Optical Textiles materiale illusorio Illusory Materials e piattaforma di stampa 3D lenticolare di Jiani Zeng

Un ricercatore del MIT sviluppa “materiale illusorio” e una piattaforma di stampa 3D lenticolare

Il pluripremiato e designer industriale, Jiani Zeng , ha concentrato il suo lavoro e la sua ricerca nella creazione di esperienze di consumo tangibili, reattive e attraverso un design che combina elementi del mondo fisico e digitale. Il suo lavoro esplora il nuovo pensiero progettuale e le possibilità materiali consentite da tecnologie emergenti come AI, IoT, stampa 3D multi-materiale.

Il suo ultimo lavoro ‘Optical Textiles’ ha vinto il Red Dot 2020: Best of the Best, selezionato tra 4170 candidature da 52 paesi. Il lavoro si basa sulla sua ricerca sulla tecnologia di stampa 3D lenticolare, dove ha introdotto il concetto di materiale illusorio ‘ ‘, che ha dimostrato come i futuri designer potrebbero non dipendere solo dagli impianti chimici per la creazione del colore, ma potrebbero usare il suo approccio, con lenti stampate in 3D e semplici blocchi di colore, per creare tonalità, texture e rifrattività che possono cambiare nel tempo o con differenti angoli di visione.

Sebbene la stampa lenticolare non sia un concetto nuovo, il suo utilizzo è stato limitato a due dimensioni per creare effetti di visualizzazione 3D su una superficie piana. Crea un’animazione o un effetto di movimento o può essere utilizzato per progettare messaggi o immagini nascosti che possono essere visti correttamente solo a determinati angoli di visione, usati spesso in carte novità, giocattoli, magneti, pezzi di visualizzazione e altro. Con il supporto del MIT Media Lab e del professor Axel Killian e della professoressa Stefanie Mueller, Jian Zeng, Honghao Deng e Yinyi Zhu hanno sviluppato un framework di stampa 3D lenticolare, una metodologia di progettazione tridimensionale, che consente ai designer di controllare e creare colori e texture dinamici. Il loro scopo è quello di “superare i limiti del design tradizionale, eliminando la necessità di replicare semplicemente materiali già esistenti, creando espressioni materiali simili a sogni che esistono solo nel mondo digitale”.

In un certo senso, mentre i materiali intelligenti sono stati sviluppati prima per applicazioni in medicina o calzature , questo nuovo approccio è unico in quanto cerca di avvicinare la creazione di materiali e la creazione di design più che mai, utilizzando materiali “impossibili” possibili solo nel mondo digitale e che eliminano i limiti di superficie nel design del prodotto o industriale utilizzando materiali tradizionali. Come afferma il sito web del progetto,

“Il nostro obiettivo è criticare la metodologia di progettazione esistente e sperimentare sia nel mondo digitale che in quello fisico; superare i limiti del design tradizionale e rimuovere la necessità di replicare semplicemente materiali già esistenti; scomporre il mezzo di progettazione in “materia”, ristrutturando e reinventando la materialità per creare espressioni, forme, proprietà ed esperienze uniche “.

Hanno sviluppato un flusso di lavoro computazionale per consentire ai progettisti di creare effetti ottici su qualsiasi superficie a forma libera e quindi stampare direttamente in 3D il materiale / oggetto fisico utilizzando stampanti 3D multimateriale (i ricercatori qui hanno utilizzato la serie Stratasys J8). Il concetto 3D stampa il materiale come lenti lenticolari per fornire l’effetto visivo come strato superiore e uno strato inferiore con materiali di base colorati o fantasia. Le informazioni visive o funzionali sono incorporate nella materia materiale, a livello di voxel, in modo che risponda dinamicamente a un ambiente in evoluzione (schemi mutevoli, messaggi scritti interattivi o effetti visivi sensibili al tocco) o all’intervento dell’utente senza la necessità di alcun o elementi robotici.

Immagine per gentile concessione di Illusory Materials & Core77 Awards

La metodologia di stampa voxel può essere utilizzata da un designer che abbia familiarità con la modellazione CAD e non richiede alcuna conoscenza di codifica. Ciò consente inoltre ai designer di “ giocare con CMF ” (Colore, Materiali, Finitura) utilizzando nuovi materiali digitali e, cosa più importante, includere dettagli di superficie, consistenza e rifrazione proprio all’inizio del processo di progettazione per creare prodotti con caratteristiche dinamiche e interattive . La metodologia offrirebbe una piattaforma di progettazione per progettisti di prodotti, designer industriali o architetti e produttori per costruire digitalmente la prossima generazione di prodotti fisici.

Per dimostrare ciò che è possibile con ‘Illusory Material’, prodotti concettuali come Nseen (una bottiglia di profumo minimalista con informazioni essenziali nascoste), Loopop (un lecca-lecca con motivi di colori mutevoli e trame uniche), Unream (una lampada scultorea) e oggetti realizzato in materiale flessibile.

Inoltre, Zeng e Deng ritengono che i “materiali illusori” contribuiranno a far avanzare la progettazione e la produzione verso un’economia circolare, prevenendo i rifiuti tradizionali e migliorando significativamente la riciclabilità e la sostenibilità nel ciclo di vita dei prodotti. Nell’ambito dello Strategy & Research Award (Core 77 Design Awards 2020), notano i designer

“Se esiste un” super materiale “in grado di imitare qualsiasi proprietà del materiale nella produzione, potremmo risolvere il grosso problema dello spreco di materiale, del riciclaggio, della distribuzione ecc.” Il materiale illusorio “è essenzialmente” uno “materiale per tutti. Il materiale della stampante (in resina) può imitare diverse proprietà del materiale, miscele di colori e qualsiasi effetto ottico. Immaginare il futuro aspetto del design non si basa su strati del processo secondario, ma una singola stampa con lo stesso materiale; immagina un giorno, tutti i materiali possono essere visualizzati da soli senza elettronica, quanti rifiuti previene? Immagina che ci sia un materiale che imita qualsiasi proprietà del materiale e può essere stampato in 3D in qualsiasi forma e può essere riciclato facilmente per diventare il filamento originale. Crediamo che sia un futuro prossimo con la stampa 3D multi-materiale “.

Zeng è anche co-fondatore (insieme a Deng) e direttore esecutivo di Butlr Technologies , lanciato nel 2019, che utilizza dispositivi IoT e intelligenza artificiale a basso costo per tracciare e analizzare in modo non intrusivo le persone (rilevando il loro calore corporeo, non singole immagini o video ) movimento all’interno o all’esterno. Protegge la privacy individuale monitorando solo il calore corporeo, con un enorme potenziale negli ambienti di casa, vendita al dettaglio, viaggi, assistenza e ospitalità, ed è una soluzione particolarmente pertinente durante la pandemia che sta aiutando i rivenditori ei musei a riaprire con strumenti migliori per ridurre al minimo i rischi.

Be the first to comment on "Optical Textiles materiale illusorio Illusory Materials e piattaforma di stampa 3D lenticolare di Jiani Zeng"

Leave a comment