Pillole stampate in 3D, in forma di capsule, sono controllate da campi magnetici e attivate per la consegna del farmaco ai pazienti con malattie gravi come il cancro

Pillole stampate in 3D telecomandate per inibire la crescita del cancro

Fondamentale per il trattamento della maggior parte dei pazienti, si prevede che i farmaci sotto forma di pillole e complessi sistemi di somministrazione di farmaci cambieranno drasticamente anche nei prossimi anni poiché questi articoli possono essere stampati in 3D in modo rapido, economico e in una varietà di forme, dimensioni e colori – passando dalla fase concettuale alla realtà con l’approvazione della FDA di Aprecia , una pillola per l’epilessia. La tendenza è proseguita da lì e, sebbene forse un po ‘più lentamente del previsto, molti ricercatori continuano a fare passi da gigante.

Ora, ingegneri e scienziati farmaceutici dell’Università del Sussex e dell’Università del Texas ad Austin hanno creato un metodo unico per la consegna dei farmaci, con il controllo remoto. Le pillole stampate in 3D, in forma di capsule, sono controllate da campi magnetici e attivate per la consegna del farmaco ai pazienti secondo necessità. Ciò potrebbe significare un trattamento migliore per i pazienti con malattie gravi:

“Il dispositivo offre una maggiore efficacia e sicurezza attraverso una distribuzione e un assorbimento ottimali dei farmaci nella posizione target a livello (sub) cellulare. Questo dispositivo ha il potenziale per essere utilizzato in trattamenti contro il cancro, il diabete, il dolore e l’infarto del miocardio che richiedono cinetiche a rilascio variabile in cui i pazienti soffrono di disagio o inconveniente se attualmente si affidano a un trattamento monotonico non sintonizzabile “, ha affermato il professor Ali Nokhodchi, capo of Pharmaceutics Research Lab presso la School of Life Sciences dell’Università del Sussex e autore corrispondente.

Realizzazione del serbatoio del dispositivo utilizzando una macchina da stampa 3D standard.

Con l’uso di magneti, come indicato nel ” Nuovo dispositivo stampato in 3D con sistema di consegna di farmaci anticancro attivabile con campo magnetico macroscala integrato “, i farmaci potrebbero essere indirizzati verso aree che richiedono il rilascio di farmaci e quindi applicati da vicino.

“Il dispositivo offre il potenziale per un trattamento personalizzato attraverso il caricamento di un determinato farmaco in una particolare concentrazione e il rilascio in diversi schemi di dosaggio. Tutti i risultati hanno confermato che il dispositivo può fornire un modo sicuro, a lungo termine, innescabile e riutilizzabile per trattamenti di malattie localizzate come il cancro “, ha affermato Kejing Shi, ricercatore di dottorato presso la School of Life Sciences dell’Università del Sussex e autore principale dello studio.

Tale consegna mirata potrebbe consentire ai pazienti di rinunciare a trattamenti aggressivi come la chemioterapia, non solo indebolendo i pazienti ma danneggiando anche altre cellule. Anche gli errori nel dosaggio potrebbero essere eliminati, uno dei principali motivi di effetti collaterali negativi.

“Avanzando ulteriormente questo processo, potremmo creare diversi scomparti nella capsula con spugne diverse o impiegare altre tecniche in cui le proprietà di spugna macroporosa possono essere adattate per contenere due o più sostanze senza essere miscelate che potrebbero fornire corsi di trattamento più complessi”, ha affermato il dott. Rodrigo Aviles-Espinosa.

Be the first to comment on "Pillole stampate in 3D, in forma di capsule, sono controllate da campi magnetici e attivate per la consegna del farmaco ai pazienti con malattie gravi come il cancro"

Leave a comment