Pillole stampate in 3d a forma di uovo dissuadono gli utilizzatori di oppioidi dall’usare prodotti farmaceutici

Secondo una nuova ricerca, le compresse stampate in 3D potrebbero dissuadere gli utilizzatori di oppioidi dall’usare prodotti farmaceutici. Un team della St. John’s University, a New York , ha progettato e testato forme termoplastiche a forma di uovo che rendono difficile l’uso improprio di forti farmaci da prescrizione.

Queste tavolette a forma di uovo, soprannominate “uova”, sono state sviluppate e valutate dai medici Pavan Kumar Nukala, Siddhant Palekar, Manali Patki e Ketan Patel. Le pillole stampate in 3D hanno superato la maggior parte dei test per gli oppioidi per l’abuso di abuso come descritto nella guida della FDA.

Gli oppioidi deterrenti di abuso sono alterati per renderli più difficili da prendere in modo ricreativo. I ricercatori hanno optato per un modello a forma di uovo, che ricorda il guscio esterno duro di un uovo. Sentivano che questa forma avrebbe dissuaso i tossicodipendenti dal tentare di manomettere le pillole.

I gusci erano fatti di filamenti polimerici caricati con farmaci, preparati usando l’estrusione di hot melt (HME). Questi sono stati convertiti in forma di dosaggio solido, utilizzando una stampante 3D desktop FDM.

Gli effetti dell’abuso di oppioidi variano a seconda di come vengono presi. Gli oppioidi possono essere ingeriti, inalati o iniettati e il più alto numero di decessi per overdose è causato dall’inalazione o dall’iniezione. Farmaci prescritti sono spesso progettati per essere ingeriti per questo motivo. Lo sniffare può distruggere il tessuto nel naso o nella bocca e l’iniezione comporta il rischio di infezioni trasmissibili per via ematica.

Se un farmaco sembra essere troppo difficile da abusare, i consumatori di droghe possono essere meno propensi a tentare un uso ricreativo. La ricerca su questo è mista, con i risultati dello studio NOMAD (National Opioid Medic Abuse Deterrence) che conclude che l’ossicodone anti-manomissione riduce i tassi di iniezione tra le persone che iniettano droghe. Inoltre, non ci sono prove che questi utenti siano passati ad altri oppioidi. Uno studio del maggio 2018 su The Journal of Anaesthesiology ha concluso che le ADF “probabilmente trarranno beneficio da un sottogruppo relativamente piccolo di pazienti che sono tentati di passare da oppiaceo orale a più intenso”.

Nel frattempo, i tassi complessivi di dipendenza da oppioidi sono in aumento, secondo le ultime statistiche dei Centers for Disease Control and Prevention , pubblicati questo mese.

Farmaci deterrenti contro l’abuso

Un modo per ridurre la morte per overdose è rendere più difficile ai tossicodipendenti assumere troppo del farmaco in una sola volta. L’ingestione di una pillola è un modo lento e laborioso di assumere oppioidi, poiché inghiottire molte pillole richiede un po ‘di tempo.

Gli abusanti preferiscono trasformarli in soluzioni iniettabili o in polvere per sniffare, in modo che possano assumere più sostanza in un’unica seduta. Ciò aumenta il rischio di overdose. Snortare è una delle vie più comuni di abuso, perché è la più conveniente.

Per combattere questo, le aziende farmaceutiche possono produrre formulazioni di deterrente per abuso (ADF). Gli ADF sono farmaci difficili da modificare in termini di forma, dimensioni o stato. Non possono essere facilmente schiacciati o dissolti in acqua. Secondo il rapporto, gli ADF hanno il potenziale di “ridurre sostanzialmente” l’abuso di oppiacei, a costi significativamente inferiori per il sistema sanitario. Attualmente, le spese mediche negli Stati Uniti dall’uso improprio di oppioidi sono di circa $ 78,5 miliardi all’anno.

I risultati del egglet

Per soddisfare le specifiche FDA, le pillole ADF devono essere estremamente dure, con una resistenza allo schiacciamento di oltre 50 kg. Ciò rende difficile a chiunque di distruggere la medicina con oggetti domestici convenzionali. I testicoli hanno superato il test di frantumazione, resistendo ai 50 kg di forza richiesti.

Se invece le pillole vengono tagliate o mescolate, un’ulteriore misura è assicurarsi che i pezzi siano troppo grandi per sniffare, e non possono essere resi più piccoli. Per essere sniffati in modo efficace, le particelle al suolo devono essere inferiori a 1 mm. I ricercatori hanno testato questo mettendo i gusci in un macinino da caffè commerciale. I pezzi di uovo frantumati erano dell’80% più grandi di 1 mm e quindi non idonei per l’inalazione.


Il test finale per il egglet era vedere con quanta facilità si sarebbe sciolto in acqua. Se l’oppioide può essere dissolto in un liquido, può essere caricato in un ago e iniettato per via endovenosa.

Dopo essere rimasto in acqua per 15 minuti, il volantino non ha mostrato alcun cambiamento di forma o dimensione. Di conseguenza, l’acqua circostante conteneva meno del 15% del farmaco – una quantità troppo piccola per fornire un risultato soddisfacente per un potenziale molestatore di oppioidi.

Stampa 3D nella somministrazione di farmaci

L’uso di stampanti 3D in medicina sta diventando abbastanza comune che ora esiste un giornale medico dedicato per la stampa 3D in medicina. Tuttavia, in termini di sistemi di somministrazione di farmaci, i ricercatori si sono concentrati su nuovi modi di rilasciare farmaci, piuttosto che usare la stampa 3D in applicazioni convenzionali, come i farmaci ADF.

Un esempio recente è il primo paradenti a rilascio di farmaco stampato in 3D per terapia farmacologica personalizzata, testato dall’Istituto di Bioingegneria e Nanotecnologia di Singapore e dall’Università di Montreal in Canada.

La ricerca sul egglet è una delle poche applicazioni della stampa 3D nell’affrontare l’abuso di droghe. Un altro proviene da una fonte molto più radicale; Lo scorso luglio, il dott. Michael Laufer, fondatore dell’anarchico network biohacking Four Thieves Vinegar Collective , ha debuttato l’Apothecary Mircolab alla Hackers On Planet Earth Conference di New York, che consente agli utenti di sintetizzare farmaci fatti in casa per overdose di oppiacei , tra gli altri usi controversi.

Il nuovo kit 3D stampabile per farmaci per l’homebrewing alla conferenza HOPE a New York il 20 luglio 2018. Foto via The Parallax / Seth Rosenblatt.
Michael Laufer (background), con kit 3D stampabile per farmaci per l’homebrewing, alla HOPE Conference di New York City il 20 luglio 2018. Foto via The Parallax / Seth Rosenblatt.

Be the first to comment on "Pillole stampate in 3d a forma di uovo dissuadono gli utilizzatori di oppioidi dall’usare prodotti farmaceutici"

Leave a comment