Quali sono i migliori tessuti per la stampa 3D?

La moda stampata in 3D sta diventando sempre più diffusa nel mondo del design, ma ci sono molte sfide che la circondano. Prendere una tecnologia largamente utilizzata per creare oggetti di plastica solidi e creare qualcosa di flessibile e indossabile non è facile, e un sacco di moda stampata in 3D non è esattamente ciò che chiameresti indossabile, tranne che sulla passerella. Gran parte della stampa 3D di maggior successo coinvolge tessuti regolari con accenti stampati in 3D , ma ciò comporta le proprie sfide in termini di ottenere la plastica stampata in 3D per aderire saldamente al tessuto. In un documento intitolato ” Stampa 3D di PLA su tessuti “, un gruppo di ricercatori discute questa stessa sfida.

Nello studio, un modello PLA è stato stampato in 3D su otto diversi campioni di tessuto che differivano per peso del tessuto, densità di ordito, densità di trama, densità lineare dell’ordito e densità lineare della trama. I ricercatori hanno scoperto una relazione tra la forza di adesione dei polimeri e la densità di curvatura.

“Mentre la relazione non è diretta, c’è tuttavia una tendenza generale per la forza di adesione ad aumentare la densità della curvatura diminuisce”, spiegano. “Ciò può essere spiegato dal fatto che quando i fili di ordito diventano più densamente impacchettati diventa difficile per il polimero circondare i singoli filati. Questo porta a meno spazio disponibile per il polimero da trattenere sul tessuto riducendo quindi la forza di adesione. ”
C’era anche una diminuzione generale della forza di adesione con un aumento della densità della trama, probabilmente dovuto alle stesse ragioni sopra menzionate. I ricercatori hanno anche scoperto che la densità lineare dell’ordito è direttamente proporzionale alla forza di adesione, tuttavia:

“Mentre può sembrare che un aumento della densità lineare fornisca più area per il polimero da trattenere sul tessuto, i risultati della relazione tra la forza di adesione e la densità lineare della trama, come mostrato in Fig. 6, tendono a suggerire diversamente “.
In breve, mentre la densità del filo di ordito, la densità della trama e la densità lineare dell’ordito hanno mostrato un effetto sull’adesione, il peso del tessuto e la densità lineare della trama non hanno avuto alcun effetto diretto sull’adesione. Queste informazioni possono essere utilizzate dai progettisti che cercano il tipo giusto di tessuto da combinare con accenti di plastica stampati in 3D, al fine di ridurre al minimo le difficoltà nell’ottenere la plastica stampata in 3D per aderire al tessuto.

Ci sono una serie di vantaggi nell’utilizzo della stampa 3D per creare moda. Combinare le trame di tessuto e polimero può portare a effetti unici che sono sia sorprendenti che indossabili, se fatti bene. La stampa 3D può anche essere utilizzata per creare indumenti unici e personalizzati che altre tecnologie sono meno in grado di realizzare. Tuttavia, è importante avere le giuste conoscenze e abilità quando si crea la moda stampata in 3D. Gli accenti stampati in 3D possono essere cuciti o incollati su tessuto, ma la stampa 3D direttamente sul tessuto consente di risparmiare tempo, denaro e materiali di consumo. Conoscere il tessuto giusto da utilizzare per la stampa 3D può salvare un designer ancora più tempo, denaro e fatica, e consentire loro di creare arte attraente e indossabile.

Gli autori del documento includono Nonsikelo Sheron Mpofu, Josphat Igadwa Mwasiagi, Londiwe Nkiwane e David Njguna.

Be the first to comment on "Quali sono i migliori tessuti per la stampa 3D?"

Leave a comment