re: 3D su Kickstarter per la nuova stampante Open Gigabot 3D ma cerca solo 15 finanziatori con cui sviluppare la propria macchina

Circa due anni fa, una piccola azienda con sede a Austin in Texas la re: 3D ha lanciato una grande stampante 3D su Kickstarter. Chiamata  Gigabot, questa macchina non era solo di grandi dimensioni, ma anche ricca di funzionalità. In grado di costruire oggetti   fino a 30 volte più grandi di quelli stampati solitamente con una stampante desktop 3d. Il prezzo era tutt’altro che tradizionale. Con soli  2.500 euro , i sostenitori della campagna di crowdfunding sono stati in grado di ottenere un kit  per la costruzione di questo colosso di  macchina.

Dopo circa 2 anni la re: 3D ha deciso di portare le cose al livello successivo. Questa settimana, in concomitanza col festival SXSW ,  hanno lanciato l’ennesima campagna su Kickstarter, questa volta per la  Gigabot Open, un  concetto di stampante 3D 2015.

Cosa sta cercando di realizzare re: 3D  con questo ultimo progetto ? Vogliono  creare una stampante 3D su larga scala ‘a misura d’uomo’ ,che sia completamente open source, con un design che sia  generato dalla Gigabot e dalla comunità Kickstarter.

“Lavorare con la comunità 3D ha fornito grandi risposte sul flusso di lavoro degli utenti della Gigabot”, afferma l’azienda. “Abbiamo imparato ciò che gli utenti amano e cosa vorrebbero vedere migliorato. Con questo in mente, stiamo re-immaginando  l’esperienza utente da zero “.

‘Re-immaginare’ può essere una minimizzazione . Questo ultimo dispositivo   avrà tutte le seguenti caratteristiche:

Open Hardware – telaio modulare realizzato in alluminio, porte di alimentazione e dati esposti, e intestazioni aggiuntive per altre possibili hacks.o4
Open Software – Scritto in Python, ampiamente documentato, e, soprattutto, in grado di essere ‘violato’ a vostro piacimento.
Scale Gigantic – Costruire un volume di dotazione di 24 x 24 x 20 cm, pur essendo in grado di passare attraverso il telaio della porta standard.
Graphical User Interface Touchscreen – Consente un facile controllo e la stampa remota .
Design ottimizzato Footprint – design estremamente efficiente, per inserire il maggior numero di funzioni nel minor spazio possibile. Tutte le caratteristiche sono accessibili dalla parte anteriore della macchina.
Networked – può facilmente connettersi alla rete in casa o in ufficio tramite un router tipico con WiFi, USB o Ethernet.
Watch-Dog – Sensori per informare in modo affidabile l’utente di errori sul filamento di alimentazione, errori di azionamento del motore e problemi di temperatura.
Alla re: 3D, i progettisti sono pienamente consapevoli dell’importanza di essere in grado di personalizzare una stampante 3D, in particolare una di queste grandi. Al fine di  capire che cosa i loro clienti tipici vogliano  hanno deciso di rivolgersi a Kickstarter, ancora una volta, e di utilizzarlo sia come piattaforma di crowdfunding e sia come piattaforme di crowdsourcing  questa volta.

“Con la comunità di Kickstarter, stiamo creando il banco di prova per l’integrazione di nuove funzioni in moda da   garantire che la nostra linea di produzione sia ben fatta,” ha dichiarato re: 3D.

Mentre i primi tre sostenitori sono stati in grado di pre-ordinare la open  Gigabot 3D e diventare uno dei tre  collaudatori pionieri ALPHA per soli 3,500 dollari , al momento della pubblicazione di questa storia c’è un secondo livello Alpha disponibile per 4.300 dollari, e cinque ricompense livello BETA disponibili a   5,300 dollari. Dopo di che, la campagna si chiuderà e   l’azienda lavorerà  con questi 15 sostenitori  alfa e beta per progettare la macchina Open Gigabot finale.

La cifra richiesta su Kickstarter è di 50 mila dollari e dopo 3 giorni sono già arrivati ad oltre metà.

Be the first to comment on "re: 3D su Kickstarter per la nuova stampante Open Gigabot 3D ma cerca solo 15 finanziatori con cui sviluppare la propria macchina"

Leave a comment