Roboze testa il materiale PEEK per filamenti il video

Roboze  testa le sorprendenti proprietà termiche del filamento PEEK durante il test di calore della durata di 8 ore

Se siete andati on-line alla ricerca di un  filamento di qualità per la stampa 3D, probabilmente avete sperimentato la frustrazione. Tutti parlano di “proprietà materiali eccellenti ‘,’ ad alta resistenza ‘o’ elevata flessibilità ‘per ogni singolo filamento può essere molto difficile capire la differenza. È per questo che gli  sviluppatori professionali italiani di Roboze hanno appena completato un test molto significativo. Per mostrare le proprietà termiche del filamento PEEK , hanno eseguito un test di inerzia di otto ore e mezza solo per scoprire che a malapena ha perso le sue proprietà meccaniche e termiche.

Questo è un risultato notevole per il filamento PEEK (polietereterchetone), che è noto per le sue eccellenti proprietà. Immaginiamo un materiale ad alte prestazioni che ha un altissimo punto di fusione (343 ° C), che resiste all’usura e all’abrasione meglio  del titanio e dell’acciaio, praticamente sterile, chimicamente inerte e biocompatibile (significa che può essere utilizzato in impianti umani o in ambienti corrosivi). Anche se sembra troppo bello per essere vero, esiste quel materiale, ed è comunemente noto come PEEK.

Il materiale PEEK  è già ampiamente utilizzato nella ricerca e nell’ingegneria . Le sue applicazioni correnti includono impianti medici, componenti elettronici, componenti aerospaziali, e  e automobilistici, e la sua introduzione sul mercato come un materiale industriale ha rivoluzionato le possibilità della stampa 3D per gli ingegneri in una vasta gamma di settori.

L’unico svantaggio  è che alcune stampanti desktop 3D non sono in grado di  raggiungere le alte temperature necessarie per stamparlo. Ma la Roboze One è una delle poche stampanti 3d  che possono  stampare il Peek . Roboze  è un produttore di stampanti 3D pugliese di Bari , conosciuto per le proprie stampanti desktop 3D senza cinghia . In particolare focalizzata su soluzioni convenienti per gli utenti professionali ; le loro stampanti 3D sono in grado di lavorare con una varietà di materie plastiche industriali quali il PEEK.
Per dimostrare come quel materiale reagisce in condizioni di stress, hanno messo un blocco di 25 x 25 x 10mm di PEEK ( stampato in 3d su una stampante Roboze Uno + 400 ) per il test. Hanno posizionato sul blocco una resistenza elettrica riscaldata a 245 gradi Celsius,e hanno mantenuto la temperatura costante per  otto ore e mezzo. Anche se non possiamo nemmeno immaginare cosa accadrebbe al PLA in tali circostanze,  il PEEK  ha perso solo il 35 per cento delle sue proprietà termiche e meccaniche rispetto alle condizioni standard, dimostrando che  è molto affidabile in situazioni pericolose o in caso di imprevisti.

Questo test, che può essere visto nella clip qui sotto, mostra esattamente perché PEEK è ampiamente usato in situazioni ad altoimpatto come il settore aerospaziale, della difesa, e le applicazioni automotive.

Be the first to comment on "Roboze testa il materiale PEEK per filamenti il video"

Leave a comment