L’Oasis 3DP porta il Jetting Open Source al pubblico

Il premio Hackaday 2018 si concluderà  presto e, come sempre, il concorso ha prodotto idee  innovative e promettenti. Una voce, presentata da Yvo de Haas, mira a rendere il binder-jetting accessibile a tutti. Il getto di legante, in cui un agente legante liquido è depositato per legare insieme le particelle di polvere, è un metodo efficace di stampa 3D i cui benefici includono non richiedere supporti. Non è una tecnologia, tuttavia, che è in genere accessibile al produttore medio. De Haas ha deciso di cambiarlo con lo sviluppo di Oasis 3DP , un legatore open source che genera una stampante 3D da lui stesso costruita.

L’Oasis 3DP è composto da due tramogge e uno spargitore. Una tramoggia è piena di polvere e l’altra funge da area di costruzione. Una testina a getto di inchiostro deposita il legante sull’area di costruzione, che quindi si abbassa dello spessore di uno strato. La tramoggia della polvere, a sua volta, solleva e lo spargitore diffonde un nuovo strato di polvere attraverso l’area di costruzione, a quel punto il processo si ripete. Ciò si verifica tutte le volte necessarie per creare una parte completa, che viene quindi rimossa, lasciata asciugare e pulita.

Oasis 3DP utilizza una tipica cartuccia a getto d’inchiostro per depositare il materiale legante e può stampare in diversi materiali, tra cui gesso, sabbia, zucchero, ceramica e metallo. De Haas sottolinea i numerosi vantaggi del binder jetting, incluso il fatto che può stampare con così tanti materiali e che non richiede supporti. Può anche essere facilmente modificato per la stampa a colori, semplicemente aggiungendo inchiostro o tintura accanto al rilegatore. Ci sono anche diversi inconvenienti, tuttavia: è un processo complicato e tutte le stampe richiedono un’elaborazione post. Anche le parti tendono ad essere molto fragili, il che limita la loro dimensione massima. È possibile stampare un solo materiale alla volta e le parti vuote richiedono fori per il drenaggio della polvere in eccesso. Tutti i processi di stampa 3D hanno i loro svantaggi, tuttavia, e nonostante questi,

De Haas ha progettato l’Oasis 3DP come progetto open source. L’installazione è abbastanza semplice e consente molto spazio per l’alterazione e la personalizzazione. Mentre ci sono molte, molte stampanti 3D open source, tendono ad essere per lo più FDM; il binder jetting non è qualcosa che si vede molto spesso nella comunità open source, che da solo rende questo un progetto intrigante. L’Oasis 3DP non è un progetto finito, de Haas mette in guardia, piuttosto un prototipo funzionante, quindi potrebbe avere alcune stranezze e imperfezioni. È un progetto promettente, tuttavia, e se si dispone dello spazio per un setup di full binder a casa o in officina, questa potrebbe essere sicuramente una cosa divertente con cui giocare.

Le finali del Premio Hackaday 2018 inizieranno il 22 ottobre, quando i 100 migliori progetti saranno portati davanti ai giudici. I giudici determineranno quindi i cinque progetti principali, che saranno annunciati all’Hackaday Superconference il 3 novembre.

Be the first to comment on "L’Oasis 3DP porta il Jetting Open Source al pubblico"

Leave a comment