Operazione Namaste progetto SILC (Comfort Interface Liner in silicone)

Operazione Namaste Realizzazione di stampi stampati in 3D per allineatori protesici in Nepal

Lo scorso gennaio, il protesista-ortotista (CPO) certificato Jeff Erenstone, Chief Technology Officer di Create O&P , ha deciso di lasciare la società da lui co-fondata per continuare a promuovere e migliorare l’assistenza clinica e protesica nei paesi in via di sviluppo .

Oltre a curare i pazienti nelle sue cliniche dello stato di New York, ora ha focalizzato tutta la sua attenzione sull’operazione Namaste , l’organizzazione no profit che ha co-fondato che sta lavorando per garantire agli amputati in tutto il mondo un facile accesso a comode cure protesiche.

Secondo il sito web dell’organizzazione, aiuta “le persone determinate a raggiungere fornendo strumenti e supporto ai professionisti di ortesi e protesi in Nepal e oltre.”

L’operazione Namaste ha lavorato a diversi progetti utili, come l’hosting di un vertice su protesi e ortesi, la creazione di Camp Namaste per bambini nepalesi con differenze agli arti, aiutando un promettente paralimpico a giocare a basket e completando il Nepal Warrior Trek, dove una squadra di amputati e gli imprenditori si sono recati nel Paese per sensibilizzare e fornire assistenza finanziaria alle vittime del terremoto del Nepal del 2015.

Il suo ultimo progetto è SILC (Comfort Interface Liner in silicone) Solutions , che è un sistema per la fabbricazione locale di guaine in silicone. A ottobre, i volontari dell’Operazione Namaste hanno fatto un viaggio a Kathmandu, in Nepal, per testare il nuovo programma, che lavorerà per migliorare le cure protesiche – usando la stampa 3D – nei paesi in via di sviluppo.

“In parte viaggio di servizio e in parte trekking, questo viaggio ha caratterizzato un team di protesisti, un fisioterapista e un consulente alla pari amputati che hanno visitato il bellissimo paese del Nepal, visitando diverse cliniche protesiche lungo il percorso e mettendo su un vertice educativo per i praticanti nepalesi che discutono del le più recenti tecniche di cura “, ha dichiarato il sito web sul Nepal Trek 2019 dell’organizzazione.

Le fodere protesiche vanno tra un amputato e la loro protesi al fine di aumentare la mobilità e il comfort … il che è ottimo per i pazienti nei paesi ad alto reddito con un’assicurazione medica o i soldi per pagarli.

Erenstone disse: “Senza le fodere protesiche, gli amputati non sarebbero in vetta all’Himalaya, tornando al servizio militare in servizio attivo e competendo contro atleti abili negli sport olimpici”.

Sfortunatamente, queste navi non sono prontamente disponibili, o sono troppo costose, per la maggior parte degli amputati in paesi in via di sviluppo a basso reddito come il Nepal.

Il nuovo metodo SILC Solutions di Namaste utilizza stampi stampati in 3D progettati da CAD per creare guaine in silicone di dimensioni standard. Rispetto alle fodere tipiche, che possono costare fino a $ 200, quelle sostenibili create dall’organizzazione costeranno meno di $ 50 per la fabbricazione, rendendole molto più accessibili agli amputati nei paesi in via di sviluppo.

Erenstone ha esperienza diretta nel vedere la differenza positiva che un rivestimento protesico di qualità può fare nella vita di un amputato, specialmente in luoghi come il Nepal.

“Sono davvero entusiasta del decollo di questo progetto in Nepal e oltre. Il nostro obiettivo qui era di rendere le fodere accessibili, accessibili e sostenibili, e penso che ci stiamo riuscendo “, ha affermato Erenstone.

ROMP (Range of Motion Project), un’organizzazione no profit con sede in Colorado con obiettivi a coda di rondine, sta collaborando con l’Operazione Namaste per contribuire a raggiungere l’obiettivo di migliorare l’assistenza protesica in tutto il mondo.

“Le fodere in gel non sono alla portata della maggior parte delle persone nei paesi in via di sviluppo”, ha affermato Eric Neufeld, presidente del consiglio di amministrazione di ROMP. “Questo è stato un fattore limitante nella qualità delle cure per gli amputati.”

Durante il recente viaggio dell’operazione Namaste in Nepal, il team di volontari ha testato con successo il nuovo programma SILC Solutions, stabilendo che era possibile utilizzare stampi stampati in 3D per realizzare protesi a basso costo ovunque. L’organizzazione prevede di finalizzare i suoi rivestimenti protesici SILC prima di un altro viaggio pianificato in Nepal nella primavera del 2020, dove i volontari consegneranno i materiali necessari per fabbricare i rivestimenti e formare i professionisti sul processo.

Be the first to comment on "Operazione Namaste progetto SILC (Comfort Interface Liner in silicone)"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi