Ricerche sull’utilizzo di composito e silicone in ABS per costruire solette con la stampa 3D

Uno studio sulle suole multimateriali stampate in 3D che utilizzano ABS e silicone
 

La stampa 3D ha aperto nuove possibilità per le persone che soffrono di problemi ai piedi, alle articolazioni e alla schiena che possono venire semplicemente dalla posizione o dal camminare. Le solette possono fare una grande differenza non solo per il comfort, ma per il sollievo dei disturbi cronici. Le tipiche suole acquistate in negozio, tuttavia, potrebbero non essere sufficienti per correggere problemi di postura e difficoltà di deambulazione, motivo per cui la stampa 3D ha fatto la differenza. Le aziende utilizzano ora scanner 3D per acquisire dati sui piedi dei singoli clienti o dei pazienti e tali dati vengono utilizzati per stampare su solette personalizzate in 3D che soddisfano l’esatta anatomia e le esigenze dei clienti o dei pazienti.

In un articolo intitolato ” Ricerche sull’utilizzo di composito e silicone in ABS per costruire solette con la stampa 3D “, l’autrice Mihaela Ioana Baritz dell’Università Transilvania di Brasov discute della fabbricazione di solette specializzate per pazienti con diabete mellito (DM). Si stima che il 25% dei pazienti affetti da DM sviluppino problemi ai piedi e che quindi sia ammesso il 20% circa dei pazienti che entrano nell’ospedale a causa di problemi ai piedi.

“Gli studi hanno dimostrato che le complicazioni della DM, come i cambiamenti nelle strutture ossee, la limitata mobilità articolare, la formazione di callo e la sufficienza arteriosa, possono causare pressioni plantari localmente elevate”, spiega Baritz. “Applicazioni ripetute di pressioni così elevate rendono il piede più suscettibile allo sviluppo delle ulcere. Pertanto, l’intervento medico attraverso sostanze medicinali è benefico per il paziente ed è un metodo per valutare sia l’evoluzione della patologia che un metodo per migliorare i parametri funzionali della postura o del ciclo di deambulazione. “

La fascite plantare è un altro problema comune, non necessariamente tra i pazienti diabetici, ma tra il pubblico in generale, in particolare le persone più attive. La condizione si verifica in circa due milioni di americani ogni anno. Anche le solette possono aiutare con questa condizione e Baritz descrive una configurazione sperimentale in cui la superficie plantare viene scansionata per creare un modello 3D di una soletta. Le solette sono state quindi stampate in 3D in un materiale rigido (ABS) con superfici in silicone morbido che aderiscono alla superficie del sottopiede e consentono la possibilità di registrare la risposta dinamica durante la deambulazione, grazie ai sensori di forza posizionati al loro interno.

“In questo esperimento, è stato fatto per enfatizzare la forza di pressione della superficie plantare del piede sinistro / destro sul terreno, nella situazione in cui il soggetto indossa o meno calzature adeguate per le dimensioni antropometriche”, conclude Baritz. “Inoltre, la valutazione della forza di pressatura sul terreno è stata determinata, nella seconda parte dell’esperimento, allo stesso tempo con l’aiuto delle solette sensoriali montate nella scarpa appropriata, dimostrando i valori ottenuti una somiglianza delle misurazioni . Inoltre, la tecnologia di stampa 3D di produzione delle solette rigide, ha permesso di ottenere una forma personalizzata di supporto plantare composito con materiale siliconico. Questa forma induce un comfort posturale molto migliore nel soggetto e consente registrazioni veloci fatte con un sistema portatile. “

Be the first to comment on "Ricerche sull’utilizzo di composito e silicone in ABS per costruire solette con la stampa 3D"

Leave a comment