Openhand la mano robotica di Yale stampabile in 3d open source

Scienziati di Yale con  la stampa 3D e uretano fuso  costruiscono un braccio robot umano Openhand

Mentre il problema non è così diffuso con piccoli robot  stampati in 3D , chiunque abbia mai lavorato con una grande installazione robotica avrà incontrato lo stesso problema frustrante: come si fa a ottenere l’effetto finale della mano robot che sembri  funzionare come fosse umana? Sono già state trovate diverse soluzioni ragionevoli, ma hanno un difetto sono in genere molto costose, quasi impossibili da personalizzare e non difficili da trasferire con altri set up . Questo porta a sottolineare che la mano umana è una vera creazione  meravigliosa che ha avuto milioni e milioni di anni per perfezionarsi.

Ma Yale non sarebbe Yale se in esso gli scienziati si scoraggiassero per così poco. Sotto la guida del professore di Ingegneria Meccanica Aaron Dollar, il Progetto Openhand ha messo a punto una  soluzione  stampata in 3D. Il loro design della mano non è solo estremamente semplice ed economico da ricreare, risulta anche  una mano molto funzionale che può afferrare saldamente una varietà di piccoli e grandi oggetti – anche delle monete distese  sul tavolo. E per di più, la mano robotica è completamente  open source.

Come i ricercatori di Yale spiegano , il loro progetto è stato avviato per creare  una comunità di utenti  ampia che consenta alla progettazione robotica di evolvere organicamente. “Questo progetto intende creare una serie di design di mani open-source, e attraverso i contributi e alle modifiche progettuali della comunità di utenti open-source migliorare i risultati tecnologici “.

Prima punto : le mani robotiche devono essere polivalenti e adatte per l’uso funzionale ripetuto. ” le Mani di questo progetto sono quindi progettate per essere minimaliste e robuste, particolarmente indicate per la progettazione iterativa e il funzionamento in ambienti non strutturati”.

E non solo minimalista , la loro soluzione è sicuramente adatta per un uso ripetuto. Hanno creato un design che simula le falangi umane. ‘Usando delle falangi di tipo umano 2 o 3 su ogni dito si hanno risultati molto migliori rispetto alle  pinze semplici capisce e si adatta agli oggetti senza bisogno di sensori particolari o sistemi complicati. Tra l’altro questo  design separa gli elementi di azionamento  dalle dita, consentendo un maggior grado di personalizzazione ‘.

Ma mentre questi disegni possono essere molto costosi, il team di Yale ha  escogitato una tecnica di produzione che ruota attorno alla colata di resina, alla stampa 3D e un po lavoro con olio di gomito. In sostanza, si stampano in 3D una serie di dita di plastica che fungono da stampi in resina. Queste strutture cave vengono riempite con resina, che formano  i tendini e polpastrelli dopo l’indurimento .
Il risultato sono una serie di barrette multi-materiali che non sono solo robuste e flessibili, ma richiedono anche un numero minimo di elementi di fissaggio e di altri componenti per funzionare. Queste dita falangi tendine guidate  sono in grado di prendere un oggetto accerchiandolo naturalmente  distribuendo uniformemente la forza sull’oggetto come una mano umana. I polpastrelli, inoltre, consentono anche alla mano di raccogliere oggetti piatti e piccoli con facilità.
E, come ciliegina finale, sia il software sorgente e sia i file CAD open per queste dita tendini falangi  sono state progettati per consentire una configurazione variabile. ‘ Questo permette agli utenti di modificare rapidamente i parametri funzionali (es. la lunghezza di collegamento o irapporti di trasmissione) e parametri di produzione (es. Spessori , le dimensioni del foro) e avere quelle modifiche che si propagano in tutte le parti interessate,’  . Ciò significa che tutto questo approccio  può essere facilmente adattato alla propria creazione.

Infatti, per illustrare la flessibilità di questi disegni, la squadra Yale ha già sviluppato quattro diversi design  finali basati su questo principio. Essi hanno inoltre progettato un sistema di aggancio al polso di base che si allinea perfettamente a queste dita-tendine  .

Be the first to comment on "Openhand la mano robotica di Yale stampabile in 3d open source"

Leave a comment