Minifactory Ultra stampante 3D ad altissima temperatura er PEEK e PEI

I Finlandesi  hanno un concetto chiamato Sisu. Sisu è una sorta di passaggio di grandine, quasi fatalista, convinzione della propria durezza, resistenza e capacità di sopravvivenza di fronte alle avversità. È una specie di grintosa lotta per non arrendersi mai. È questa forza interiore che traspare in ciò che fa Minifactory. Minifactory  è un piccolo ma dedicato team di costruttori di stampanti 3D in Finlandia. Hanno Susi nel loro Dna. Spesso confuso con MyMinifactory questo non è un sito di download ma un costruttore di alcune delle migliori stampanti ad alta temperatura del mondo. Il team sta ora rilasciando il Minifactory Ultra .

Ultra è una nuova stampante 3D ad alta temperatura ottimizzata per PEEK, PEI, PEKK e altri materiali ad altissime prestazioni.

La stampante ha un volume di costruzione di 330 x 180 x 180 mm.
La temperatura dell’ugello può raggiungere i 480 ° C
Temperatura della camera fino a 250 ° C
Servo motori al posto degli stepper.
Un sistema di ricottura a bordo in modo da poter postare processi e rafforzare le parti sulla macchina.
Calibrazione completamente automatizzata
Due estrusori indipendenti
Touchscreen da sette pollici
Un piano di stampa per tavolo vuoto in modo che i fogli di stampa possano essere facilmente aggiunti o rimossi.
Filtri a carbone

La stampante 100 x 80 x 100 cm è un dispositivo industriale appropriato che mostra una buona qualità di costruzione. Le parti che ne derivano sono di altissima qualità. È estremamente difficile stampare in 3D PEEK. Il materiale è difficile da elaborare e si possono ottenere molti problemi con il tentativo di ottenere la cristallizzazione e creare una parte. Molte stampanti 3D essenzialmente “bruciano” il calore con un sacco di calore che fuoriesce dalla camera durante le build. Operatori e OEM risolvono questo problema alzando la temperatura dell’ugello sempre più in alto. Questo è come mettere il forno in alto per provare a riscaldare la tua casa. Pertanto, molte parti PEEK si guastano a causa della temperatura troppo elevata o del controllo termico insufficiente sulla camera. Concentrandosi sulla buona gestione termica e sul controllo termico, Minifactory sembra aver risolto molti dei problemi che riguardano le stampe PEEK.

Un altro problema è che la cristallizzazione incompleta o impropria può portare a prestazioni scadenti delle parti. Sembra che stiano attivamente cercando di risolvere. Ottimizzando la macchina in modo che possa eseguire l’annealing sulla macchina stessa, gli utenti possono cuocere le loro parti dopo la stampa per migliorare i risultati. Ciò elimina una fase di gestione e sarebbe più semplice per gli operatori, ma allo stesso tempo non è ottimale nell’utilizzo della macchina. Il fatto che si concentrino su questo però significa che capiscono le esigenze dei loro clienti. L’annealing stesso è un riscaldamento controllato della parte in modo che lo stress sia alleviato, quindi può combattere deformazioni, problemi dimensionali e migliorare le proprietà fisiche delle parti.

Il direttore delle vendite e marketing Olli Pihlajamäki ci ha detto:

“MiniFactory è un produttore di stampanti 3D industriali guidato dalla passione per gli ultra-polimeri e dai migliori risultati per le parti stampate 3D di classe industriale. miniFactory Ultra è il nostro terzo tentativo di stampa 3D. Un culmine della nostra esperienza pluriennale, del nostro know-how industriale e della nostra follia perfezionata per la stampa 3D.

“Il più grande vantaggio nel miniFactory Ultra è la reale capacità di stampare in 3D ultra-polimeri ad alta resistenza senza deformazioni. È possibile con la camera riscaldata fino a 250 gradi centigradi. ULTEM (PEI), PPSU e altri polimeri amorfi richiedono temperature della camera di stampa al di sopra della temperatura di transizione vetrosa dei polimeri (Tg). La Tg è una delle proprietà termofisiche più importanti dei polimeri amorfi. A quella temperatura, le catene polimeriche sono orientate in modo casuale e hanno libertà di movimento e il polimero si trova nel rilassamento strutturale e si raffredda in modo uniforme e uniforme. Da lì arriva la forza e l’accuratezza dimensionale delle nostre parti ultra-polimeriche stampate.

“PEEK, PEKK e altri polimeri semicristallini richiedono un processo di stampa veramente sensibile per una cristallizzazione ottimale. Per questo l’Ultra ha un sistema di ricottura integrato e automatizzato unico nel suo genere, il che significa che dopo un lavoro di stampa, la macchina calcola ed esegue il processo di ricottura ottimale per parti di polimeri semi-cristallini. I servomotori di alta qualità su tutti gli assi si occupano della precisione di stampa. ”
Solo pochi anni fa le stampanti 3D desktop ad alta temperatura non esistevano. Ora c’è un mercato in espansione e in crescita di macchine funzionanti credibili che vengono utilizzate per testare e produrre parti in alcuni dei materiali più performanti nel mondo dei polimeri. Il mercato potenziale per queste cose è enorme, con molte aziende che si rivolgono a questi materiali per sostituire il metallo, cose leggere e realizzare impianti. Personalmente credo che questo tipo di sistemi sia il futuro. Un sistema accurato e con un buon controllo e gestione termica stamperà bene qualsiasi materiale. Filtro a carbone, servi, guide lineari e ricottura sono tutte caratteristiche che voglio anche sulla mia macchina domestica. $ 45.000 sono lontani dai kit RepRap con cui abbiamo iniziato, ma non sono un sacco di soldi se si stampano parti ad alte prestazioni in modo affidabile per gli utenti aziendali

Be the first to comment on "Minifactory Ultra stampante 3D ad altissima temperatura er PEEK e PEI"

Leave a comment