myReflection e le protesi per seni stampate in 3d

Nuova Zelanda: myReflection 3D Stampa delle protesi di Seno  leggere e convenienti per le pazienti di post-mastectomia

La stampa 3D ha portato il potenziale per un enorme cambiamento nella medicina, in relazione a tanti aspetti diversi, dalla bioprinting alla realizzazione di guide chirurgiche e molti dispositivi diversi. L’area delle protesi è già stata investita in modo estremamente positivo, per i pazienti di tutte le età in tutto il mondo. Ora, le donne che hanno subito mastectomie in Nuova Zelanda possono guardare avanti per protesi personalizzate che offrono un incredibile miglioramento rispetto alle opzioni precedenti.

Creati da myReflection , questi impianti possono essere realizzati come copie dei seni delle donne prima dell’intervento chirurgico. Fotografie o scansioni vengono utilizzate per creare le immagini che vengono poi convertite in un progetto 3D e in seguito in una stampa 3D. Fay Cobett di myReflection sottolinea che questi dispositivi stampati in 3D possono essere accreditati per migliorare la qualità della vita delle donne che hanno subito un cancro al seno, sono state sottoposte a mastectomia e vogliono “sentirsi di nuovo”.

“Siamo tutti diversi: cicatrici, grumi, protuberanze. Dobbiamo catturare tutti questi dettagli “, spiega Cobett.

Come sopravvissuta al cancro, Cobett ha una conoscenza di prima mano di come si combatte non solo la malattia del cancro al seno, ma anche la frustrazione degli impianti generici durante il tentativo di riguadagnare la normalità in seguito. Il suo compagno, Tim Carr (direttore di myReflection), voleva creare qualcosa che si sarebbe plasmato sul suo corpo piuttosto che causare un intenso disagio. Carr ha iniziato a collaborare con Jason Barnett, esperto di stampa 3D, e myReflection è nato.

La protesi paziente-specifica è così leggera e versatile che può essere indossata con qualsiasi reggiseno, e grazie alla convenienza associata alla stampa 3D (insieme alla velocità e all’efficienza nella produzione), le sostituzioni sono poco costose.

“Questo è assolutamente un primato mondiale per la Nuova Zelanda”, afferma Carr. “Ho visto [la moglie] Fay dopo aver perso il seno [e] a che fare con la protesi generica. Non rimangono sul posto ed erano pesanti ed erano costosi. “

Carr sottolinea che a causa della qualità unica delle protesi, potrebbero caricare in modo esponenziale di più per un tale prodotto. Il loro obiettivo, tuttavia, è rendere le protesi myReflection accessibili e accessibili. Carr spiega inoltre sul sito Web dell’azienda che il loro obiettivo non era quello di creare un “prodotto elitario”, ma piuttosto quello che le donne potessero godere facilmente; infatti, le donne che vivono in Nuova Zelanda, sottoposte a mastectomia, hanno costi di protesi e reggiseno coperti da quattro sussidi annuali.

“È stato un viaggio così personale per noi”, ha dichiarato Carr sul sito Web myReflection . “Siamo davvero entusiasti di poter condividere questo prodotto con altre donne che stanno attraversando o hanno attraversato ciò che abbiamo. Se siamo in grado di migliorare la qualità della vita delle donne che sono state malate di cancro al seno e aiutano a ripristinare la loro immagine di sé, allora ne vale la pena. “

Be the first to comment on "myReflection e le protesi per seni stampate in 3d"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi