Prusa nuova stampante SLA 3D open source

Josef Prusa ha annunciato una nuova stampante SLA 3D open source a base di resina Prusa SL1 .

All’inizio di quest’anno, Prusa ha acquisito Futur3D, un’azienda ceca di stampanti 3D specializzata nella stampa di resine. Con il suo team di 320 persone, l’azienda punta ad aprire tutti i progetti di stampanti 3D a base di resina a partire da SL1.

“La SL1 non sta cercando di competere con il fragile Photon o con la forma ultra-costosa, ma invece voglio che sia la MK3 del mondo della resina – avere la migliore qualità di stampa, design e funzionalità convenienti, facilità d’uso e altro cose, pur mantenendo un prezzo accessibile per un hobby maker di tutti i giorni “, ha scritto Prusa.

La stereolitografia (SLA) è un processo di produzione additivo che funziona mettendo a fuoco un laser ultravioletto (UV) su una vasca di resina fotopolimerica. I fotopolimeri sono sensibili alla luce ultravioletta, quindi la resina viene solidificata fotochimicamente e forma l’oggetto 3D desiderato, strato per strato. I tre principali tipi di processi SLA sono basati su laser (SLA laser), elaborazione Digital-light (DLP-SLA) e Masked (MSLA).

Prusa SL1 utilizza MSLA, con un array LED come sorgente luminosa in combinazione con un fotomaschermo LCD per modellare l’immagine luminosa. Simile alle stampanti DLP, il fotomaschermo LCD è visualizzato digitalmente ed è composto da pixel quadrati. La dimensione dei pixel varia a seconda di come viene prodotto il fotomaschermo LCD e ciascun pixel viene disattivato sullo schermo LCD per consentire il passaggio della luce LED per formare il livello risultante. Pertanto, la precisione XY è fissa (è la risoluzione fisica del display LCD) e non dipende da come è possibile ingrandire / ridimensionare l’obiettivo. Questo è il motivo per cui MSLA è più preciso.

In termini più semplici, il display LCD visualizza i livelli come immagini trasparenti e il resto dell’immagine (oltre i contorni del livello) è nero, consentendo alla luce di passare solo attraverso la forma del livello trasparente.

La SL1 utilizza un display LCD ad alta risoluzione da 5,5 “con risoluzione fisica di 2560 × 1440p, risultante in 0,047 mm per pixel, ovvero la risoluzione XY fissa. Una luce UV ad alte prestazioni curerà uno strato alla volta, il che richiede circa 6 secondi e quindi la piattaforma di stampa viene sollevata, quindi la stampante può iniziare a creare un altro livello. Questa configurazione fornisce un’area di stampa massima di 120 × 68 × 150 mm (o 4,7 × 2,6 × 5,9 pollici).

 

A proposito, stiamo utilizzando un design abbastanza intelligente per la stampante: il suo nucleo è un telaio rigido durale con un corpo separato, che migliora notevolmente la stabilità e l’affidabilità. Per dirla semplicemente, non è un’altra cosa di plastica traballante. Questa cosa è PESANTE! 

 

Come già accennato, grazie ai driver Trinamic e al telaio rigido durale, SL1 può raggiungere un’altezza dello strato di appena 0,01 mm. Ma la maggior parte degli utenti dovrebbe rimanere nell’intervallo consigliato di 0,025 – 0,1 mm per strato. E sì, ti daremo anche la possibilità di abilitare l’altezza del layer variabile. E state certi che la nostra stampante è aperta a resine di terze parti.

SL1 dispone di un sensore di livello resina unico, che si trova nel letto di resina (chiamato anche ‘serbatoio’). Ti consente di versare la quantità ottimale di polimero nel serbatoio e informa quando la resina sta per esaurirsi e richiede una ricarica.

Parlando del serbatoio di resina, è un’altra importante caratteristica di questa stampante. Quello che abbiamo qui è un serbatoio estraibile con un film flessibile trasparente FEP sul fondo. Proprio sotto è il display LCD (raffreddato per migliorare la sua durata) e la luce UV. Quindi, prima di tutto, il serbatoio di resina ha una funzione di inclinazione motorizzata, il che significa che dopo la polimerizzazione di un singolo strato, la stampa non viene sollevata verticalmente dal fondo del serbatoio. Invece, il serbatoio si inclina – Questo è enorme, migliora drasticamente la finitura superficiale dei modelli e riduce lo stress sul modello che è meno probabile che si stacchi dalla base. Possiamo farlo grazie alla nostra struttura in alluminio estremamente rigida della stampante. Se il core fosse economico e fragile, questo sarebbe solo una flessione dell’intera cornice della stampante.

Inclinando il serbatoio, la resina viene anche mescolata. Secondo Prusa, ha un notevole impatto sulla qualità di stampa. “Rende anche la stampa più veloce, permettendoci di raggiungere circa 6 secondi per strato.”

“Il materiale FEP è economico e avremo pezzi di ricambio disponibili attraverso il nostro e-shop. Nel caso in cui graffi o danneggi il film FEP in qualsiasi modo, la sostituzione è in realtà piuttosto semplice – basta svitare un paio di viti, rimuovere la pellicola danneggiata e inserirne uno nuovo che si allungherà automaticamente quando si stringono di nuovo le viti.

“Per confrontare, il modulo 2 utilizza serbatoi di resina con silicone anziché FEP e anche il serbatoio di resina per la stampa” ad alto volume “può durare 2 litri +” al prezzo di $ 99. Devi smantellare l’intero serbatoio dopo che smette di funzionare. ” scrisse Prusa.

È possibile preordinare una stampante 3D SL1 preassemblata per 1.599 USD / 1.599 EUR (IVA inclusa) e la spedizione inizierà a partire da dicembre di quest’anno. Un kit per stampante 3D SL1 (montaggio richiesto) ha un prezzo di 1.299 USD / 1.299 EUR (IVA inclusa) e inizierà la spedizione a gennaio 2019.

Be the first to comment on "Prusa nuova stampante SLA 3D open source"

Leave a comment