Photocentric in America Latina

L’America Latina è la nuova frontiera di Photocentric

La società di stampa 3D Photocentric sta intraprendendo nuovi modi per presentare la propria tecnologia ai mercati di tutto il mondo, ben avviata allo sviluppo di nuove tecnologie in varie applicazioni, tra cui l’imaging digitale basato su schermo LCD e cercando di massimizzare la produzione di massa con le loro stampanti. La maggior parte riguarda la trasformazione, rendere le industrie più competitive, creare parti funzionali a basso costo e introdurre le loro stampanti in luoghi in cui la rivoluzione della stampa 3D deve ancora decollare.

Fondata nel 2002 nel Regno Unito, la ditta produttrice di prodotti chimici è specializzata nella fotopolimerizzazione a luce visibile, sviluppa la gamma di stampanti 3D a cristalli liquidi e ha persino commercializzato la prima stampante 3D basata su uno schermo LCD tre anni fa. Quest’ultimo design utilizza schermi LCD per polimerizzare la resina, il materiale che si indurisce nella forma stampata scelta.

La tecnologia di Photocentric ha già raccolto oltre 40 distributori e partner in tutto il mondo, portando il loro obiettivo più vicino alla rottura dei modelli di produzione esistenti e consentendo nuovi progetti privi di vincoli di utensili.

In America Latina, la società sta sviluppando una forte relazione con il mercato brasiliano e sta guadagnando terreno in Cile, Uruguay, Argentina, Perù, Bolivia e Paraguay, praticamente in tutti i paesi del cono meridionale. Tuttavia, è un mercato del tutto difficile da penetrare, molti paesi della regione attualmente non dispongono delle infrastrutture e delle risorse necessarie per sviluppare ulteriormente i loro settori, ritardando l’implementazione di una vasta gamma di tecnologie, in particolare la stampa 3D. Ma un clima più competitivo si sta gradualmente diffondendo man mano che alcune aziende iniziano ad adattarsi ai cambiamenti e ad abbracciare i vantaggi. Per comprendere la complessità del mercato della stampa 3D in America Latina, 3DPrint.com ha parlato con Lea Vasconcelos Williams, Responsabile delle vendite per esportazione Photocentric della regione.

“L’America Latina rappresenta quasi il 10 percento della popolazione mondiale, quindi è sicuramente un mercato promettente per qualsiasi settore, compresa la stampa 3D”, ha suggerito Vasconcelos. “Tuttavia, ci sono alcune sfide considerando che le economie della regione sono principalmente basate su settori tradizionali, come l’agricoltura, i tessili, i minerali e le miniere; questo significa che pochissimi paesi stanno correndo per adottare nuove tecnologie, mentre altri sono offuscati da incertezze politiche ed economiche. “

“Ma anche in uno scenario che include una mancanza di crescita e un rallentamento economico, posso vedere che l’America Latina ha costantemente sviluppato nuove opzioni per l’utilizzo della stampa 3D nei suoi settori. Naturalmente, questo sviluppo avrebbe potuto essere più grande, più veloce e migliore, ma data la situazione generale [scoraggiante] nella regione, è ancora una svolta ”, ha continuato Vasconcelos.

Secondo lo specialista, i settori regionali che hanno incorporato la produzione additiva nei loro processi industriali e hanno conseguito prestazioni più elevate sono le industrie automobilistiche, mediche, dentistiche e aerospaziali, con una domanda crescente e seri progressi per i prodotti specifici del settore nell’ambito della gioielleria, delle calzature e dell’istruzione segmenti.

Tuttavia, Vasconcelos ritiene che “ci sono anche molti nuovi sviluppi per l’industria militare e marittima che potrebbero cambiare completamente il settore”.

“L’industria dentale è di gran lunga quella che riceve più investimenti ed è costantemente alla ricerca di nuovi prodotti, nuovi sviluppi, sempre più ricerca e materiali biocompatibili in grado di fornire un mercato effervescente e multimiliardario. Le tecnologie 3D diventeranno il principale metodo di produzione per tutte le soluzioni dentali in pochi anni e la stampa LCD sta già svolgendo un ruolo molto importante in questa trasformazione “, ha affermato.

L’industria automobilistica è anche un grande settore per la stampa 3D, poiché le attività mondiali di assemblaggio di veicoli e produzione di ricambi auto sono migrate verso paesi al di fuori dei mercati automobilistici tradizionali, tra cui i maggiori produttori di veicoli dell’America Latina, Brasile e Messico, con una produzione annuale di circa 4,3 milioni di veicoli nel 2018.

La presenza di Photocentric in Brasile ha guadagnato ulteriore accettabilità dopo che le macchine dell’azienda sono state esposte dai distributori locali 3DProcer e Sethi3D al più grande evento di stampa 3D del Sud America, Inside 3D Printing Conference ed Expo , che si è tenuto lo scorso giugno a San Paolo.

“Credo che il mercato brasiliano si stia preparando a introdurre la stampa 3D nel suo processo di produzione. Ma non è senza alcune sfide, il paese sta ancora camminando lentamente rispetto ad altri mercati emergenti, principalmente a causa delle poche aziende disponibili o con risorse sufficienti per investire in tecnologie avanzate. Inoltre, molte aziende regionali sono per lo più interessate a ottenere un ritorno più rapido sui loro investimenti e alcune hanno paura di acquistare la tecnologia AM a causa della mancanza di specialisti nel paese ”, ha continuato Vasconcelos.

“In passato, la fase di prototipazione dei progetti era fortemente basata su fornitori esterni o eseguita esclusivamente da gruppi di ricerca e università, impiegava settimane, persino mesi per consegnare un oggetto. Anche i prezzi erano molto alti e la qualità del prototipo era bassa, rendendo impossibile la produzione in serie del prodotto. “

Vasconcelos ha anche sottolineato che l’attuale governo brasiliano ha recentemente implementato una serie di esenzioni fiscali per stampanti 3D, materiali di consumo e accessori, rendendo l’intero processo di importazione meno costoso e aprendo una porta considerevole per le nuove tecnologie nella stampa 3D.

Photocentric ritiene che la creazione di competenze esclusive sia la chiave per una transizione più fluida dai metodi tradizionali a un processo più ampio, più veloce, più economico, moderno e meglio controllato utilizzando la stampa 3D per le applicazioni in serie. Accreditare nuovi distributori, aprire partnership con aziende specifiche per ciascun settore del mercato, offrire sessioni di formazione, anche informazioni nelle lingue locali, partecipazione a fiere (come Inside 3D Printing Brazil) insieme ad ambasciatori di marchi locali scelti dall’azienda per replicare il migliori pratiche di stampa 3D, sono solo alcuni degli esempi di ciò che l’azienda sta attualmente facendo per aumentare ulteriormente la sua partecipazione al mercato latinoamericano, in particolare in Brasile.

“Il Brasile è un gigante sotto molti aspetti con la capacità di crescere anche durante i periodi difficili della recessione. Insieme a Messico, Colombia, Cile e Argentina, è diventato uno dei principali mercati della stampa 3D in America Latina e in pochi anni sarà paragonabile ad altri mercati più grandi e più vecchi in Europa, negli Stati Uniti e in Asia. ”

Per quanto riguarda il processo di stampa LCD creato da Photocentric, Vasconcelos ha annunciato che offre possibilità illimitate, con un prezzo conveniente non solo per l’hardware ma anche per le resine e un’esperienza utente amichevole che potrebbe aiutare il settore industriale in Brasile, che è cercando di modernizzare i suoi processi produttivi, migliorare la qualità e tagliare i costi.

“L’aggiunta della tecnologia di stampa LCD Photocentric è il modo per ottenere quei risultati senza compromettere il budget dell’azienda perché l’uso di schermi nella stampa 3D ha ridotto significativamente il costo delle stampanti e degli accessori, rendendo il processo di stampa più veloce senza perdere precisione e qualità “.

Photocentric ha distributori posizionati in tutto il mondo. In Argentina, Printalot è l’unica azienda che commercializza le stampanti 3D e ha abilitato lavori autenticamente originali e artistici da uno dei migliori orafi del paese, Quimbaya Orfebreria . Dopo aver acquisito macchine Photocentric, l’azienda è riuscita a incrementare la propria produzione del 400%, a ridurre i tempi di produzione dell’80% e ad introdurre progetti complessi nella propria linea di gioielli. A Quimbaya è stato persino chiesto di stampare in 3D una collezione di cucchiai di Game of Thrones per il lancio di HBO in Spagna dell’ultima stagione del famoso spettacolo. I cucchiai sono stati stampati con Daylight Violet Cast su LC Precision 1.5 in argento e poi dipinti a mano.

Mentre la stampa 3D sta lentamente ma stabilmente guadagnando terreno in America Latina, Photocentric potrebbe avere un impatto importante sulla regione, aiutando industrie come ingegneria, medicina, dentistica, modellistica e persino istruzione a ridurre i costi e trasformare i concetti di design in prototipi tangibili o utenti finali parti funzionali. Con l’aumentare delle richieste del settore, le esigenze si evolvono e vengono alla luce nuove applicazioni e i distributori ufficiali diventano grandi alleati per l’azienda mentre cercano di evolversi e crescere nel panorama delle applicazioni 3D.

Be the first to comment on "Photocentric in America Latina"

Leave a comment