie di cubi sovrapposti, denominati Pixel Gate, stampati in 3D usando un metodo standard basato sull’estrusione.

Entrambe le installazioni si trovano a Diriyah e sono destinate all’uso come arredo urbano. Sono stati progettati e realizzati appositamente per la stagione di Diriyah , una serie di eventi sportivi e di intrattenimento internazionali che si svolgono presso Al Bujairi Heritage Park, Riyadh. Precht e Mamou-Mani hanno collaborato alle installazioni per il loro cliente Designlab Experience , specialista in installazioni di arte urbana. Entrambe le installazioni sono state realizzate anche in collaborazione con la società di ingegneria britannica Format.

“Riteniamo che la vera innovazione si basi sui risultati del passato. L’innovazione guarda alla storia, impara da essa e la reinventa per le nostre esigenze future “, commenta Chris Precht, co-fondatore di Precht.

“RITENIAMO CHE LA RESPONSABILITÀ INIZI A LIVELLO LOCALE E UTILIZZI LE RISORSE REGIONALI PER CREARE PROGETTI VISIONARI. I SANDWAVES SONO UN ESEMPIO DI INNOVAZIONE RESPONSABILE CHE PUÒ AVERE UN IMPATTO POSITIVO SUL FUTURO DEL NOSTRO AMBIENTE COSTRUITO. “

Con sede in Austria, Precht è uno studio di design specializzato in architettura, interni, paesaggi e prodotti. La società è composta da un gruppo di creativi, guidati dai designer Fei e Chris Precht. La società è stata lanciata dai Precht nel 2019.

Mamou-Mani Architects invece ha sede a Londra. Fondato da Arthur Mamou-Mani, lo studio è specializzato in architettura progettata e fabbricata digitalmente, con particolare attenzione a “Industria 4.0”. Pertanto, Mamou-Mani si concentra principalmente sull’utilizzo di strumenti di progettazione e fabbricazione computazionali, come la stampa 3D, per generare i suoi progetti architettonici.

Mamou-Mani è anche lo sviluppatore di Silkworm , un componente aggiuntivo per il software di modellazione 3D Rhino3D e il suo plug-in Grasshopper . Silkworm consente agli utenti di tradurre la geometria di Rhino in GCode per la stampa 3D, offrendo un maggiore controllo su movimento ed estrusione. Inoltre, Mamou-Mani è anche il proprietario di fabpub , un laboratorio di fabbricazione digitale nella zona est di Londra che consente ai progettisti di prenotare macchine per la stampa 3D e il taglio laser per la creazione di prototipi e progetti.

In precedenza, Mamou-Mani ha progettato un tempio per l’ evento Burning Man con un mandala stampato in 3D. L’industria della stampa 3D ha parlato con Arthur Mamou-Mani dell’uso di software 3D, stampa 3D e robotica nella progettazione e realizzazione del tempio di Galaxia . Inoltre, lo studio di design ha collaborato con COS , un marchio di moda contemporaneo con sede a Londra, per creare un’installazione di bioplastica stampata in 3D , nota come Conifera, per la Milano Design Week 2019 .

Composto da 58 singoli componenti stampati in 3D, l’installazione di Sandwaves è stata stampata in 3D usando un metodo Furan Direct Binding. Utilizzando una stampante 3D dello specialista dei leganti ExOne , questo processo utilizza una resina furanica per legare strati di sabbia posati in sequenza. La sabbia è stata utilizzata per stampare in 3D la struttura in quanto è un’abbondante materia prima in Arabia Saudita, contribuendo a migliorare la sostenibilità del progetto. Il suo continuo design a nastro è stato creato per evocare una serie di vicoli stretti e ampi spazi. Poiché la sabbia non è un materiale molto resistente, il team ha finito per utilizzare elementi spessi per la struttura, con ogni pezzo di circa 160 kg.

Il design perforato, realizzato con le capacità della stampa 3D, è inoltre conforme alla natura dell’architettura circostante, caratterizzata da frangisole e palme. I designer Precht e Mamou-Mani hanno anche lavorato con ingegneri strutturali di Format per ottimizzare la forma e lo spessore di ogni pezzo stampato in 3D utilizzando strumenti di progettazione parametrica.

L’installazione di Pixel Gate, d’altra parte, è stata stampata in 3D in un PLA compostabile, lo stesso materiale utilizzato per stampare in 3D la Conifera nel 2019. Il suo nome si riferisce all’aspetto pixelato generato dall’uso di più cubi per formare la struttura. Le dimensioni e le direzioni dei membri per ciascun “pixel” sono state ottimizzate in base alla distribuzione dei materiali, nonché sistemi di supporto e basi con l’aiuto di Format.

Be the first to comment on "Sandwaves e Pixel Gate in Arabia Saudita"

Leave a comment