NoiseAware e Ultimaker

NoiseAware fa rumore (ma non troppo) sulle stampanti 3D Ultimaker

Il problema di fare rumore e disturbare i vicini è un problema serio , ed è particolarmente rischioso in appartamenti soprattutto quando si affittano immobili. Spesso è un problema innocente: le persone si divertono semplicemente ad una festa e non si accorgono nemmeno che la musica e le voci si sono alzate troppo. Queste sono per la maggior parte visite relativamente facili da fare da parte della polizia, rispetto ad altre questioni che devono affrontare, ma occupano anche del tempo prezioso quando ci sono problemi più seri.

Sarebbe bello se i padroni di casa potessero occuparsi dei problemi causati dal rumore prima che la polizia venisse chiamata, ma spesso i vicini eccessivamente irritati telefonano alla polizia prima di rendersi conto della situazione della gestione della proprietà. Ecco dove una startup chiamata NoiseAware entra in gioco. Orientata verso i proprietari di Airbnb e altri immobili in affitto, il sistema avvisa NoiseAware della gestione della proprietà, quando i livelli di rumore superano ilimiti , permettendo loro di affrontare la questione prima che la polizia sia chiamata.

NoiseAware vende il suo prodotto da oltre un anno e ora sta lavorando alla prossima generazione, ma si è trovata ad affrontare una questione di costi. Costava  20.000 dollari  esternalizzare il processo di prototipazione iniziale e circa  800 dollari per ogni prototipo, quindi la start up stava cercando un modo per gestire la prototipazione stessa, in-house, a un costo inferiore. NoiseAware ha trovato una soluzione nelle stampanti 3D Ultimaker , in particolare nella Ultimaker 3.

Tramite la rapida prototipazione di parti su Ultimaker 3, NoiseAware è stato in grado di testare rapidamente e rifare le parti in base alle necessità prima della produzione finale, eliminando il rischio di problemi in futuro. La società è stata in grado di ridurre i costi da  800 dollari a meno di  10 dollari per componente e ha ridotto il tempo di produzione complessivo da giorni a ore.

“Se non usassimo la stampa 3D su Ultimaker per assistere allo sviluppo del nostro prodotto, avremmo impiegato 10 volte più a lungo per testare il prodotto – il che aprirebbe le porte alla concorrenza  “, ha dichiarato Garrett Dobbs, responsabile del prodotto di NoiseAware.
Utilizzando le stampanti 3D, NoiseAware è stata in grado di produrre prototipi funzionali per test sul campo con i clienti per migliorare la progettazione, le prestazioni acustiche, l’architettura del sistema, il provisioning dei dispositivi, la trasmissione a radiofrequenza e altro ancora. Oltre a risparmiare tempo e ad assicurarsi che tutto sia perfetto prima di inviare il prodotto ai fornitori per la produzione finale, la società è stata anche in grado di fornire prototipi funzionanti a clienti, potenziali investitori e venditori per dimostrare il valore del prodotto.

“Il costo di completare la nostra prototipazione richiesta con un venditore avrebbe coperto il costo della Ultimaker quattro volte ormai”, ha concluso Dobbs.
La situazione di NoiseAware è uno dei numerosi esempi di stampa 3D che riduce i costi e i tempi di prototipazione, consentendo di perfezionare, rifinire e posizionare i prodotti sugli scaffali in modo molto più rapido ed economico rispetto alla prototipazione tradizionale. E per i proprietari di Airbnb e altri immobili in affitto, un prodotto come questo probabilmente non sarebbe arrivato abbastanza presto.

Be the first to comment on "NoiseAware e Ultimaker"

Leave a comment