Ryan McCarthy l’esercito americano e la stampa 3d

L’esercito americano cerca di aumentare l’uso della produzione additiva
Il segretario dell’assistenza Ryan McCarthy sottolinea l’importanza della stampa 3D per i pezzi di ricambio

L’esercito degli Stati Uniti ha dimostrato il suo interesse per la produzione additiva nel corso degli anni, ma secondo il segretario di servizio Ryan McCarthy, ora è il momento di accelerare davvero l’adozione. In un recente evento stampa al Reagan National Defense Forum, McCarthy ha sottolineato quanto la stampa 3D diventerà cruciale per i militari, in particolare per la produzione di pezzi di ricambio.

Attualmente, le forze armate statunitensi utilizzano la produzione additiva, sebbene a capacità limitata. Per la produzione di pezzi di ricambio, ad esempio, l’organizzazione della difesa si affida ampiamente a partner esterni per fornire componenti stampati in 3D. Al fine di ridurre i costi e migliorare ulteriormente l’efficienza, McCarthy afferma che questo modello di business dovrà passare a una maggiore produzione interna di pezzi di ricambio.

“Ciò che ci uccide davvero sono le parti”, ha detto . “Parti: è per questo che i sistemi d’arma hanno livelli di prontezza operativa stimolante, è per questo che i sistemi d’arma continuano a diventare più pesanti nel tempo man mano che si aggiorna il sistema in modo incrementale.”

Produzione di additivi militari statunitensi
Quest’anno, l’esercito americano ha adattato una lega d’acciaio di tipo militare per la stampa 3D
Nella maggior parte dei settori, la capacità di produrre pezzi di ricambio su richiesta ha suscitato interesse nella stampa 3D. Nel settore ferroviario, ad esempio, i pezzi di ricambio stampati in 3D possono ridurre significativamente i tempi di fermo del treno. In campo militare, la capacità di stampare parti in 3D su richiesta e sul campo potrebbe rivelarsi critica.

Questo vantaggio è stato riconosciuto dalle forze armate statunitensi, ma l’ampia adozione non si è ancora manifestata, in gran parte a causa delle preoccupazioni circa l’affidabilità delle parti stampate in 3D come quelle tradizionali. Tuttavia, con l’aumentare dell’adozione industriale e degli usi finali in settori come quello aerospaziale e automobilistico, l’esercito sta diventando sempre più disposto a esplorare e adottare la AM.

In fondo, potrebbe diventare il luogo standard per le divisioni militari e le truppe per entrare in campo con stampanti 3D al seguito. Lì, i sistemi possono essere utilizzati per produrre componenti leggeri, più efficienti in termini di consumo di carburante per sostituire parti danneggiate o mancanti per veicoli blindati e altro ancora.

“Francamente l’industria della difesa presta molta attenzione alla [stampa 3D] perché le parti sono come lame di rasoio per un’azienda di difesa – ne comprate costantemente di nuove”, ha aggiunto McCarthy. “È un modello di business incredibile, ci fanno molti soldi. Quindi stiamo provando a spingerli per dire aiutaci a fare questo. Potrebbe esserci una sfida con la proprietà intellettuale in cui discuteremo e avremo sfide, ma la supereremo. “
Oltre alla stampa 3D, l’esercito americano sta anche esplorando il potenziale della bioprinting sul campo. La società di bioprinting nScrypt ha annunciato all’inizio di quest’anno che stava sviluppando una bioprinter rinforzata per applicazioni militari. La bioprinter adattata verrà consegnata in un luogo militare non divulgato, dispiegato in avanti, dove verrà valutata la sua fattibilità.

Anche quest’anno, i Marines statunitensi hanno mostrato il loro interesse per la costruzione di stampe 3D costruendo una serie di strutture in cemento armato , tra cui una caserma e un ponte. Le strutture, stampate presso la sede del CERL in Illinois, sono state le prime a utilizzare un ugello di stampa da tre pollici.

Be the first to comment on "Ryan McCarthy l’esercito americano e la stampa 3d"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi