Lo scanner 3D a colori MARS Bio-Imaging

Lo scanner 3D a colori MARS Bio-Imaging potrebbe rivoluzionare la tecnologia a raggi X e aiutare a individuare le malattie

L’ultimo sviluppo nel campo della tecnologia di scansione 3D potrebbe contribuire in modo significativo al futuro dell’assistenza sanitaria. La svolta sarà raggiunta dai ricercatori in Nuova Zelanda, che stanno sviluppando uno scanner appositamente progettato per la bio-imaging. In un’iniziativa congiunta nota come il programma MARS, un team di ricercatori sta sviluppando uno scanner molecolare spettrale in grado di produrre immagini a colori di oggetti all’interno del corpo, tra cui ossa e tessuti molli.

“Questa tecnologia spettrale di imaging molecolare è davvero la prossima grande innovazione nell’imaging medicale e queste immagini 3D forniranno ai medici le informazioni che al momento non sono possibili nelle scansioni TC, MRI o PET”, ha affermato il professor Anthony Butler dell’Università di Canterbury. “La capacità di questo scanner consentirà una maggiore diagnosi e monitoraggio di molte malattie e porterà a risultati migliori per i pazienti, in particolare nella prevenzione dell’ictus, nella sostituzione delle articolazioni e nella gestione del cancro.”

L’Università di Canterbury sta collaborando con l’Università di Otago al progetto, insieme alla società tecnologica MARS Bio-Imaging. Il campus di Christchurch dell’Università di Otago è stato il sito di prove iniziali di proof-of-concept per lo scanner 3D, sviluppato principalmente dai ricercatori di Canterbury. Fondata nel 2007, MARS Bio-Imaging si è già affermata nel mondo della scansione 3D e si occuperà del marketing e della vendita dei nuovi scanner MARS.

Lo scanner 3D è simile a un sistema CT standard basato su raggi X in molti modi, ma offre una risoluzione spaziale enormemente migliorata oltre all’immagine a colori. MARS ha descritto il passaggio dalla scansione 3D in bianco e nero a quella a colori, paragonabile al passaggio dalla fotografia in bianco e nero a quella a colori, in termini di importanza.

Lo scanner utilizza due rilevatori Medpix3, che sono collegati a sensori ad alta Z con passo di 110 micron con 8 contenitori di energia per pixel e una lettura di frame di 2 ms. Questi sono in grado di distinguere sia la densità che la variazione atomica in un campione. La densità determina la luminosità dell’immagine e la struttura atomica (i materiali fondamentali di cui è fatto il campione) determina il colore. La sorgente di raggi X per lo scanner è 1a 20 kVp, 350  μA sorgente di raggi X con modalità di scansione elicoidale.

Il progetto è stato sostenuto da una sovvenzione di 12 milioni di dollari da parte del Ministero per gli affari, l’innovazione e l’occupazione della Nuova Zelanda (MBIE) e ha ottenuto lo status di oro per l’eccellenza nella ricerca. Anche il Centro di eccellenza della ricerca MedTech è stato coinvolto nello sviluppo e il gigante della tecnologia GE Healthcare ha fornito uno scanner CT di fascia alta da utilizzare nelle fasi iniziali della ricerca.

L’implementazione del nuovo scanner MARS 3D dovrebbe rivoluzionare le procedure chirurgiche e la diagnostica medica, offrendo scansioni ad alta risoluzione molto più velocemente e con una dose di radiazioni molto inferiore rispetto ai sistemi comparabili. Esistono anche potenziali applicazioni in altri settori come la sicurezza delle frontiere, la silvicoltura, l’agricoltura e l’estrazione mineraria.

Secondo il padre di Butler e professore di Canterbury, amministratore delegato di MARS Bio-Imaging, Phil Butler, i tempi di consegna dovrebbero essere lunghi per la tecnologia medica, ma valgono la pena aspettare. Quando gli scanner MARS 3D arriveranno sul mercato, si prevede che aggiungeranno più di $ 50 milioni all’anno all’economia della Nuova Zelanda.

Be the first to comment on "Lo scanner 3D a colori MARS Bio-Imaging"

Leave a comment