Open Bionics la mano robotica stampata in 3d una idea di di Joel Gibbard

Open Bionics  e la mano robotica stampata in 3d.
“Stringere la mano di Daniel è stato incredibile. Non sembrava nemmeno la mano di un robot, il modo in cui mi ha afferrato, ho sentito   proprio come a Dan tremava la mano “, è la dichiarazione di  Jonny Melville dopo aver stretto  la mano di suo fratello minore per la prima volta nella vita.

Stringere la mano  può sembrare un esercizio che piace solo ai politici , ma per chi lo vive per la prima volta all’età di 23 anni, è qualcosa di molto più grande di un semplice saluto .

Daniel Melville è nato senza la mano destra – ma grazie a Open Bionics, ora ha una mano robotica a disposizione.

Melville è stato il primo volontario  della Open Bionics per testare  la loro mano bionica stamoata in 3d, ed ora  non riesce a fare a meno di stringere mane e dare il cinque orgoglioso di una mano destra robotica completamente funzionale.

La protesi originale che ha ricevuto da Open Bionics, è una dimostrazione di quanto la tecnologia di scansione 3D veloce e personalizzabile è importante per tale applicazione; ci sono voluti solo 20 minuti per il suo braccio destro per essere pienamente  scansionato  con un sensore 3D.

Da lì, Open Bionics, ha  stampato una protesi personalizzata per la nuova mano.

Al CES del mese scorso a Las Vegas, Open Bionics ha fatto indossare a Melville  la mano robotica per cinque giorni di fila, e certamente  lui ha passaato tutti i test di funzionalità.. Se il video in fondo a questa pagina è  indicazione, Melville trascorso un po ‘di tempo a contatto con le mani degli altri, per così dire, e mostrando le capacità di presa della mano robotica mentre era impegnato in movimenti naturali . Come il suo fratello Jonny aveva notato  prima di montaggio, le strette di mano di Daniel non danno la senzazione di afferrare la mano di un manichino, ma sembra  proprio come una qualsiasi stretta di mano normale, con la capacità piena di stringere le dita,

“Ero molto emozionato   perché è stata una cosa incredibile  “, ha detto Daniel Melville. “Perché sono nato senza una mano, in sostanza, ho imparato ad usare una mano per la prima volta, è davvero surreale. Ho continuato a stringere la mano a persone, e continuavo a chiedere il cinque ,  il pugno contro pugno , e tutti si fotografavano con me. E ‘stato davvero bello vedere come la gente ha reagito alla mia mano robotica, nessuno mi ha evitato e mi sentivo come se stessi recuperando il tempo perduto. ”

La mano è una invenzione di Joel Gibbard, che ha solo 24 anni  e ha  già vinto un premio Best Product Innovation.

La mano robotica viene propagandata  come la protesi ” più avanzata del mondo” . Il premio, gli è stato assegnato dalla rivista tedesca Computer Bild, che ha classificato la  mano bionica  come  il meglio della mostra del Ces . E Gibbard non è certo uno che si mette a riposare sugli allori dopo aver ricevuto questo prestigioso premio ; l’inventore sta già valutando i miglioramenti futuri.
. “Il nostro prossimo passo”, ha detto Gibbard, “è quello di avere una mano completamente integrata . Deve essere così facile da usare che Dan possa solo prenderla, indossarla,ed  iniziare ad usarla immediatamente senza fili, e quindi poi metterla in carica durante la notte. ”

Mentre altri miglioramenti saranno certamente benvenuti, per ora, l’utente principale del dispositivo sembra abbastanza soddisfatto. “Ho appena indossato la protesi la collego alla  batteria, e attivo i sensori EMG  electromygraphical “, ci spiega Melville. I sensori EMG del dispositivo registrano  l’attività muscolare dell’utente, che viene utilizzata per azionare la mano. “Direi che mi ci sono voluti circa due minuti per abituarmi ai sensori e poi non smettere più  “, ha aggiunto.

Naturalmente, le considerazioni sui costi entrano in gioco anche per le persone in cerca di dispositivi protesici – e Gibbard è sensibile a questo fattore. L’obiettivo è per questi dispositivi robotici avanzati di arrivare ad un costo inferiore  ai  mille dollari, che poi è solo una minima parte  del costo delle protesi di fabbricazione tradizionale. I processi di scansione 3D e la stampa 3D diminuiscono i costi su tutta la linea, così come riducono i tentativi e gli errori che molti amputati o comunque persone a cui mancano degli arti  incontrano nella ricerca della protesi ottimale. Gibbard ha avuto successo nel ridurre l’intera timeline – dalla scansione alla stampa di raccordo – per una nuova protesi personalizzata  ci vogliono ora  meno di cinque giorni.

“E ‘stato interessante vedere qualcuno regolare ed indossare il nostro dispositivo bionico, soprattutto il  modo in cui è stato usato : naturalmente, e senza pensarci”, ha detto Gibbard. “Vedendo Dan indossare la mano ci dà una grande motivazione  perché abbiamo visto che l’avrebbe potuto effettivamente utilizzare, e che sarebbe stata un grande vantaggio per lui, proprio come avevamo sperato. Abbiamo anche potuto  vedere i problemi che ci sono ancora da risolvere  e ora sappiamo in quale direzione muoverci. E ‘una grande spinta  per noi. ”

Be the first to comment on "Open Bionics la mano robotica stampata in 3d una idea di di Joel Gibbard"

Leave a comment