Omid Afarinan 3D Bio il Bioprinting in Iran


Durante l’assemblaggio della nostra mappa del mondo della bioprinting , abbiamo omesso alcune aziende. Una delle aziende che inizialmente non abbiamo trovato è Omid Afarinan, noto anche come 3D Bio . Questa è una società iraniana che produce bioprinter e bioink. Finora abbiamo visto relativamente poco attività di stampa 3D e bioprinting in Iran, quindi siamo stati più che felici di fare un’intervista con l’azienda per saperne di più (oltre alle scuse per averle dimenticate nella mappa del mondo!).

Cosa fa la tua compagnia?

La nostra azienda lavora su tutta la catena della bioprinting dalla progettazione dei tessuti alla fase di applicazione. Il punto focale dei nostri sforzi in questa catena è la progettazione, la fabbricazione e lo sviluppo di bioprinter commerciali. Tutti i tentativi di ricerca e sviluppo sono definiti in base al tessuto interessato o, in altre parole, alle esigenze del tessuto e all’andamento del mercato. Sulla base di questo fatto, il tessuto target determina la personalizzazione delle bioprinter, la scelta delle cellule viventi e dei bioink creando un ecosistema multidisciplinare di campi scientifici.

Dove speri di essere tra cinque anni?

Il nostro obiettivo a medio termine nei prossimi cinque anni si sta trasformando in un’azienda leader nella ricerca e nello sviluppo della bioprinting con numerosi laboratori specializzati e l’unico centro di servizi di bioprinting. Raggiungere il primo tessuto vivente trapiantabile sarebbe l’obiettivo finale in questo periodo.

Perché qualcuno dovrebbe scegliere di lavorare con te?

Il nostro team ha la capacità di creare una vasta gamma di personalizzazioni nella progettazione di bioprinter sia su sistemi hardware che software. Questa capacità porta a versioni personalizzate e stampanti specifiche per i tessuti. Le nostre bioprinter sono di alta qualità e competitive rispetto alle controparti estere dal punto di vista dell’accuratezza e dei costi. Il nostro lavoro di squadra esemplare tra vari esperti e l’esistenza di un ambiente multi-professione ha portato a risultati attuali e ha anche portato alla formazione di tirocinanti di talento. Il nostro team accoglie gruppi specializzati e studenti desiderosi soprattutto nel campo della biologia molecolare e cellulare per rafforzare le sue capacità.

Quali sono le differenze tra il Biofab e la serie Pioneer?

La principale differenza tra queste serie è il loro meccanismo di stampa. La bioprinter Pioneer è basata sull’estrusione mediante viti, mentre Biofab utilizza attuatori pneumatici per la stampa. Questo, a sua volta, rende Biofab più capace soprattutto in caso di precisione. La versione Pioneer possiede la capacità di un controllo senza pari sulle testine di stampa e può stampare una varietà di idrogel. Inoltre, la versione Biofab supporta una vasta gamma di biomateriali e sospensioni di cellule viscose per la stampa.

Entrambe le serie sono fornite in due versioni, con 2 o 4 testine di stampa.

Che tipo di bioink hai sviluppato?

Omid Afarinan, in quanto prima azienda nazionale in Iran, ha riunito esperti di diversi settori scientifici con l’obiettivo di produrre nuovi bioink. I bioink Afarinan Omid sono convenienti, hanno un’alta stampabilità, imitano la matrice extracellulare (ECM) e forniscono un ambiente adatto per la proliferazione, la crescita e la differenziazione delle cellule. Alcuni dei nuovi bioink unici del 3D-Bio Team sono i bioink PCL , PCL / amido, alginato e alginato / gelatina. Soft-Ink è il più recente bioink dell’azienda; un bioink biodegradabile a base di puro alginato e gelatina che può favorire la crescita e la proliferazione di qualsiasi tipo di cellula di tessuti molli. Una delle caratteristiche principali di questo bioink è l’elevata stampabilità e l’uniformità con la capacità di regolare la rigidità della sua matrice stampata.

Oltre a una varietà di bioink dai materiali termoplastici agli idrogel, l’azienda produce anche bioink su misura per applicazioni specifiche.

Cosa stanno facendo i clienti con le vostre stampanti?

I clienti utilizzano principalmente la stampante per condurre ricerche all’avanguardia in particolare sulla creazione di tessuti rigenerativi per i trapianti e sullo studio del comportamento dei tessuti viventi. In particolare, i nostri attuali clienti lavorano su tessuti duri come impalcature ossee, in particolare tessuti maxillo-facciali e molli, tra cui cartilagine, pelle, cornea e cuore. Lo studio sulla consegna dei farmaci, la ricerca cosmetica e il trattamento del cancro sono altri aspetti di ciò che i nostri clienti fanno con le bioprinter.

Quali successi a breve termine riscontri nel bioprinting?

I successi nei tessuti ossei e cartilaginei sono promettenti negli ultimi anni. Ciò è dovuto al fatto che tali tessuti hanno una bassa densità cellulare. Questo è più pronunciato nel tessuto osseo dove possono essere utilizzati scaffold acellulari. La stampa della pelle viene dopo nell’elenco sul lato dei tessuti molli, per essere un tessuto piatto e multistrato. Inoltre, i Bioink vengono sviluppati in parallelo ma a un ritmo più lento. Questi successi a breve termine spianerebbero la strada a tessuti con geometrie più complesse.

Dove è impegnativa la bioprinting?

Le sfide esistono in entrambe le fasi di bioprinting pre e post-stampa. Nella fase di prestampa, la sfida riguarda la stampabilità di biomateriali e bioink. In altre parole, rendere stampabili i materiali e l’idoneità della stampa è di primaria importanza. Superare questa sfida porta a tessuti funzionali stampati che potrebbero imitare quelli reali. Nella fase post-stampa, le sfide derivano principalmente dalla complessità dei tessuti viventi, in particolare dai processi di vascolarizzazione e post-stampa come la coltura cellulare e la migrazione che rende i tessuti stampati pronti per le loro applicazioni. Queste sfide e questi problemi necessitano di strette collaborazioni tra diversi esperti per risolvere in breve e lungo periodo.

Che consiglio avresti per un ricercatore che vuole entrare nel bioprinting?

Il primo consiglio è che il ricercatore dovrebbe indossare scarpe di ferro. In altre parole, affrontare molte difficoltà è inevitabile e ottenere risultati può richiedere del tempo. Quindi, la pazienza e la speranza sono il punto chiave. Inoltre, il bioprinting richiede un gruppo multidisciplinare che comprende ingegneri, biologi e medici e nessuno può riuscire individualmente in questo percorso. Infine, l’utilizzo di una bioprinter standard e affidabile potrebbe essere utile e far risparmiare tempo a qualsiasi ricercatore.

Be the first to comment on "Omid Afarinan 3D Bio il Bioprinting in Iran"

Leave a comment