Oluwaseyi Sosanya la sua tessitrice 3D Weaver

La tecnologia di stampa 3D è oramai protagonista del mondo della moda, ma come il designer industriale londinese Oluwaseyi Sosanya dimostra, forse si sta andando oltre la moda. Il designer come forse ricorderete , ha sviluppato la  3D Weaver lo scorso anno, una macchina in grado di fare strutture 3D molto durevoli, combinando la tessitura con la stampa 3D. Mentre all’inizio è stata usata per fare  scarpe alla moda, ora si sta studiando la possibilità di creare dei vestiti leggeri a prova di coltello e anche antiproiettili .

3d Weaver Oluwaseyi SosanyaNel 2014  Sosanya Prendendo ispirazione dalla tradizione inglese  nella tessitura, ha sviluppato una macchina in grado di stampare dei tessuti modellati in 3D per il suo progetto di laurea al Royal College of Art. La macchina di Sosanya tesse essenzialmente insieme degli strati di materiale intorno a delle punte di metallo  ad altezze diverse per creare delle forme tridimensionali. Una volta che il disegno è tessuto si immerge  nel  silicone per renderlo più forte, più resistente e altrettanto indossabile. ‘ Con la  3D Weaver, una volta che la prima riga è stratificata, il filo mantiene la sua tensione, grazie a dei  tubi di guida e un primo avvolgimento del filo programmato . Ho codificato un po ‘di software che permette a qualsiasi geometria solida di essere suddivisa in strati e tessuti’, ci spiega  Sosanya.

La prima creazione sono state delle suole per un paio di scarpe che sembravano non solo di moda, ma erano anche molto confortevoli e personalizzabili.  ‘Una scarpa in cui  è possibile programmare in anticipo la densità, la pianta del piede, l’arco del piede, nel primo un materiale più forte e nel secondo un materiale più morbido per poi tornare al tallone con un materiale più denso. Tutto questo si può fare con una sola stampata. Oppure si può immettere un modello 3d dopo aver studiato e scannerizzato il piede.

Dopo le scarpe, ora esplora altri ambiti, essendo anche un ciclista BMX ha dei problemi di movimento con le protezioni , allora ha cominciato a pensare ad un tessuto che abbia la stessa resistenza ma sia più leggero e più flessibile. Inoltre le protezioni attuali sono in neoprene e schiuma . Ma quest’ultima col sudore tende a deformarsi e dopo un uso intenso le protezioni cominciano a logorarsi.

I materiali prodotti dal suo Weaver 3D, invece , sono molto più resistenti e in grado di mantenere la loro forma rispetto alla schiuma. Sono, infatti, in grado di essere utilizzati per rafforzare specifiche aree anche  di giubbotti antiproiettile per assicurare la flessibilità e la sicurezza per chi li  indossa.

L’ esercito australiano sta testando le applicazioni pratiche della 3D Weaver per aggiungere la sicurezza e il comfort delle loro truppe sul campo. stampati ‘tessuti’ immerso nel silicone potrebbe essere utilizzato per creare o di deformazione assorbimento zone in armatura che distribuiscono gli impatti e garantire forme rimangono intatti. Nel tempo, può essere utilizzato per fornire tessuti più leggeri e più resistenti per le uniformi.

Be the first to comment on "Oluwaseyi Sosanya la sua tessitrice 3D Weaver"

Leave a comment