Makelab Market intervista a Christina Perla e Manny Mota

I fondatori di Makelab ampliano le attività con il mercato di Makelab per gli stampati 3D degli interni
Christina Perla e Manny Mota hanno avviato Makelab alcuni anni fa come un modo per offrire ai clienti un aiuto per dare vita alle loro idee di stampa 3D. Hanno fondato la società con sede a Brooklyn sui principi di innovazione e sostenibilità , e hanno mostrato una riserva apparentemente infinita di energia quando si tratta di migliorare e ampliare la propria attività. Recentemente hanno deciso di rivolgere la loro attenzione al lato creativo della stampa 3D e hanno lanciato il mercato di Makelab , un mercato per la progettazione di interni domestici stampati in 3D.

Giusto in tempo per le vacanze, Perla e Mota hanno presentato la loro prima collezione per il nuovo sito, una serie di fioriere stampate in 3D in una varietà di forme geometriche. Hanno anche molti altri piani per il sito e di recente hanno preso un momento per parlare della fondazione e del futuro di Makelab Market.

Qual è l’ispirazione dietro Makelab Market?

“Iniziando come servizio di stampa 3D, abbiamo potuto conoscere davvero le nostre stampanti e le funzionalità della tecnologia stessa. Ora siamo esperti nella stampa 3D, le migliori pratiche di stampa, come progettare in modo efficiente per tutti i diversi metodi di stampa 3D e come manipolare il processo di stampa per ottenere la migliore qualità. In termini di prodotto finale e finitura, la maggior parte dei nostri clienti desidera nascondere la trama della stampa 3D (lo stepping). Come Industrial Designers, non abbiamo potuto fare a meno di voler utilizzare e  mostrare  le trame e le imperfezioni della stampa 3D come elemento di design. Una volta che abbiamo iniziato a disegnare, modellare in 3D e prototipare, era come se i disegni venissero fuori da noi “.
Con che tipo di prodotti stai lanciando e perché?

“Amiamo la nostra casa e l’ufficio e amiamo progettare tutti gli spazi che occupiamo. Non siamo noi a lasciare qualcosa “come è”. Dobbiamo sempre fare qualcosa per personalizzarlo e  renderlo nostro. C’è solo così tanto che puoi fare solo con mobili e colori. Dopo le pareti, i pavimenti, l’illuminazione e l’arredamento, gli accessori sono ciò che  rende lo  spazio pop e lo porta alla vita. In termini di dimensioni, la stampa 3D è perfetta per questa fase di accessorizzazione nella progettazione di uno spazio. È come la spruzzatina sulla glassa sulla torta. Il  mercato di Makelab aiuta i nostri clienti a  creare i  propri spazi. Come diciamo, lo  facciamo  per te e tu lo  fai  tuo. ”
Che tipo di prodotti o materiali / finiture pensi di caratterizzare lungo la strada?

“In questo momento, abbiamo lanciato con PLA e calcestruzzo stampati in 3D. Vendiamo prodotti realizzati con il PLA stampato in 3D, ma facciamo anche un ulteriore passo in avanti. Utilizzando quella parte grezza stampata in 3D,  realizziamo  uno stampo e gettiamo pezzi di calcestruzzo che mantengono la trama stampata. Finisce per sembrare un cemento stampato in 3D.

“Più avanti, vorremmo sperimentare più media misti, combinando prodotti stampati in 3D con legno, metallo, cemento, vetro e acrilico. Siamo davvero entusiasti di iniziare con questi prototipi, stiamo già lavorando alle prossime due versioni! ”
Con cosa sei eccitato per il lancio del mercato di Makelab?

CP: “Personalmente, sono entusiasta di creare nuovamente. Sono andato a Pratt per Industrial Design ed è stato davvero bello sporcarmi le mani nel reparto di creazione. Negli ultimi due anni ho creato questo business con Manny, che è stata una delle avventure più appaganti della mia carriera, ma non ho avuto troppo tempo per progettare prodotti e vivere davvero   nel processo di progettazione. È rinfrescante. ”
MM: “Una volta una donna saggia ha detto, e cito, ‘Sono entusiasta di creare di nuovo’. Mi sento esattamente allo stesso modo. Sono così felice di poter finalmente spostare tutte queste idee fuori dalla mia testa e fuori nel mondo. È molto più gratificante progettare ora con la capacità di tenere immediatamente ciò che crei nelle tue mani grazie alla stampa 3D. Questi sono tempi eccitanti. ”

La stampa 3D è stata inventata negli anni ’80, ma non ha iniziato a prendere il vapore fino all’ultimo decennio. Perché pensi che sia?

“La stampa 3D è stata inventata da Charles Hull (3D Systems) negli anni ’80. Mentre si trattava di una tecnologia rivoluzionaria, gran parte di essa doveva ancora essere perfezionata ed era disponibile solo per altre grandi società in quel momento, a causa dei costi e della disponibilità. Nei primi anni 2000 iniziò il movimento RepRap che lanciò un’iniziativa open source. Questo nuovo movimento ha incoraggiato chiunque a costruire le proprie stampanti 3D. A causa di questa ritrovata disponibilità, la stampa 3D ha acquisito notorietà come metodo di produzione alternativo, portando così al settore che conosciamo e amiamo oggi “.

 

Be the first to comment on "Makelab Market intervista a Christina Perla e Manny Mota"

Leave a comment