Ricoh e la stampa 3d il ruolo della filiale inglese a Tedford

Ricoh il più grande produttore di stampanti giapponese si sposta nella stampa 3D
 Ricoh, la società di imaging e di elettronica giapponese specializzata nella produzione di stampanti, assiste ad una significativa diminuzione della domanda di stampanti per computer e ufficio tradizionali. Per garantire la crescita a lungo termine della società, i dirigenti di Ricoh stanno volgendo l’attenzione  dell’azienda verso la stampa 3D, un settore che sta crescendo a un ritmo impressionante, e nel quale Ricoh ha mosso  i primi passi nel 2014.
L’industria della stampa giapponese 3D ha visto la nascita di start-up innovative e fornitori di servizi di targeting in un mercato molto più grande rispetto al settore della stampante da ufficio tradizionale. Le aziende di stampa 3D stanno puntando a fornire   aziende in settori manifatturieri dai fatturati milionari e miliardari, tra cui le automobili, gli aerei e l’elettronica.
Il Giappone ha rivelato che le vendite totali del mercato della stampa 3D interno nel 2015 ha raggiunto i 310 milioni di dollari, mostrando una crescita annua del 104,4%. In confronto, il mercato della stampa elettrofotografica in Giappone sta lottando per crescere, con oltre il 75% della quota di mercato controllata dal segmento di stampa a colori che secondo Ricoh sta mostrando un calo della domanda.
Colin Weaver, direttore delle operazioni europee, ha dichiarato:
“Le persone stampano su carta sempre meno. In ufficio la stampa è sicuramente in declino abbiamo tablet e telefoni. Ma tutto in questa stanza è stampabile – il tappeto, il tavolo, le foto sul muro e molto altro “.

Weaver, che sovrintende ad un importante fabbrica di Ricoh nel Regno Unito, ha affermato che l’azienda si è evoluta da un sito di produzione ad un laboratorio di innovazione e sviluppo, in cui Weaver e il suo team discutono  modifiche al modello di business della società. La squadra di Weaver, che ha sede a Telford, sta conducendo diverse iniziative di ricerca sulla scoperta di modelli di business usando le risorse tecnologiche esistenti di Ricoh . In sostanza, la società è alla ricerca di applicazioni alternative delle sue tecnologie al di fuori del regno della stampa elettrofotografica.

La fabbrica di Ricoh a Telford ha già compiuto progressi in termini di orientamento al mercato della stampa 3D globale. La società ha assicurato un contratto con una società privata in Spagna, che utilizza la tecnologia di stampa 3D per produrre rapidamente protesi su misura. Come molte aziende sanitarie, la società partner di Ricoh sta sperimentando con la tecnologia di stampa 3D per sviluppare un metodo per produrre protesi sul posto e all’interno della struttura, al fine di garantire che i pazienti ricevono l’aiuto necessario.

Dopo aver visto il successo commerciale negli sforzi di collaborazione con le aziende partner, Ricoh prevede di introdurre un idrogel per la stampa 3D, che può essere utilizzato per stampare la replica di organi per la pratica delle operazioni insomma per le simulazioni di operazioni chirurgiche. Questo permette alle istituzioni educative o agli ospedali di eseguire le operazioni sperimentali in simulazione di vita reale, con gli attributi fisici del gel che riflettono quelli degli organi reali.

Nel corso degli ultimi mesi, l’industria della stampa 3D globale ha visto partnership di successo tra le imprese di stampa 3D e gli sviluppatori di assistenza sanitaria in particolare nel Regno Unito. Nel dicembre del 2016, Opebionic ha assicurato una collaborazione con il National Health Service (NHS) per la produzione di protesi con la stampa 3D, simile allo sforzo congiunto tra Ricoh e le sue aziende partner.
Il rapido emergere di aziende sanitarie e degli ospedali universitari intese a promuovere l’utilizzo della tecnologia di stampa 3D nella creazione di protesi custom-built ha portato alla formazione di un mercato promettente, che può evolvere in un mercato multi-miliardario di dollari in un prossimo futuro. Lo sviluppo e la produzione di protesi erano relativamente inefficienti prima dell’introduzione della tecnologia di stampa 3D, come i processi di produzione manuali mancava il livello di precisione e accuratezza richiesta per creare una protesi su misura.

Be the first to comment on "Ricoh e la stampa 3d il ruolo della filiale inglese a Tedford"

Leave a comment