Microlay Versus stampante 3d dentale

La spagnola Microlay presenta la nuova stampante 3D dentale Versus, costruita per la ripetibilità
Il produttore spagnolo di stampanti 3D dentali Microlay si prepara a rilasciare il suo ultimo sistema di produzione additivo: Microlay Versus. La nuova stampante DLP 3D è progettata per offrire stampe di precisione e ripetibili superiori per il mercato dentale.

Microlay Versus segue la prima unità di stampa 3D dentale dell’azienda , DentalFab , che è stata rilasciata nel 2016. Il nuovo modello migliora e amplia il sistema originale in vari modi.

Secondo Microlay, la ripetibilità era la sua priorità principale nello sviluppo della stampante 3D, e i risultati del suo lavoro sembrano aver dato i suoi frutti.

“Sappiamo che all’interno di alcuni settori, come la ricerca dentale o scientifica, sono essenziali non solo la precisione, ma anche la prevedibilità e la ripetibilità”, afferma l’azienda. “E anche se spesso troviamo sul mercato stampanti 3D in grado di ottenere buoni risultati, troviamo il problema che questi risultati non sono sempre ripetibili a causa dell’elevato numero di variabili che possono influenzare il successo di un’impressione”.

Queste variabili includono l’orientamento di una stampa e il suo posizionamento sul vassoio di costruzione, la generazione del supporto, la temperatura della camera, l’ottica e altro. Per garantire che Microlay Versus sia in grado di superare le sfide di ripetibilità, la società afferma di aver “analizzato attentamente” ogni fattore che potrebbe influenzare la qualità di stampa, la prevedibilità e la ripetibilità.

Diamo un’occhiata ad alcune delle misure che Microlay ha adottato per garantire stampe di qualità.

Innanzitutto, l’azienda con sede a Madrid afferma di aver sviluppato un sistema di riscaldamento ad aria calda per la camera di costruzione della stampante in grado di mantenere il “microclima ottimale” per una data resina di stampa 3D e migliorare la qualità di stampa dal fronte del materiale.

La stampante è inoltre dotata di una sorgente di luce UV con una lunghezza d’onda di 385 nm, che secondo quanto riferito è in grado di solidificare anche le resine più trasparenti senza comprometterne il colore o la chiarezza. Un “modulo ottico dedicato” ottimizza il sistema di proiezione della stampante per ottenere risultati ottimali a seconda della sorgente luminosa (385 nm o 405 nm) in uso. Questo modulo è stato incluso per ridurre incoerenze e imperfezioni causate dal proiettore ai margini del piano di stampa.

Altre caratteristiche degne di nota includono una velocità di stampa fino a 50 mm all’ora (in altezza), connettività WiFi (o connessione USB), una fotocamera integrata per il monitoraggio dei lavori di stampa in corso, il controllo remoto della stampante e filtri esterni per garantire la qualità stampa anche in ambienti polverosi. Come bonus, la stampante Microlay Versus 3D vanta anche bassi costi di manutenzione (a causa di un serbatoio riutilizzabile) e un basso consumo energetico di circa 140W.

L’ultima stampante 3D di Microlay è sicura per l’industria dentale che sorride per le sue numerose funzionalità. Tuttavia, il costo del nuovo sistema non è stato ancora reso noto.

Specifiche complete per Microlay Versus:

Costruisci il volume
125 x 70 x 180 mm
Risoluzione XY
65 μm
Max. Risoluzione Z
1 μ
Calibrazione della luce UV
Automatico
Fonte di luce
LED UV 385 o 405 μm
Connettività
WiFi, Ethernet, USB
Dimensioni
350 x 424 x 624 mm
Peso
45 kg
Software per supporti
Print Studio
Materiali compatibili
Materiali di terze parti Detax, Dreve, NextDent,
Pro3dure, Funtodo, GT Medical

Be the first to comment on "Microlay Versus stampante 3d dentale"

Leave a comment