Sage Hansen e il cubo finto tridimensionale una illusione ottica video

Con l’emergere di nuovi progressi nella stampa 3D, siamo aperti alle nuove soluzioni di produzione e a nuovi  modi di vederle. Sia i consumatori che le aziende stanno imparando che, ora più che mai, praticamente tutto può essere stampato in 3D. È un movimento che ha rivoluzionato il modo in cui pensiamo alla produzione, ed è solo la punta dell’iceberg. Di conseguenza, nel tentativo di rimanere all’avanguardia, molti leader del settore lavorano intensamente incorporando la scansione 3D, la modellazione e la stampa nei loro modelli di produzione, che si tratti di HP che va  oltre la tradizionale stampa a getto d’inchiostro  con la nuova e migliorata tecnologia di stampa 3D , o gli  Scienziati di Zurigo dell’ETH che innovano le stampe autoassemblanti che si espandono in geometrie predeterminate nel tempo.

Tuttavia, in mezzo a tutta la campagna pubblicitaria del settore 3D, un maker ha deciso di dimostrare che a volte, ciò che costituisce la “terza dimensione” è semplicemente negli occhi di chi guarda. Sage Hansen, 29 anni, è un animatore 3D con sede in Texas, la cui ultima creazione sta diventando virale. Non esattamente l’animazione 3D mozzafiato che emerge da aziende come Disney e Pixar, la recente affermazione di fama di Hansen è sotto forma di un’illusione ottica: un cubo stampato in 3D che, a ben vedere, non è in realtà un cubo, ma un oggetto piano completo di una serie di linee e angoli disgiunti. Conosciuto più precisamente come “un’illusione anamorfica”, il lavoro di Hansen inganna efficacemente la percezione dello spettatore, somigliante a un cubo 3D se visto da una sola angolazione particolare.

“Mi è sempre piaciuto vedere l’arte del gesso prospettico forzato”, afferma Hansen, che ha documentato la sua versione del fenomeno tramite home video il 10 dicembre. Ispirato da questa forma classica di percezione – un’opera d’arte inclinata, Hansen ha deciso di portare le sue abilità da portare come animatore 3D. “Ho creato un cubo virtuale e un angolo di ripresa nel mio software 3D”, spiega. “Ho quindi iniziato a disegnare linee con posizioni e angoli casuali fino a quando non sono allineati nella prospettiva della fotocamera.” Dopo essere stato soddisfatto degli angoli scelti, Hansen ha continuato a estrudere le linee, rendendole più spesse e arrotondando gli angoli per ammorbidire l’illuminazione . Alla fine, Hansen ha stampato l’oggetto curvo sulla sua stampante 3D.

La progettazione in 3D ha richiesto solo circa due ore e mezza e i risultati sono sicuramente efficaci. La scatola appare del tutto reale quando viene filmata ad una certa angolazione, ma nel momento in cui la telecamera si muove, l’immagine diventa immediatamente distorta, esponendo l’illusione per lo spettatore.

La stampa non era necessariamente progettata, ma Hansen è soddisfatto del risultato. “Questa idea  mi è venuta nel cuore della notte”, dice. “Quando mi sono svegliato e ho iniziato a cercare online e non l’ho visto, sapevo che sarebbe stata una sfida divertente da creare”.

Tuttavia, mentre l’illusione anamorfica del cubo di Hansen potrebbe essere letta come divertente attrazione dell’industria manifatturiera, l’animatore conferma che non prova nient’altro che un serio apprezzamento e ammirazione per la tecnologia di stampa 3D. Da quando ha comprato la sua prima stampante 3D nel 2014, Hansen ha osservato che “le stampanti hanno fatto molta strada in poco tempo e hanno apportato molti miglioramenti”. Il ventinovenne ha fatto l’aggiornamento al suo attuale modello di stampante 3D in 2016.

Be the first to comment on "Sage Hansen e il cubo finto tridimensionale una illusione ottica video"

Leave a comment