Relativity Space ottiene l’approvazione dell’Air Force per il lancio di razzi stampati in 3D da Cape Canaveral


Relativity Space di Los Angeles, una start-up di tre anni che aspira a costruire missili usando stampanti 3D, ha annunciato giovedì un contratto con l’US Air Force per costruire e gestire un impianto di lancio presso la stazione aeronautica di Cape Canaveral in Florida.

La startup si unisce a SpaceX, United Launch Alliance e Blue Origin come la quarta società privata a cui accedere a Launch Complex 16 (LC-16) presso la Cape Canaveral Air Force Station. LC-16 è stato costruito dall’Air Force negli anni ’50 come sito di test missilistici. Utilizzando il complesso di lancio esistente, Relativity Space ritiene che risparmierà circa quattro anni che sarebbero stati necessari per creare un launchpad da zero. Secondo CNBC , per questo contratto non è previsto alcun pagamento di valuta o di leasing all’Aeronautica. L’accordo include un’opzione di proroga per un periodo di 20 anni esclusivo.

La società prevede di spendere più di $ 10 milioni per rinnovare il pad, costruire impianti di elaborazione del carico utile e hangar di integrazione e installare sistemi di protezione del combustibile e dei fulmini. Relativity ha detto che il sito di lancio sarà pronto prima del previsto lancio dei primi carichi utili in orbita terrestre bassa alla fine del 2020. La Relatività sta creando un razzo orbitale di medie dimensioni con parti stampate in 3D al 95%. La compagnia dice che sarà in grado di produrre razzi con 100 volte meno parti del normale. Ad esempio, l’iniettore e la camera motore della Relativity sono realizzati con solo tre parti stampate in 3D, mentre in genere tali sezioni richiedono quasi 3.000 parti. Il suo razzo stampato in 3D, il Terran 1, che richiede solo 60 giorni per la stampa, dovrebbe essere in grado di lanciare carichi utili fino a 2.700 sterline. Ogni lancio avrà un costo di circa $ 10 milioni.

Rappresentazione dell’artista del razzo Terran 1 di Relativity Space sul blocco del Complesso di lancio 16 della stazione aeronautica di Cape Canaveral.

Relativity, fondata nel 2016, ha raccolto oltre 45 milioni di dollari in venture capital da investitori come Social Capital, Playground Global e persino Mark Cuban. La società ha già un contratto di affitto di 20 anni con lo Stennis Space Center della NASA, nel Mississippi, per testare il fuoco dei suoi motori Aeon alimentati a metano – nove dei quali alimenteranno il primo stadio del Terran1 insieme a uno che alimenta il livello superiore.

Relativity ha creato una delle stampanti 3D in metallo più grandi del mondo per volume, denominata Stargate. La stampante 3D Stargate è in grado di creare parti alte fino a 20 piedi e larghe 10 piedi. L’azienda afferma che basandosi su stampanti 3D come questa per la produzione, il team sarà in grado di produrre circa il 95 percento del razzo attraverso l’automazione stampata in 3D. L’ultimo 5%, che sarà incentrato su test, spedizione e assemblaggio manuale, richiede ancora lavoro umano.

“La nostra visione a lungo termine è di razzi di stampa 3D su Marte”, ha affermato Tim Ellis, CEO di Relativity Space. “Questo è davvero il punto in cui vediamo l’automazione e la stampa 3D insieme ai razzi in futuro, è che saremo in grado di essere quell’azienda”.

Be the first to comment on "Relativity Space ottiene l’approvazione dell’Air Force per il lancio di razzi stampati in 3D da Cape Canaveral"

Leave a comment