Ocean’s 8 quando Hollywood scambia la stampa 3d con la fantascienza

La stampa 3D non ha bisogno di essere più sexy . Tranne che a Hollywood, dove tutto deve essere sexy, glamour e over-the-top, le tecnologie 3D rimangono sotto i riflettori. Mentre gli attori sono aerografati e Photoshoppati, le tecnologie vengono ridisegnate per diventare la loro sorta di caricature, con le interpretazioni sullo schermo che ricordano solo tangenzialmente le loro controparti del mondo reale.

La  trilogia di Ocean  , interpretata da George Clooney nel ruolo di Danny Ocean è stat una bella serie,  Ocean’s 8 seguendo trailer e promozioni promette  un divertente intermezzo al femminile.  Dopo l’esordio del film, sono seguite immediatamente una serie di recensioni, come è naturale per un blockbuster stellato che si basa su un franchise già popolare. Molte di queste recensioni si sono focalizzate su un dispositivo importante utilizzato nella trama della rapina: la stampa 3D. Le tecnologie presentate in questo film sono fattibili? No. No, sono clamorosamente non fattibili al momento.

Tale sentimento è stato ampiamente condiviso, compresi gli sguardi di Refinery29 , Huffington Post , Bustle e Vulture . Mentre l’ultimo di questi ha anche sentito il bisogno di sollevare il problema delle pistole stampate in 3D ( sigh ), è notevole che il pubblico stia prendendo nota dell’uso delle tecnologie da parte dei film. Il Guardian ha sottolineato oggi, infatti, che la stampa 3D è diventata una cara di Hollywood, aggiungendo un trucco ai film del prossimo futuro (o ai giorni nostri).

Con il  replicatore Star Trek  ancora una visualizzazione go-to per ciò che la stampa 3D è, la raffigurazione della tecnologia dei media offre un punto di ingresso per un pubblico diffuso per conoscere prima di tutto ciò che è là fuori. La maggior parte del pubblico è abbastanza esperta da riconoscere che i film sono intrattenimento, spesso poco legati al mondo reale, ma queste raffigurazioni non ci fanno un sacco di favori.

Pianificando la rapina con Nine Ball, interpretato da Rihanna, si corre con  la tecnologia
In  Ocean’s 8 , l’equipaggio della rapina utilizza un paio di occhiali con uno scanner 3D integrato per ottenere una scansione della collana Cartier da $ 150 milioni nel cuore della trama, con il file digitale immediatamente disponibile da inviare a una stampante 3D desktop il il “recinto” della squadra – Tammy, interpretato da Sarah Paulson – aveva raccolto per loro. La collana stampata in 3D era una replica visivamente quasi perfetta che poteva facilmente passare per il pezzo originale di Cartier fino al suo esame con la lente d’ingrandimento di un gioielliere.

Sono disposto a lasciare un sacco di quella diapositiva a favore della magia cinematografica, soprattutto dal momento che un piano di rapina troppo accurato non sarebbe davvero nel miglior interesse di nessuno, ma vale la pena dare un’occhiata a questo film visto che sta giocando piuttosto velocemente e sciolto, diremo, quando si parla di rappresentazione delle tecnologie 3D.

Per quanto riguarda la scansione 3D, ero soddisfatto del fatto che gli occhiali non potessero trasmettere dati dalle profondità del sotterraneo di diamanti sotterraneo di Cartier, almeno, e non si trattava nemmeno di una scansione lampeggiante. Tuttavia, il processo ha funzionato area per area in un modello che personalmente non ho mai visto da scanner di fascia alta, tanto meno che potrebbero essere inclusi in un paio di occhiali da vista casualmente indossabili. Non è stato necessario rianalizzare le aree, il che è di per sé impressionante, ma lo è ancora di più per la lucentezza e la lucentezza dei numerosi diamanti e l’intricato hardware di impostazione dei metalli preziosi. La scansione one-and-done, presa anche solo da sopra senza alcun esame di parte inferiore dell’impostazione dei gioielli, ha creato un file digitale apparentemente perfetto che non richiedeva alcuna riparazione, ridimensionamento o riempimento di buchi di dati.

Sebbene nessuna foto della stampante 3D con protagonista sia immediatamente disponibile online, ho confermato che la macchina utilizzata era un  MakerBot Replicator Z18 . È stato confortante vedere il logo familiare accanto ai marchi di alta gamma nel campo della moda e del design nel film, che non si sono fatti intimidire dagli sprazzi liberali di nomi riconoscibili, dalle celebrità ai beni per la casa.

“MakerBot viene avvicinato da TV e studi cinematografici per tutto il tempo cercando di aggiungere un elemento di futurismo al loro set o cercando di caratterizzare il guru della tecnologia o l’hacker della storia. Nella maggior parte dei casi, la stampante si illumina silenziosamente sullo sfondo, aggiungendo poco più della sua tonalità LED di spazio-temporale, “mi ha detto Josh Snider, responsabile delle pubbliche relazioni.

“Le opportunità più interessanti sono quando un team di produzione vuole effettivamente ritrarre la stampante in azione o come punto centrale della trama”.
La stampante 3D in background mentre Amita di Mindy Kaling ascolta Debbie Ocean di Sandra Bullock discute i diamanti
La stampante 3D ha fatto la sua prima apparizione finendo una stampa in scala abbastanza grande del  David , che Tammy ha estratto dalla macchina immediatamente dopo il completamento. (Questo è stato il punto in cui ho sussurrato: “Non è così che funziona!”). La tecnologia in gioco è stata chiaramente, seppur brevemente, mostrata come FDM, dato che l’estrusore ha finito in cima alla testa di  David . Senza supporti né agenti aderenti al letto stampato apparentemente non riscaldato, Tammy ha immediatamente presentato la stampa chiara e rifinita a Debbie Ocean di Sandra Bullock, perfetta senza alcuna post-elaborazione per appianare le linee degli strati. Forse lo zirconio stampato in 3D non mostra in qualche modo la stratificazione così chiaramente come fa la plastica? O richiedere supporti? O qualsiasi mezzo di adesione del letto? O periodo di raffreddamento?

Il materiale utilizzato nel film era zirconio, che era … plastificato ed estruso in un filamento? Pelletizzato e utilizzato su MakerBot hackerato che consentiva l’alimentazione del pellet? Liquefatto e utilizzato su un FDM basato su resina gravemente compromesso … ?? Con non più che felici battute veloci sull’uso dello ‘zirconio stampato in 3D’, e senza colpi che mostrano il materiale immesso nella stampante 3D – e anzi, con il mio richiamo, potenzialmente errato, solo quello scatto della stampante 3D in azione per niente – è stata prestata poca attenzione alla stampa 3D reale dei falsi gioielli. La stampante 3D apparentemente multi-materiale (a meno che le impostazioni dei gioielli fossero anche in zirconio?), Confezionate magicamente con una singola testina di stampa (a meno che un’altra fosse nascosta da qualche parte in modo intelligente), seguì la perfetta stampa del  David con una collana completamente accurata pronta a ingannare gli spettatori di Met Gala e le guardie di sicurezza di Cartier a colpo d’occhio.

Come abbiamo già sentito, e come ha detto Bustle , le tecnologie per la stampa 3D di diamanti sintetici sono state esaminate già da qualche tempo poiché la scienza dei materiali continua a far avanzare le possibilità della produzione additiva. Il brevetto Lockheed Martin del 2016 notato qui, però, offre un approccio realistico che coinvolge una particolare composizione del materiale. Poly (hydridocarbyne), un polimero preceramico a base di carbonio con similarità strutturali ai diamanti, è al centro dell’attenzione qui, e il processo descritto nel brevetto non funzionerebbe nemmeno con il più avanzato Smart Extruder + di MakerBot  .

Daphne Kluger, interpretata da Anne Hathaway, indossa la collana molto apprezzata
Se ignoriamo alcune parti chiave del processo tecnologico in gioco, la stampa 3D di gioielli doppelgänger è una premessa divertente per un fulmine abbagliante esca-e-interruttore. Ciò ignora le difficoltà nella scansione 3D delle superfici riflettenti, lo scanner 3D leggero ma estremamente preciso, la mancanza di una necessità di correggere (o apparentemente controllare) un file di progetto finito per renderlo pronto per la stampa, la discussione di qualsiasi software, la velocità di stampa , uso materiale irrealistico, scelta errata dei macchinari per quel materiale se dovesse esistere in quanto tale, mancanza di post-elaborazione … Se ignoriamo tutto questo, insieme ad alcuni altri problemi tecnologici (solo alcuni), i gioielli di sciocco stampati in 3D offri un po ‘di divertimento finto-tecnologico al cappero dal forte ensemble.

Trovo inequivocabilmente delizioso che MakerBot abbia chiamato internamente la stampante 3D del film “MakerBot CZ18” (cubic zirconia, la forma cubica cristallina di biossido di zirconio, spesso abbreviata in CZ, adattandosi con disinvoltura disinvolta accanto al nome Z18). Ci auguriamo che il team di MakerBot si senta presto parlare del loro coinvolgimento in  Ocean’s 8  e che cosa ha portato la (C) Z18 sul grande schermo.

“Quando la Warner Bros ci avvicinò con il campo per Ocean’s 8, fummo entusiasti di presentarli al Replicator Z18 e dare i nostri migliori consigli su come sparare alla stampante senza aggiungere troppa CG. Questa è sempre una grande preoccupazione, specialmente con la storia di hype e ritratti dei media che creano aspettative non realistiche della tecnologia “, mi ha detto Snider oggi.

“Ci siamo uniti sul set per dare un corso accelerato alla stampante, poi ci siamo seduti e incrociamo le dita nello studio non aggiungere alcuni effetti pazzeschi come nebbia, scintille o grandi carri armati di goo. Ovviamente il replicatore Z18 non è in grado di stampare diamanti – ci riferivamo scherzosamente a questa unità come CZ18 – ma il regista Gary Ross e i suoi team hanno fatto un lavoro straordinario mantenendo la rappresentazione con i piedi per terra aggiungendo ancora quell’elemento di fantasia e intrigo “.
Per la maggior parte, però, piuttosto che uno scherzo sullo schermo, la maggior parte di ciò che la stampa 3D offre attualmente meglio sullo schermo è la creazione di effetti speciali , oggetti di scena , costumi , mostri e altri film magici.

Be the first to comment on "Ocean’s 8 quando Hollywood scambia la stampa 3d con la fantascienza"

Leave a comment