Printing Things un libro sulla stampa 3d che fa il punto della situazione

Printing ThingsUn libro fa il punto sullo stato dell’arte della stampa in 3D
Printing Things: in uscita in questi giorni da Gestalten

Dai gioielli alle applicazioni mediche all’avanguardia, dai prototipi alla realizzazione low-cost di sistemi meccanici complessi, dalle case “istantanee” alla possibilità di materializzare schizzi e bozzetti in tempo reale: la stampa 3D oggi è forse la tecnologia che più di ogni altra è riuscita a guadagnare in maniera trasversale l’attenzione di quasi tutti i settori della società e un’economista-star come Jeremy Rifkin si è entusiasmato al punto tale da tirare in ballo addirittura la terza rivoluzione industriale (ma, secondo altri punti di vista, potrebbe essere la quarta se consideriamo la prima quella della macchina a vapore, la seconda quella dell’industria pesante e della produzione di massa e la terza quella dell’informatica).

Al netto della “moda”, che in quanto tale è passeggera, resta comunque il fatto che l’abbattimento dei costi dell’hardware necessario a stampare in 3D (oggi potenzialmente chiunque potrebbe permettersi un modello base “da scrivania”), la nascita di una comunità globale di makers che si scambiano informazioni e progetti open-source e soprattutto la continua evoluzione tecnologica che sempre di più permetterà l’utilizzo di nuovi materiali, dalle materie plastiche e i metalli fino al cibo al materiale biologico, stanno davvero rivoluzionando dal basso i modelli di produzione e dunque—seppure per ora soltanto in piccolo—l’intera economia.
Dopotutto il giorno in cui potremo produrci in casa tutto ma proprio tutto quel che ci serve scaricandone, gratis o a pagamento, i modelli tridimensionali (magari modificandoli pure per adattarli alle nostre esigenze) non è poi così lontano!

Se da una parte “fotografare” un fenomeno che è appena agli inizi e in pieno mutamento è comunque impresa ardua, un libro pubblicato in questi giorni dall’editore tedesco Gestalten, Printing Things, prova a fare il punto sullo stato dell’arte della stampa 3D.
Pensato forse più per il potenziale appassionato che per il professionista, il volume raccoglie materiale su attrezzature e processi di stampa, designer e progetti, con un bell’apparato di esempi e di punti di vista.
Una sorta di primo atlante, insomma, di un mondo che stiamo appena iniziando ad esplorare e del quale i confini non sono ancora—per fortuna—ben marcati.

Simone Sbarbati da Frizzi Frizzi

Be the first to comment on "Printing Things un libro sulla stampa 3d che fa il punto della situazione"

Leave a comment