Progetto Olympus: ICON e NASA sviluppano un’infrastruttura per la stampa 3D sulla luna

ICON COLLABORA CON LA NASA PER SVILUPPARE L’INFRASTRUTTURA LUNARE STAMPATA IN 3D NEL “ PROJECT OLYMPUS ”

La società di costruzioni con sede in Texas ICON ha ottenuto un contratto con la NASA per sviluppare un sistema di costruzione fuori dal mondo stampato in 3D per la Luna.

Il progetto Olympus vedrà ICON collaborare con gli studi di architettura BIG e SEArch + per progettare robuste strutture lunari che possono essere costruite utilizzando materiali disponibili sulla superficie lunare. Come parte del programma, ICON ha anche creato una nuova divisione, dedicata allo sviluppo e alla dimostrazione di elementi prototipo per un sistema di stampa 3D spaziale su vasta scala.

Attraverso il progetto, la NASA mira a sviluppare una presenza più sostenibile sulla Luna e, così facendo, consentire all’umanità di diventare una civiltà che viaggia in modo permanente nello spazio.

“Costruire la prima casa dell’umanità su un altro mondo sarà il progetto di costruzione più ambizioso della storia umana e spingerà la scienza, l’ingegneria, la tecnologia e l’architettura letteralmente a nuovi livelli”, ha affermato Jason Ballard, co-fondatore e CEO di ICON. “Siamo onorati di iniziare la nostra ricerca e sviluppo su Project Olympus e Olympus Construction System di ICON.

“L’INVESTIMENTO DELLA NASA IN TECNOLOGIE DELL’ERA SPAZIALE COME QUESTA PUÒ NON SOLO AIUTARE A FAR AVANZARE IL FUTURO DELL’UMANITÀ NELLO SPAZIO, MA ANCHE A RISOLVERE PROBLEMI MOLTO REALI E FASTIDIOSI CHE DOBBIAMO AFFRONTARE SULLA TERRA”.

Tecnologia di costruzione per la stampa 3D di ICON

ICON è un’azienda di tecnologie di costruzione che utilizza la sua robotica di stampa 3D proprietaria, software e materiali avanzati per costruire case a prezzi accessibili in tutto il mondo. La società ha recentemente guadagnato 35 milioni di dollari di finanziamenti e la sua crescita attuale si riflette in quella di altre attività di costruzione additiva, come Mighty Buildings e PERI negli ultimi mesi.

Lavorando con partner come l’organizzazione no-profit New Story , ICON ha cercato di implementare le sue tecnologie per stampare in 3D alloggi più convenienti per chi ne ha bisogno. Nel maggio 2019, la società ha fabbricato la “prima comunità stampata in 3D al mondo” in America Latina e all’inizio di quest’anno ha stampato case per famiglie a basso reddito in Messico.

Da allora, l’azienda ha continuato ad espandere le applicazioni della sua tecnologia e ha collaborato con il Corpo dei Marines degli Stati Uniti per stampare “strutture in pelle per veicoli” presso la base di Camp Pendleton. Ora, avendo ottenuto un contratto SBIR ( Small Business Innovation Research ) dalla NASA, ICON otterrà ulteriori finanziamenti per sviluppare le sue tecnologie da utilizzare anche nello spazio.

ICON lavorerà come parte del Project Olympus della NASA per sviluppare un nuovo metodo di stampa 3D sulla Luna. Immagine tramite ICON.
Project Olympus e la stampante 3D aerospaziale di ICON

Come parte del suo programma Artemis, la NASA sta tentando di riportare gli astronauti sulla Luna entro il 2024 e ha già utilizzato la stampa 3D per sviluppare parti di motori a razzo e il suo lander lunare per la missione. Ora, tramite il suo ultimo programma denominato Project Olympus, l’organizzazione mira a creare un metodo per stampare strutture lunari potenziate e a costruire un sito sostenibile per l’esplorazione al di fuori della Terra.

Per stabilire una presenza lunare permanente, l’infrastruttura dovrà fornire una migliore protezione termica, dalle radiazioni e dai micrometeoriti di quanto sia possibile con gli attuali habitat metallici o gonfiabili. Ecco perché la NASA si è rivolta a ICON, BIG e SEArch +. Combinando la loro esperienza nel settore edile e aerospaziale, le aziende stanno tentando di progettare un nuovo processo per le strutture di stampa 3D, utilizzando principalmente le risorse ottenute dalla superficie della Luna.

“FIN DALLA FONDAZIONE DI ICON, ABBIAMO PENSATO ALLA COSTRUZIONE FUORI DAL MONDO. È UNA PROGRESSIONE SORPRENDENTEMENTE NATURALE E LA STAMPA 3D PUÒ CREARE UN FUTURO MIGLIORE PER L’UMANITÀ “.

Durante il Progetto Olympus, ICON lavorerà a stretto contatto con il Marshall Space Flight Center della NASA per sperimentare la stampa di simulanti di suolo lunare simulato utilizzando una varietà di tecnologie di elaborazione. Basandosi sulla tecnica che ha sviluppato nel 2018 per l’Habitat Challenge della NASA, ICON mira infine a costruire una stampante 3D spaziale su vasta scala, che è già stata soprannominata “ Olympus Construction System ”.

Secondo Ballard, la tecnologia avanzata che verrà sviluppata durante il progetto potrebbe anche avere significative applicazioni sulla Terra. “Sono fiducioso che imparare a costruire su altri mondi fornirà anche le scoperte necessarie per risolvere le sfide abitative che dobbiamo affrontare in questo mondo”, ha detto Ballard.

“A volte, per i problemi più grandi, diventa necessario guardare il cielo e non solo i nostri piedi. Sarebbe difficile sopravvalutare quanto sarà difficile, ma il team ICON è pronto per il viaggio ed è lieto di intraprendere questo compito monumentale con la NASA, BIG e SEArch + ”, ha aggiunto.

Sebbene l’utilizzo della produzione additiva per costruire strutture sulla Luna possa sembrare più fantascientifico che reale, il concetto è già in fase di sviluppo da diversi anni.

Nel luglio 2019, l’agenzia spaziale russa Roscosmos ha annunciato che prevede anche di supportare missioni lunari a lungo termine mediante strutture di stampa 3D realizzate con materiali in loco . Secondo il capo di Roscosmos Dmitry Rogozin, i cosmonauti russi atterreranno sulla Luna per la prima volta nel 2030.

Anche l’Amministrazione spaziale nazionale cinese (CNSA) ha rivelato di voler essere il primo paese a stabilire una base sulla Luna. I piani della CNSA per una struttura stampata in 3D sono stati annunciati in seguito al successo dell’atterraggio del modulo Chang’e 4 del paese sulla Luna nel gennaio 2019.

Altrove, anche l’ Università tecnica di Braunschweig e lo specialista in tecnologia laser Laser Zentrum Hannover eV (LZH) stanno lavorando per trasformare la polvere lunare in un materiale da costruzione . Nella loro ricerca, il team ha suggerito che una macchina di fusione laser da tre chili potrebbe essere montata su un rover e trasportata sulla Luna come sistema di produzione portatile.

Be the first to comment on "Progetto Olympus: ICON e NASA sviluppano un’infrastruttura per la stampa 3D sulla luna"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi