L’olio di soia può essere usato per la stampa 3d AESO olio di soia epossidato acrilico

CUCINARE CON LA SOIA: IL TEAM LITUANO DIMOSTRA CHE L’OLIO VEGETALE PUÒ ESSERE UTILIZZATO PER LA STAMPA 3D

Un team di ricercatori della Kaunas University of Technology (KTU) e dell’Università di Vilnius , in Lituania, ha dimostrato che un materiale basato sull’olio da cucina può essere utilizzato per la stampa 3D.

Conosciuto come AESO (olio di soia epossidato acrilico), il materiale è in fase di test per la sua capacità di sostituire le resine derivate dal petrolio e ha dimostrato di funzionare senza l’uso di un fotoiniziatore.

La sperimentazione più recente del gruppo è stata pubblicata online sulla rivista Polymers .

Stampa 3D senza solventi

In questo ultimo studio, il team KTU / Vilnius lavora con una tecnica di litografia diretta laser (DLW) su misura. Come altri metodi correlati, (cioè due polimerizzazioni fotoniche ) il metodo DLW sfrutta la potenza e la velocità degli impulsi laser a femtosecondi per curare rapidamente un liquido in un solido.


Un piccolo reticolo quadrato è stato scelto come artefatto di prova. In totale, il team ha sperimentato tre diverse miscele AESO per determinare la migliore formula possibile, vale a dire:

  • Pure AESO
  • AESO con vanillina dimetacrilato (VDM)
  • E AESO con vanillina diacrilato (VDA)

Entrambi gli estratti a base di vaniglia, derivati ​​da lignina , VDM e VDA sono stati testati in questo esperimento in sostituzione dei composti aromatici presenti tipicamente nelle resine a base di petrolio. Come acrilati, entrambe le sostanze hanno un’alta sensibilità alla luce che potrebbe aumentare la polimerizzazione.

Un futuro ecologico per la polimerizzazione della vasca

In questa configurazione sperimentale, i test dimostrano che AESO e AESO / VDM puri sono adatti per la stampa 3D, senza la necessità di fotoiniziatori o solventi.

Confrontando i due tuttavia, le conclusioni aggiungono che “sono state ottenute migliori proprietà termiche e meccaniche per il polimero AESO puro”.

Inoltre, “Le più piccole caratteristiche spaziali ottenute sono 1 μm con un throughput in 6900 voxel al secondo.”


Nel complesso, il team ritiene che questo potrebbe essere un promettente passo in avanti per lo sviluppo di polimeri ecocompatibili e sostenibili. Le possibili applicazioni, a causa dell’eliminazione di ingredienti tossici, includono scaffold di cellule stampate in 3D e nanofotonica.

” Le resine prive di fotoiniziatore composte da monomeri derivati ​​dalle piante per la stampa ottica μ-3D di termoindurenti ” sono pubblicate con accesso aperto nel giornale Polymers . È co-autore di Migle Lebedevaite, Jolita Ostrauskaite, Edvinas Skliutas e Mangirdas Malinauskas.

Be the first to comment on "L’olio di soia può essere usato per la stampa 3d AESO olio di soia epossidato acrilico"

Leave a comment