Nicole Hone il designer che usa la stampa 4d per stupire con gli idrofite

Intervista a Nicole Hone che usa la stampa 4D per realizzare un’animazione tangibile

Una visione unica delle piante subacquee potrebbe aprire la strada a nuove esperienze cinematografiche. L’industria cinematografica sta entrando in nuovi posti con la stampa 3D, ad esempio con i costumi premio Oscar della Black Panther che includono stampe 3D personalizzate, e non dimentichiamo l’innovativa tecnologia utilizzata dal Weta Workshop neozelandese quando si sono avventurati nel Signore di JRR Tolkien of the Rings trilogy nei primi anni 2000, realizzando oggetti stampati in 3D per oggetti di scena e costumi cinematografici. Nel 2018 la tesi di master di uno studente basata sulla stampa multimateriale 4D ha suscitato l’interesse di Sir Richard Taylor, co-fondatore e direttore di Weta. Questa tesi potrebbe significare che anche l’industria cinematografica si interesserà seriamente alla stampa 4D.

Nicole Hone , un designer e dottorando industriale di Victoria University di Wellington , in Nuova Zelanda, ha creato idrofite, un progetto che mostra le qualità di adattamento di stampa 4D -t lui creazione del 3D stampata oggetti che possono spostare o cambiare la loro forma o aspetto attraverso rispondendo a stimoli esterni, come cambiamento di temperatura o assorbimento d’acqua.

Il progetto Hydrophytes evoca la bellezza delle piante acquatiche che portano lo stesso nome e porta la visione di Hone alla vita. Sono belli da guardare mentre scivolano, si torcono e si espandono dolcemente imitando gli organismi acquatici viventi. Sono un’opera d’arte commovente, quasi respirante, e la prova di quanto lontano la tecnologia di stampa 3D può andare nel ricreare forme organiche. 3DPrint.com ha intervistato Hone per saperne di più sul suo progetto.

“Sin da quando ero bambino ho amato l’arte, disegnare, dipingere, scolpire con argilla e fotografia, e avere accesso alla stampa 3D multi-materiale per tutto il mio tempo all’università è stato l’inizio del mio interesse finale per la stampa 4D. Il modo in cui la tecnologia PolyJet struttura oggetti con proprietà di materiali variabili, e persino la sensazione e il comportamento dei materiali digitali, sta diventando più simile alla biologia naturale, sono qualità che mi hanno portato a questo tipo di stampa 3D. Sono sempre stato affascinato dalla natura, specialmente dalla botanica e dalla vita marina, perché non solo il mondo naturale fornisce una ricchezza di immagini belle e strane, ma anche il modo in cui le cose crescono, si adattano e si muovono è sorprendente “, ha spiegato Hone a 3D Print. com durante un’intervista.

Nel contesto del suo progetto di ricerca, Hone ha utilizzato la tecnologia Stratasys PolyJet in combinazione con tecniche di gonfiaggio pneumatico per creare oggetti stampati in 4D in movimento. Secondo Hone, Polyjet le consente di stampare miscele di resine rigide e flessibili all’interno di un singolo oggetto. Fotopolimeri acrilici e gommosi, noti rispettivamente come Vero e Tango, possono essere miscelati e stampati simultaneamente per creare parti sfumate. Questo processo è anche noto come utilizzo di materiali digitali. È stato rilevato che se questi materiali vengono utilizzati correttamente, le parti possono avere proprietà di memoria di forma che consentono loro di tornare alla loro forma o posizione originale quando vengono manipolate. Ha quindi usato la sua intuizione per creare “creature” stampate in 3D che sembrano muoversi come se avessero una vita propria.

“Penso che ci sia qualcosa di affascinante nel vedere un oggetto muoversi indipendentemente e prendere vita davanti ai tuoi occhi. Sperimentare di persona le immagini 4D, essere in grado di interagire con loro e osservare come gli altri rispondono alle stampe sono tutte parti piacevoli del processo “, ha suggerito il designer la cui mentalità orientata al futuro spera di aiutare l’uomo e la natura a vivere insieme in modo più armonioso utilizzo della tecnologia.

“Le Hydrophytes sono state realizzate su Stratasys Objet Connex 350, rendendolo ideale per la stampa di piccoli oggetti con parti fragili e forme organiche complesse. Strutture interne e meccanismi di movimento possono anche essere progettati in modo efficace, consentendo la creazione di stampe attivate pneumaticamente. Le creature Hydrophyte hanno dimostrato una serie di movimenti e personalità organiche complesse, in precedenza inesplorate dalla tecnologia PolyJet. Parte di questo movimento è progettata dalla modellazione 3D delle loro camere interne, dalla forma e dallo spessore di ciascuna parte e da come si intersecano. Le stampe 4D sfruttano anche la flessibilità e le qualità performative dei materiali digitali “, ha descritto.

Questo progetto avvicina i mondi digitali e fisici. Le Hydrophytes di Hone possono interagire con l’ambiente circostante nello spazio fisico, rispondendo a forze esterne come la gravità e il movimento dell’acqua e le persone.

“Questa risposta avviene in modo naturale e conforme alle” regole “del mondo reale piuttosto che all’animazione del computer. Con CGO (oggetti generati dal computer), i progettisti possono sfruttare sia il mondo digitale che quello fisico, dove gli oggetti possono interagire in modo naturale con l’ambiente circostante. Questo equilibrio tra design controllato e interazione naturale incontrollata porta alla creazione di prestazioni organiche convincenti “, ha dichiarato il designer, che ha recentemente completato il master in Design Innovation.

È un’animazione tangibile! Portare gli oggetti alla vita nello stesso mondo del pubblico, con la stampa 4D multi-materiale. Questo è vantaggioso sia per il cinema che per le industrie espositive in cui le esperienze immersive sono una tendenza in crescita. Gli oggetti di scena realizzati con la stampa 4D multi-materiale potrebbero aiutare a suscitare reazioni autentiche da parte degli attori e creare interazioni convincenti tra oggetto e ambiente.

Hone definisce anche questa animazione tangibile come una “magia” cinematica che può essere trasformata in autentici incontri fisici per parchi tematici, esperienze interattive multisensoriali in musei o acquari, nonché robotica, architettura e medicina, potenzialmente aiutando a creare robot acquatici acquatici, adattivi superfici o organi funzionanti.

“Mi piacerebbe continuare a portare oggetti alla vita, che si tratti di animali, personaggi di fantasia o persino dinosauri. Lo sviluppo di nuovi materiali per la stampa PolyJet e la tecnologia voxel offre interessanti opportunità per creare oggetti stampati in 4D più complessi, realistici e più grandi; l’incorporazione di sensori, materiali intelligenti o anche materiali viventi offrirebbe una maggiore capacità di progettare il movimento e creare oggetti davvero vivi! “

Spero presto di iniziare a lavorare presso Weta, dopo aver completato con successo uno stage nel 2017, dove ha incontrato Taylor. In futuro, non vede l’ora di progettare contenuti per spazi espositivi o film, “creare esperienze che possano stupire e incuriosire le persone”. Sicuramente il suo amore per la natura e l’ammirazione per il rapporto tra uomo, ambiente e tecnologia continueranno a stupirci negli anni a venire.

Be the first to comment on "Nicole Hone il designer che usa la stampa 4d per stupire con gli idrofite"

Leave a comment