Modeclix gli abiti stampati in 3d

Gli abiti stampati in 3D personalizzati di Modeclix hanno colpito la pista di Aarhus Walks on Water

Modeclix, un processo innovativo per la creazione di tessuti stampati 3D da indossare, ha visto la luce ad Aarhus Walks on Water, un evento di moda e tecnologia tenutosi nella città danese di Aarhus questo fine settimana passato.

Durante l’evento, i visitatori sono stati in grado di apprezzare abiti, accessori e altri indumenti realizzati utilizzando la  tecnologia Modeclix . Il processo è stato sviluppato da Shaun Borstrock, dott. Associato per la Business Innovation presso l’Università di Hertfordshire nel Regno Unito, in collaborazione con Mark Bloomfield, designer e fondatore di Electrobloom, società di gioielli stampati in 3D.

Come funziona Modeclix? Ebbene, il processo utilizza la tecnologia di produzione di additivi con la sinterizzazione laser per creare  tessuto realizzato in plastica interbloccabili, non totalmente contrari alla catena.

L’idea generale dietro a Modeclix è leggermente diversa da quella degli altri progetti indossabili stampati in 3D, in quanto si concentra principalmente sulla creazione di pezzi di tessuto che, una volta stampati, possono essere assemblati in un’ampia varietà di stili.

In altre parole, se si dispone di una lunghezza del tessuto polimerico di Modeclix, è possibile personalizzare e creare qualsiasi tipo di abbigliamento fluido che si desideri e in qualsiasi dimensione. Il progetto ci ha dimostrato che è possibile assemblare abiti spettacolari, abiti casual, camicie e anche borse con il materiale stampato in 3D.

In particolare, poiché i tessuti Modeclix utilizzano parti di interblocco, i pezzi di tessuto possono essere separati e ricostruiti in nuovi indumenti, consentendo un potenziale di moda virtualmente infinito.

“Abbiamo sempre saputo di poter realizzare  qualsiasi vestito in grado di adattarsi a qualsiasi forma del corpo, ma una delle sorprendenti scoperte è che potremmo riutilizzare i componenti modeclix per fare nuove cose”, si legge sul sito web del progetto.

I materiali altamente flessibili realizzati con il metodo Modeclix sono fatti per simulare i tessuti tradizionali e addirittura adattare tessuti, punti e modelli a maglia esistenti. Inoltre, il materiale plastico può essere facilmente tinto, rendendo possibile creare diversi modelli di diversi colori nello stesso abito.

“I precedenti abiti stampati 3D sono stati per lo più pezzi concettuali che sono solidi, con poco o nessun movimento”, ha dichiarato Borstrock  “Abbiamo cercato di creare eleganti capi stampati in 3D che abbiano un movimento sufficiente per assicurarsi che siano fluidi, accattivanti e confortevoli da indossare”.

In realtà, Modeclix potrebbe essere un passo importante nella vestibilità degli indumenti stampati in 3D.

Be the first to comment on "Modeclix gli abiti stampati in 3d"

Leave a comment