Nanofabrica e la stampa 3d miniaturizzata

NANOFABRICA COMMERCIALIZZA LA TECNOLOGIA DI PRODUZIONE ADDITIVA A RISOLUZIONE DI MICRON

Nanofabrica , una società di sviluppo di tecnologie di produzione additiva di precisione con sede a Tel Aviv, ha lanciato le sue stampanti 3D industriali a risoluzione di livello micron, il sistema di officine e il sistema industriale.

Entrambe le piattaforme integrano il processo brevettato dell’azienda che si basa su un motore Digital Light Processing (DLP) e Adaptive Optics (AO), una tecnologia utilizzata per migliorare le distorsioni dell’immagine in dispositivi ottici come i telescopi.

Questa tecnologia è progettata per produrre parti con livelli di micron e sub-micron di risoluzione e finiture superficiali nei settori medicale, automobilistico, aerospaziale, ottico e dei semiconduttori. Jon Donner, CEO di Nanofabrica, ha dichiarato:

“Esiste un inesorabile passaggio verso la miniaturizzazione, con molte applicazioni che richiedono livelli estremamente precisi di precisione micron e sub-micron su macro e micro parti [e] esiste un enorme potenziale per una piattaforma AM in grado di supportare questa tendenza”.

“UN’INTERA GAMMA DI PIATTAFORME DI PRODUZIONE TRADIZIONALI È STATA SVILUPPATA PER SODDISFARE QUESTA DOMANDA, MA FINO A POCO TEMPO FA, LA CAPACITÀ DI AM DI PRODURRE TALE PRECISIONE IN TUTTI I CASI – DA SOLA A LIVELLI DI PRODUZIONE DI VOLUME – È STATA IMPOSSIBILE.

Una serie di componenti realizzati in vari materiali, tra cui 3 gradi di ABS, 3 diversi gradi di PP e parti in ceramica.
Una serie di parti stampate in 3D realizzate in vari materiali, tra cui 3 gradi di ABS, 3 diversi gradi di PP e parti in ceramica. Foto via Nanofabrica.
Stampa 3D delle linee sottili

Con una significativa esperienza nello sviluppo dei materiali, gli ingegneri di Nanofabrica hanno sviluppato una gamma di materiali proprietari, basati sui polimeri utilizzati comunemente nell’industria (ABS e PP), che consentono una risoluzione ultraelevata. Tali materiali lavorano in tandem con il processo DLP dell’azienda per produrre micro-dispositivi.

Anche i materiali ceramici con carichi fino all’80% sono stati stampati in 3D da Nanofabrica, che ora sta sviluppando materiali ceramici al 100% con una risoluzione di 1 micron.

Il sistema di officina e il sistema industriale, che ha un involucro di 5 x 5 x 10 cm, utilizzano questa tecnologia e la selezione dei materiali per la produzione digitale di massa di parti di precisione. In medicina, questo potrebbe comportare microvalvole, microsiringhe e micro dispositivi impiantabili o chirurgici.

Come una nuova impresa, Nanofabrica, fondata nel 2016, ha cercato di essere il primo “motore” nello spazio micro AM per la produzione. Ora, con la commercializzazione della sua tecnologia, l’azienda mira ad aiutare i progettisti e i produttori a cogliere ulteriormente i benefici della produzione additiva.

Simon Fried, presidente della compagnia di stampa 3D israeliana Nano Dimension , ha riconosciuto il lavoro di Nanofabrica con la produzione di micro additivi. In un’intervista del 2018 con il settore della stampa 3D Fried ha dichiarato:

“All’altro estremo dello spettro dimensionale, i ricercatori del MIT e le start-up come Nanofabrica prestano attenzione alla stampa di parti molto piccole. Ci si può aspettare che questo introduca nuove funzionalità di micro produzione. “

Be the first to comment on "Nanofabrica e la stampa 3d miniaturizzata"

Leave a comment